Passa ai contenuti principali

A VOI PADRONI DEL MONDO

A voi, padroni del mondo, dico prendetevi tutto:avete vinto! Le resistenze che possono realmente cambiare la Storia sono ormai crollate, le persone sono divise e seppur in una vistosa condizione di degrado, continuano a condividere i sogni o per meglio dire le illusioni che ogni giorno ci propinate. Avete vinto, si! in tutta la cementificazione che stupra un territorio bellissimo, in questa condizione del lavoro che poco ha a che fare con la dignità e nella dissoluzione di una qualsiasi forma di solidarietà. Questo è il momento: sferrate il colpo di grazia senza esitare perchè la condizione è a voi favorevole. Vi chiedo solo di evitarci questa morte a piccole dosi. Con la crisi poi, avete anche la scusa per distruggere gli ultimi residui di Democrazia: lo si è visto in Grecia come in Irlanda, con misure di austerità imposte da organismi sovranazionali non eletti da nessuno che peggiorano solo le condizioni dei ceti più bassi come prezzo per la salvezza di grandi gruppi privati. Ma voi postulate di aiutare gli Stati, aggiungendo a debiti nuovi debiti con tassi di interesse utili solo ad ulteriori speculazioni. Forza, terminate il vostro operato. Mangiatevi tutto, prendetevi tutto quello che si può vendere, e nel caso fate in modo che l'invendibile diventi vendibile e acquistate anche questo. Tutto è mercato, tutto è soldi e se non hai soldi sei "anam" : un senzanome senza nessun valore disperso in quella massa che si tiene anestetizzata nell'illusione. Perchè anche il più povero sogna di diventare ricco, perchè anche il morto di fame condivide i valori del successo come unico obiettivo per il quale vale la pena di esistere. Bravi, ci siete riusciti: avete creato milioni di individui infantili, bisognosi di una guida perchè incapaci di prendere decisioni che possano determinare l'assunzione di una qualsiasi responsabilità. Certo, si vede qualche sussulto, ma tutto ciò sembra utile solo per legittimarvi perpetuando l'illusione di trovarsi in una Democrazia. Avete vinto, non fermatevi proprio ora. Avete capito tutto: basta dare alle persone qualche soldo condito di illusioni, e automaticamente il bene pubblico passa in secondo piano. Avete capito che per togliere la sovranità al popolo era necessario togliere dal controllo politico, privatizzando, funzioni essenziali dello Stato con la scusa, puntualmente smentita, che il privato fosse migliore. Avete capito che smantellando lo Stato, unico baluardo in difesa dei principi egualitari, si lasciano i cittadini in mano a potentati economici che possono così decidere le sorti di intere nazioni. E vi faccio i miei complimenti perchè avete fatto tutto questo, facendoci credere di essere liberi di decidere del nostro futuro; facendoci credere di essere cittadini partecipi, quando tutto era già stato creato per tenerci lontani dalle decisioni importanti ( es: il Trattato di Lisbona, per il quale la sola Irlanda ha indetto un referendum, che con pressioni e ricatti è stata costretta a rifare perchè doveva vincere il si). E mentre milioni di persone saranno intente a scambiarsi auguri, senza un briciolo di coscienza rispetto a ciò che gli accade attorno, io vi invito a continuare. Avete vinto, dateci il colpo di grazia.

Commenti

elena ha detto…
no no no... frena SoL! Io non voglio alcun colpo di grazia, semmai voglio renderglieli tutti, i colpi già beccati... tengo una figlia io, devo pensare al suo avvenire... mica posso svenderla così!
Non hanno vinto, non ancora. E noi non abbiamo il diritto di mollare, anzi. Noi dobbiamo RESISTERE ed opporci, sempre. Ce lo insegnano i nostri giovani, così come quei poveri emigrati sulle gru, o gli operai che si oppongono agli accordi marchionneschi... ce lo insegnano e ce lo chiedono. Non possiamo deluderli ancora.
Ti abbraccio SoL, e spero di averti convinto... ti auguro... che ti posso augurare? di vedere il cambiamento per il quale tutti lavoriamo.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Elena non c'è bisogno di convincere me sull'importannza di continuare a lottare.
Semmai bisogna dirlo alle milioni di persone inermi.
Un caro saluto.
la Volpe ha detto…
in questo messaggio cogli l'essenza del problema: ci stiamo americanizzando; preferiamo la probabilità su un miliardo di essere l'unico a vincere alla lotteria piuttosto che la possibilità di avere qualcosa di più tutti insieme

un augurio di buon 2011

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…