Passa ai contenuti principali

Siamo in guerra?!

Siamo in guerra senza che nessuno lo dica, una guerra senza armi, una guerra silenziosa ma che urla di dolore. I veri complici sono i giornali e telegiornali tutti in mano al potere… Nessuno parla e denuncia come se fossimo bloccati da qualcosa di invisibile che non ci permette di capire realmente la situazione. Chi lo fa è condannato per eresia, è etichettato come complottista e adesso anche come negazionista la nuova parola a cui i media hanno dato potere per distruggere le persone che pongono domande o semplici quesiti per comprendere il loro futuro ma soprattutto il loro torbido presente. No non si può chiedere o porre domande, no devi accettare sempre e comunque tutto quello che ti impongono perché solo loro hanno il potere e le verità. Se questa non è dittatura spiegatemi cosa lo è, siamo stati rinchiusi in casa per tre mesi per un virus che non ha fatto più morti della scorsa influenza ma anzi attraverso protocolli sbagliati hanno mandato in tilt appositamente le terapie intensive già sofferenti da decenni per via dei bellissimi tagli alla sanità pubblica e poi per essere ancor più certi di creare panico hanno mandato i malati nelle RSA pur di avere morti da sbandierare ovunque. Dopo il lockdown ci hanno mantenuti imbavagliati fino a fine luglio come fossimo untori di peste o lebbra per poi liberarci un pochino ad agosto solamente per far ricadere la colpa sui cittadini dei contagi allarmanti presi da dati non esatti. Ebbene si è tutto alla luce del sole hanno creato uno stato di emergenza totalitario contro la costituzione la quale esprime questo possibile atteggiamento solo ed esclusivamente in caso di guerra (come già detto sopra lo siamo). Hanno pubblicato DCPM come se non ci fosse un domani bloccando la discussione nelle camere anche qui il tutto anticostituzionalmente ed hanno portato ad allungare lo stato di emergenza fino ad oggi senza un motivo valido semplicemente aggrappandosi al numero di contagi dati da uno strumento come il tampone inesatto ed inappropriato e come se tutto questo non bastasse alla richiesta di leggere i verbali del CTS hanno risposto mostrando 10 pagine in croce. Siamo l’unico paese ad aver fatto un lockdown così lungo. Veramente folle!!! Il tutto con la complicità dei media servi e servili al loro posticino al caldo dove ormai si sente l’odore della corruzione a kilometri e non dimentico i Sindaci, i Vigili,i Carabinieri e la Polizia pronti a sfoderare droni, telecamere, rintracciamenti con cani, elicotteri come se cercassero il più grande serial killer del secolo o il più grande importatore di cocaina. No stanno cercando te che con le tasse permetti loro lo stipendio e che non hai violato nessun articolo della costituzione e nemmeno le leggi. Ma tutte queste tecnologie dov’erano quando vi era bisogno di cercare i criminali e i mafiosi? Per loro non vale perché servono per mantenere un sistema ipocrita e colluso. Tutto questo è squallido. Chi ha accettato tutto questo si rende complice di questo scempio. Le scuole vogliamo parlarne??? Non apriranno più o meglio a singhiozzo perché sanno benissimo che le famiglie italiane hanno bisogno di portare i figli a scuola non solo per imparare (forse) ma per mancanza di mezzi per tenerli in casa e su questa situazione costruiranno un nuovo lock down ma stavolta scaricando tutte le responsabilità sui nostri figli che diventeranno gli untori più pericolosi della storia dell’umanità. Hanno trasformato pericolosamente il significato di asintomatico assoggettandolo ai loro voleri. E le partite IVA? Chiuderanno inesorabilmente creando ulteriore disoccupazione che sfocerà in una guerra civile dove vedranno vincitori i soliti poteri.  E tuttora che capiremo, in mezzo a tutto questo marasma, e se capiremo, loro avranno già instaurato il loro capolavoro.

Commenti

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente. Colui che non fa niente, non capisce niente. Colui che non capisce niente è spregevole. Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ... La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ... Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non sa nulla dell'uva. Paracelso Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessi

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non riu

COME UN PUGILE ALL'ANGOLO

Le ossa rotte, massacrate. Un pungile messo all'angolo che non riesce più non dico a schivare i colpi, ma che non è quasi nemmeno in grado di capire da dove quei colpi provengono. Gancio, montante...le forze iniziano a mancare. Le gambe sembrano cedere, la vista è sempre più offuscata dal sangue. Le guance gonfie, un labbro tagliato e ormai anche la dentiera è saltata. Messo all'angolo, i minuti passano: ti chiedi se forse non sarebbe meglio cadere e farsi contare il KO, ma ormai non hai più nemmeno la capacità di pensare. Troppi colpi, sempre più audaci e precisi, sembrano toglierti ogni speranza in un incedere dal quale pare impossibile fuggire. Guardi il tuo allenatore con la spugna in mano e sei combattutto: forse sarebbe meglio la lanciasse?! E nel frattempo i colpi non danno scampo. Uno zigomo è saltato. Il tuo allenatore ti guarda, non lancia la spugna, con il sangue che ormai è dappertutto. Cadi e sei in ginocchio, ma con uno scatto di reni ti rimetti in piedi. Forse i