Passa ai contenuti principali

La colpa........ahhh....la colpa

Caro operaio, impiegato, casalinga, pensionato, manager, capo reparto, commercialista ecc,ecc, ecc.... se non inizierai a spegnere la tv ed ha concentrarti sui veri problemi della società, che sono i tuoi, quelli reali, quelli che ti permettono o meno di vivere dignitosamente oppure morire senza nemmeno un bricciolo di dignità, sarà la fine di tutto!!!!!!!
Saremo costretti ad accoltellarci per un pezzo di pane e un sorso d' acqua, lavoreremo sempre più ore per prendere sempre meno ed il tutto intanto che i colossi della finanza e delle multinazionali se la rideranno davanti al telegiornale che annuncierà guerriglie e rivolte ovunque.
Purtroppo ora, nonostante mi attirerò antipatie, bisogna dare delle colpe a ciò che sta accadendo, è inevitabile, ma necessario per uscirne più forti e consapevoli.


Sicuramente emergeranno migliaia di ipotesi ed opinioni ma potrei scommettere che per almeno il novanta per cento le colpe saranno scaricate a politici, industriali, economisti, capi di governo e capi di stato, ecc.......... ma se chiudiamo gli occhi, spegniamo la luce e abbassiamo qualsiasi musica o rumore e ripensiamo a quel poco, pochissimo di storia che abbiamo appreso.... soffermiamoci........cosa emerge..........
emerge che classi di potere come clero ed aristocrazia hanno sempre dominato la plebe e si sono evolute fino ad oggi come la chiesa e l'unione Europea e l'onu stati uniti d' America (o meglio attraverso banche, multinazionali, televisioni, giornali ecc..) ma la plebe o schiavo o servi o massa o quello che vi aggrada di più non si sono mai e poi mai evoluti hanno soltanto accettato tuttto di buon grado senza porsi più di tante domande, e questo cosa ha portato ad oggi: un sistema bancario finanziario in grado di distruggere l' economia di qualsiasi paese in qualsiasi istante e se qualcuno penserà di essere immune basterà che aspetti tranquillo e beato come fanno la maggior parte delle persone sul loro comodissimo divano dopo 10 ore di lavoro guardando il tg 5 o il tg 1 ascoltando notizie false magari intanto che il proprio figlio si fà una bella striscia di cocaina perchè per lui è l' unico modo di fuggire da un mondo che non ha più niente da offrire....................................................

 La colpa è nostra e basta che permettiamo di trattarci da burattini ogni istante della nostra misera vita!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

La problematica più importante, che tutti sottovalutano, è che ci hanno resi innocui e senza palle per combattere il sistema che crea soltanto vittime e atrocità.
Perchè non riusciamo a tornare umili ammettendo che ci hanno fregati e ripartire da questa consapevolezza per creare un mondo migliore dove per una volta tanto il benessere sia dato dal reale bisogno umano e non dalla avidità di denaro e basta....................

Per favore apriamo gli occhi o sarà la fine!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…