Passa ai contenuti principali

PROBLEMI

Schiavioliberi, ha problemi di ginocchia. Purtroppo, dopo due interventi, lo stesso ginocchio ha ceduto ancora e per l'ennesima volta non sembra nulla di facilmente risolvibile.. Anche in questa "occasione", il cedimento è avvenuto semplicemte camminando. Visto la sfortuna, inizio a pensare che sia un nuovo metodo per eliminare i dissidenti. Ma io resisterò!
Ritornerò il prima possibile, vale a dire quando riuscirò a stare nuovamente seduto difronte ad una tastiera.
Grazie a tutti, a presto.

Vi lascio con questa canzone di Modugno, che ritengo bellissima, impregnata di quel dolore causato dall'essere obbligati ad abbandonare la propria terra natale.
Nel tempo delle facili demonizzazioni, è giusto ribadire ciò che gli italiani sono stati e le sofferenze conseguitene. Per fare in modo che il Mediterraneo non sia più il cimitero degli oppressi.

Commenti

Bruno ha detto…
è da poco che seguo il tuo blog e quindi ti auguro di stare il meno possibile distante da una tastiera ... in bocca al lupo
Gianna ha detto…
Marco auguri, pensa anche alla tua salute...
Un abbraccio e a presto.
Gabryella Costa Fdd ha detto…
caro Marco,ti auguro tutto il bene del mondo,non sai come ti capisco,le miei ginochhia vanno bene,chissa' fino a quando ma stai tranquillo che la schiena mi da il suo bel "chido di dolore" con cui convivo da ventanni nonostante tre interventi,le ossa sono un brutto flagello e ti "accompagnano dolcemente" :-(
per tutta la vita.Antidolorifici? si ma per uun po' le controindicazioni sono fortissime,cosi a periodi bisogna convivere con il dolore e non sai come ti capisco-Un abbraccio e spero che presto scriverai che va melgio anche se so' che sono cose lunghe e mai finite diciamo che....conviviamo amabilemnte con loro!!
Rouge ha detto…
Auguri Marco.
Punzy ha detto…
In bocca al lupo, maro..anche io ho problemi di ginocchia...ma a me forse è la vecchiaia!! bacioni!!
Mi spiace! Spero che si risolva tutto per il meglio e definitivamente.

Ti abbraccio
Daniele
il Russo ha detto…
In bocca al lupo Marco, le ginocchia cedono ma il cuore no, vero?
Leonardo ha detto…
Auguri per tutto Marco!

Un caro saluto.
Nicolanondoc ha detto…
Ciao ed a presto, noi ti aspetteremo.Un caro saluto ed un forte abbraccio.
amatamari© ha detto…
Mi dispiace, questi problemi mettono a dura prova anche il tono dell'umore e la pazienza.
Ma tu resisti, che poi si deve resistere insieme appena ritorni sul blog!
A presto e auguri
Mariella
Alessandro Tauro ha detto…
Rimettiti in piedi il prima possibile Marco! Ci servi tutto intatto!
E come osservava giustamente il Russo, finché il cuore cammina...

Un abbraccio!
luce ha detto…
Un abbraccio Marco, affettuoso ovviamente; tranquillo, tanto la tua fibra forte avrà la meglio anche sulle ginocchia monelle.
Comunque ogni tanto fatti sentire, per non farci soffrire troppo la tua mancanza.
Anonimo ha detto…
We owe it to someone else's achievements in health and thus feel joy, depending on the success of others as if their achievements, and this is the Buddha mind. Always hold the interests of all sentient beings of the heart, we can not leave the joy forever.
www.cosmifilm.com.tw
www.cosmifilm.com.tw/index.htm
www.cosmifilm.com.tw/pro1.htm
www.cosmifilm.com.tw/product2.htm
www.pandora-mall.com
www.pandora-mall.com/default.asp
www.pandora-mall.com/info/guide.asp
www.pandora-mall.com/info/view.asp?id=1
Zion ha detto…
mi spiace tanto per la tua salute. l'italia ha bisogno di te ;-) spero tornerai presto!!!
Gap ha detto…
Ho visto dal Russo che sei tornato, con il ginocchio fuori uso ma con la testa sempre funzionante. Auguri e complimenti (non di rito, lo sai) per l'intervento.
natalibera ha detto…
Auguri Marco! Spero tutto si risolva in fretta e bene....

Un caloroso abbraccio

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…