Passa ai contenuti principali

PROBLEMI

Schiavioliberi, ha problemi di ginocchia. Purtroppo, dopo due interventi, lo stesso ginocchio ha ceduto ancora e per l'ennesima volta non sembra nulla di facilmente risolvibile.. Anche in questa "occasione", il cedimento è avvenuto semplicemte camminando. Visto la sfortuna, inizio a pensare che sia un nuovo metodo per eliminare i dissidenti. Ma io resisterò!
Ritornerò il prima possibile, vale a dire quando riuscirò a stare nuovamente seduto difronte ad una tastiera.
Grazie a tutti, a presto.

Vi lascio con questa canzone di Modugno, che ritengo bellissima, impregnata di quel dolore causato dall'essere obbligati ad abbandonare la propria terra natale.
Nel tempo delle facili demonizzazioni, è giusto ribadire ciò che gli italiani sono stati e le sofferenze conseguitene. Per fare in modo che il Mediterraneo non sia più il cimitero degli oppressi.

Commenti

Bruno ha detto…
è da poco che seguo il tuo blog e quindi ti auguro di stare il meno possibile distante da una tastiera ... in bocca al lupo
stella ha detto…
Marco auguri, pensa anche alla tua salute...
Un abbraccio e a presto.
caro Marco,ti auguro tutto il bene del mondo,non sai come ti capisco,le miei ginochhia vanno bene,chissa' fino a quando ma stai tranquillo che la schiena mi da il suo bel "chido di dolore" con cui convivo da ventanni nonostante tre interventi,le ossa sono un brutto flagello e ti "accompagnano dolcemente" :-(
per tutta la vita.Antidolorifici? si ma per uun po' le controindicazioni sono fortissime,cosi a periodi bisogna convivere con il dolore e non sai come ti capisco-Un abbraccio e spero che presto scriverai che va melgio anche se so' che sono cose lunghe e mai finite diciamo che....conviviamo amabilemnte con loro!!
Rouge ha detto…
Auguri Marco.
Punzy ha detto…
In bocca al lupo, maro..anche io ho problemi di ginocchia...ma a me forse è la vecchiaia!! bacioni!!
Mi spiace! Spero che si risolva tutto per il meglio e definitivamente.

Ti abbraccio
Daniele
il Russo ha detto…
In bocca al lupo Marco, le ginocchia cedono ma il cuore no, vero?
sirio ha detto…
Auguri per tutto Marco!

Un caro saluto.
Nicolanondoc ha detto…
Ciao ed a presto, noi ti aspetteremo.Un caro saluto ed un forte abbraccio.
amatamari© ha detto…
Mi dispiace, questi problemi mettono a dura prova anche il tono dell'umore e la pazienza.
Ma tu resisti, che poi si deve resistere insieme appena ritorni sul blog!
A presto e auguri
Mariella
Alessandro Tauro ha detto…
Rimettiti in piedi il prima possibile Marco! Ci servi tutto intatto!
E come osservava giustamente il Russo, finché il cuore cammina...

Un abbraccio!
luce ha detto…
Un abbraccio Marco, affettuoso ovviamente; tranquillo, tanto la tua fibra forte avrà la meglio anche sulle ginocchia monelle.
Comunque ogni tanto fatti sentire, per non farci soffrire troppo la tua mancanza.
frufrupina ha detto…
Un caro abbraccio Marco.
Anonimo ha detto…
We owe it to someone else's achievements in health and thus feel joy, depending on the success of others as if their achievements, and this is the Buddha mind. Always hold the interests of all sentient beings of the heart, we can not leave the joy forever.
www.cosmifilm.com.tw
www.cosmifilm.com.tw/index.htm
www.cosmifilm.com.tw/pro1.htm
www.cosmifilm.com.tw/product2.htm
www.pandora-mall.com
www.pandora-mall.com/default.asp
www.pandora-mall.com/info/guide.asp
www.pandora-mall.com/info/view.asp?id=1
Zion ha detto…
mi spiace tanto per la tua salute. l'italia ha bisogno di te ;-) spero tornerai presto!!!
Gap ha detto…
Ho visto dal Russo che sei tornato, con il ginocchio fuori uso ma con la testa sempre funzionante. Auguri e complimenti (non di rito, lo sai) per l'intervento.
natalibera ha detto…
Auguri Marco! Spero tutto si risolva in fretta e bene....

Un caloroso abbraccio

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…