Passa ai contenuti principali

Considerazione sul contratto aziendale

Sul contratto aziendale, sento di dover esprimere una mia opinione.
Innanzi tutto sono convinto, che non debba essere in nessun modo peggiorativo rispetto al contratto nazionale: un lavoratore da Domodossola a Trapani deve almeno poter godere delle stesse garanzie di partenza.
Dato per scontato questo, forse ingenuamente, non vorrei che fosse l’ennesima strategia operata dal potere economico: il classico cavallo di Troia per abolire il contratto nazionale, creando quindi una pletora di contratti che andrebbero sicuramente a peggiorare le condizioni lavorative vista la differenza nei rapporti di forza.
Tutto questo vorrebbe dire ripetere lo stesso errore di quando, con il mantra della necessità di più flessibilità nei contratti di assunzione, ci siamo ridotti ad anni di precarietà.
Ritengo anche che questa forma di contrattazione sia esiziale per i lavoratori, perché distoglie dalla visione di insieme: ci si impegna solo a livello aziendale perché parte sentita come quotidianità, non considerando che il sistema economico attuale ha radici ben più profonde del semplice rapporto tra lavoratore e azienda.
Fatta questa breve premessa, sono fermamente convinto che il problema non sia tanto arrivare ad un contratto aziendale, ma uscire da questa camicia di forza chiamata Euro- debito – deflazione vera causa dell’ impoverimento generalizzato.
Del resto la Storia insegna, che solo con l’intervento dello stato ci può essere espansione economica.
Non penso, e lo dico seraficamente, che la Marcegaglia, l ‘Unione Europea e la Banca Centrale favoriscano i contratti aziendali per difendere i lavoratori cosi come dovrebbe essere inteso a livello sindacale.
Credo sia l’ennesima volta in cui verremo portati a perdere ancora diritti, con la convinzione che venga fatto per favorire la nostra condizione lavorativa.
Il vero problema, e finché non si focalizza questo qualsiasi lotta In difesa del lavoro sarà già persa, è la gestione del denaro che deve ritornare in mano ad uno stato veramente sovrano, con capacità di stampare moneta e quindi di spendere a deficit per far fronte alle proprie uscite in favore dei cittadini.
Solo questa è la differenza che passa tra il lottare per i diritti, e l’azzuffarsi con un’ azienda per dividersi le briciole con rapporti di forza sproporzionati visto l’aumento della disoccupazione e quindi di manodopera di riserva a basso costo.
Ritengo che il contratto aziendale sia proficuo in un momento di espansione economica.
Con l’impoverimento a cui stiamo assistendo in Italia ( sarà il peggiore dal dopoguerra ad oggi), distruggere la centralità del contratto nazionale vuol dire togliere l’ultimo baluardo in grado di difenderci dal medioevo.
Stiamo costantemente perdendo diritti, perché siamo portati a lottare sulla forma e non sulla sostanza ( la chiamerei “democrazia del superfluo”: ci fanno scegliere le cose marginali che non influiscono affatto sulle scelte importanti) .
E’ giunto il momento di smetterla di farci prendere in giro.

Commenti

Cirano ha detto…
io sono candidato alla RSU nella mia scuola.....è una battaglia spesso tra poveri, ma vale la pena di lottare: sempre!
Nicolanondoc ha detto…
Più che deflazione la chiamerei inflazione...fermo restante sul potere di acquisto degli " emarginati "...a quanto pare non siamo ancora riusciti a liberarci vero?
Ti abbraccio
Nicolanondoc ha detto…
Più che deflazione la chiamerei inflazione...fermo restante sul potere di acquisto degli " emarginati "...a quanto pare non siamo ancora riusciti a liberarci vero?
Ti abbraccio

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…