Passa ai contenuti principali

PER CHI ANCORA RESISTE E' SEMPRE 25 APRILE

In una delle ultime lettere che Giordano Cavestro scrisse ai compagni si legge:

« Cari compagni, ora tocca a noi. Andiamo a raggiungere altri tre gloriosi compagni caduti per la salvezza e la gloria d'Italia. Voi sapete il compito che vi tocca. Io muoio, ma l'idea vivrà nel futuro, luminosa, grande e bella. Siamo alla fine di tutti i mali. Questi giorni sono come gli ultimi giorni di vita di un grosso mostro che vuol fare più vittime possibile. Se vivrete, tocca a voi rifare questa povera Italia che è così bella, che ha un sole così caldo, le mamme così buone e le ragazze così care. La mia giovinezza è spezzata, ma sono sicuro che servirà da esempio. Sui nostri corpi si farà il grande faro della Libertà. »
(Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (8 settembre 1943 - 25 aprile 1945))

Fonte: Giordano Cavestro - Wikipedia



Per chi ancora resiste, per chi rispecchia i propri valori fondanti nel sacrificio di quegli eroi.

Resistere, è un dovere.

Commenti

Alligatore ha detto…
Buona Liberazione, con la forza delle idee, queste, sempre...
il monticiano ha detto…
Un saluto da Roma medaglia d'oro della Resistenza.
Roby Bulgaro ha detto…
Non ti nascondo che la vedo dura. Ma resistere oltre che un dovere, è un diritto che i nostri avi ci hanno regalato donando il loro sangue.
Quando ho sentito berlusca rinominare il 25 aprile come "festa della libertà" mi è ribollito il sangue: il suo solito gioco mediatico. Riscrivere la storia attraverso piccoli dettagli, che pian piano vanno a comporre il suo mosaico.
Dannazione, no!
Eppure i segnali che arrivano, anche attraverso i comportamenti che denunci nel tuo precedente post, sono sempre in quella direzione: ci sta riuscendo.
E che dire dei comportamenti adottati nel contestare la Polverini a Roma? Così non va bene, ma per noi però. Si va sempre più verso una rottura sociale che darà sempre più forza al nano malefico.
la Volpe ha detto…
buon 25 aprile dalla Norvegia! festeggiamo anche in esilio
Pierprandi ha detto…
Buona Liberazione compagneros.
Punzy ha detto…
Resistenza sempre: ieri e oggi più che mai!!!!

auguri carissimo!!
Ross ha detto…
Ha aperto il volantino di presentazione della festa della liberazione locale che i miei compagni e io abbiamo organizzato per ieri, questa lettera di Mirko. Mi emoziona ritrovarla e riascoltarla anche qui.
Grazie, e buona continua resistenza.
Ross ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ANGELAGABBIANO ha detto…
Il 25 Aprile ed il Primo maggio ancora oggi sono ad esprimere la resistenza al fascismo, allo sfruttamento, al razzismo. Per questo non facciamo cadere la polvere sulla memoria e nemmeno sulle realtà dell'oggi ed è più che mai simbolica la scelta di essere per il 1° Maggio a Rosarno dove mafia, corruzzione, razzismo e sfruttamento hanno cercato di prendere il posto della solidarietà e dei diritti, ma i riflettori dell'informazione e quel che resta della democrazia stanno facendo resistenza.
Alessandro Tauro ha detto…
Strasottoscrivo! E buon 25 aprile in ritardo... (un ritardo relativo vista la necessità oggi più che mai di trasformare ogni giorno in un 25 aprile)
riri ha detto…
...tutti i giorni..resistenza!!
Un abbraccio fraterno
luce ha detto…
Ha ragione Alessandro; qui ogni giorno è 25 aprile!
Un abbraccio anche se in ritardo.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…