Passa ai contenuti principali

A TE

Tu, chiunque tu sia che leggi questo post. Tu, da qualunque parte del mondo vieni e qualsiasi religione professi. Tu, oggi per i Cristiani è Natale, ma non importa perchè, se esiste, Dio è solo uno pur nelle differenti lingue in cui lo chiamiamo. Tu, cosa hai fatto per rendere il mondo un posto migliore? Cosa hai fatto per abolire lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo? Cosa hai fatto per eliminare la povertà? Cosa hai fatto per eliminare la fame nel mondo? Cosa hai fatto per eliminare ciò che io considero un ossimoro chiamato guerra di religione? Mi risponderai che saltuariamente fai beneficenza, ma non è sufficiente perchè non è con l'elemosina che si aiutano i poveri. Mi risponderai che ormai non cambia niente, ma è solo rassegnazione data dalla condivisione dei valori che rendono questo mondo un posto di merda. Mi risponderai che tanto se non rubo io, lo faranno gli altri, perchè ormai il mondo va così, ma è solo un modo per mettersi a posto la coscienza. Tu che credi in un Dio, ma poi alla fine contano i soldi perchè senza questi non sei nessuno. Tu, che per dei fogli di carta chiamati denaro, risultato di una convenzione, non esiteresti a vendere ogni briciolo di dignità. Tu che vai in chiesa perchè è Natale, ma poi con l'azienda in crisi pensi che tanto licenzieranno prima i precari; forse non hanno diritto loro di mangiare e di avere un lavoro? Tu, che pensi solo al profitto, che la vita delle persone sia subordinata alla contabilità aziendale, sei degno del Natale? Tu, che dici ci sarà la crisi alimentare perchè i cinesi iniziano a mangiare: devono forse loro morire di fame quando noi buttiamo via un terzo del cibo prodotto? Tu che lavori in una fabbrica che costruisce armi, tu che progetti armi, tu che elabori teorie economiche e trattati dai nomi più disparati per aumentare le differenze di ricchezza, sei degno degli auguri di Natale? Tu che, per la tua indifferenza, pochezza umana, per l'invidia e l'odio che emani nel repressivo perbenismo di questa società, mi fai schifo anche a Natale. Si... mi fai schifo tanto quanto pensi che il mondo sia solo tuo, tanto quanto credi che una volta che stai bene tu stanno bene tutti. A maggior ragione a Natale, perchè ti rivesti di quella odiosa ipocrisia. No, anche a Natale, per questa gente, non c'è più perdono.

Commenti

il Russo ha detto…
Si, molta gente mi fa schifo a natale tanto quanto il 20 gennaio o il 16 agosto, e per loro non esiste perdono, meno che mai oggi.
elena ha detto…
sono d'accordo con voi, ragazzi, e non credo di stupirvi... nessun perdono. I miei auguri a voi, ai vostri cari ed ai vostri amici. E poi... la R-esistenza continua. E la lotta pure.
luce ha detto…
Scusa l'assenza Marco, la mia vita si sta incasinando e la contigenza di viverla non mi fa girare tanto via web, faccio fatica a seguire tutto.
Mancavo da un pò ma ti trovo sempre in forma e pieno di idee e di cuore, quelle di persone che questa Italia puttana e sempre più sporca la vuole salvare.
Non ci si arrende mai, almeno io non lo faccio.
Un affettuoso abbraccio sempre e comunque e buon 2011.
il Russo ha detto…
Buon 2011 Marco, e che la voglia di lottare non ti manchi mai.
Gap ha detto…
Caro Marco, ero senza pc e non ho potuto farti gli auguri di Natale laico e resistente. Allora, buon anno nuovo, sempre laico e resistente.
Rouge ha detto…
Ciao Marco, buon anno nuovo.
desaparecida ha detto…
un abbraccio forte,x un anno di forza e di cuore.

Un sorriso :)

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…