Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2010

A VOI PADRONI DEL MONDO

A voi, padroni del mondo, dico prendetevi tutto:avete vinto! Le resistenze che possono realmente cambiare la Storia sono ormai crollate, le persone sono divise e seppur in una vistosa condizione di degrado, continuano a condividere i sogni o per meglio dire le illusioni che ogni giorno ci propinate. Avete vinto, si! in tutta la cementificazione che stupra un territorio bellissimo, in questa condizione del lavoro che poco ha a che fare con la dignità e nella dissoluzione di una qualsiasi forma di solidarietà. Questo è il momento: sferrate il colpo di grazia senza esitare perchè la condizione è a voi favorevole. Vi chiedo solo di evitarci questa morte a piccole dosi. Con la crisi poi, avete anche la scusa per distruggere gli ultimi residui di Democrazia: lo si è visto in Grecia come in Irlanda, con misure di austerità imposte da organismi sovranazionali non eletti da nessuno che peggiorano solo le condizioni dei ceti più bassi come prezzo per la salvezza di grandi gruppi privati. Ma voi…

A TE

Tu, chiunque tu sia che leggi questo post. Tu, da qualunque parte del mondo vieni e qualsiasi religione professi. Tu, oggi per i Cristiani è Natale, ma non importa perchè, se esiste, Dio è solo uno pur nelle differenti lingue in cui lo chiamiamo. Tu, cosa hai fatto per rendere il mondo un posto migliore? Cosa hai fatto per abolire lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo? Cosa hai fatto per eliminare la povertà? Cosa hai fatto per eliminare la fame nel mondo? Cosa hai fatto per eliminare ciò che io considero un ossimoro chiamato guerra di religione? Mi risponderai che saltuariamente fai beneficenza, ma non è sufficiente perchè non è con l'elemosina che si aiutano i poveri. Mi risponderai che ormai non cambia niente, ma è solo rassegnazione data dalla condivisione dei valori che rendono questo mondo un posto di merda. Mi risponderai che tanto se non rubo io, lo faranno gli altri, perchè ormai il mondo va così, ma è solo un modo per mettersi a posto la coscienza. Tu che credi in …