Passa ai contenuti principali

IO NON MI ARRENDO

Visitando i blog amici, noto uno certo scoramento quasi ormai ci si fosse rassegnati al fatto, che le cose possano solo andare peggio. E' vero, ci si ritrova senza parole nel dover descrivere quello che, solo qualche anno fa, sembrava impossibile potesse accadere.
E' successo anche a me, e come avete visto mi sono fermato un attimo ( e lo farò ancora), perchè credo che a volte sia utile ritrovare la giusta direzione, rimettersi in discussione per rinvigorire le proprie convinzioni quotidianamente minate dai messaggi di questo impero in declino.
Analizzando la situazione nel suo complesso, sembra uno scherzo: nel momento in cui le parole del tanto vituperato Marx trovano una certa oggettività storica, la sinistra, con moltissime e gravissime colpe, si presenta all'appunamento come cumulo di macerie.
Ma io, non ci sto ad arrendermi ora, non voglio lasciare via libera a chi, portatore del dogma liberista, si crede nel giusto. La ragione è dalla nostra parte; solo questo dovrebbe darci la forza di urlare più forte, visto che nonostante gli imponenti sforzi messi in campo il sistema implode.
Come sarebbe ora il mondo, se tutti questi sforzi fossero stati fatti per renderlo più equo, invece di incentivare disuguaglianze?
Io non ci sto, fosse anche solo che la mia opposizione avesse niente più, che il valore di una piccola testimonianza.
Io non ci sto, perchè per quanto si voglia modificare la Storia, essere Partigiani o alleati ai nazisti, non era la stessa cosa.
E' una lunga battaglia culturale, prima che politica, e porterà sicuramente a tante delusioni, ma se si può dire una cosa certa, è che questo mondo non lo cambierà di sicuro chi ha le leve del potere.
Fermarsi un attimo e ripartire, perchè ad ogni azione corrisponde una reazione.

Commenti

il Russo ha detto…
Tu pensi che io lo voglia fare? Ma neanche gliela do sta soddisfazione....
Gap ha detto…
Non è solo questione di rassegnazione, perlomeno nel mio caso. Ogni tanto ci vuole un attimo di riposo perché predicare al vento costringe ad alzare la voce e ogni tanto la si perde. Non ho alcuna intenzione di abbandonare.
Rouge ha detto…
Io invece caro Marco mi sono arreso. Non che ora la pensi diversamente da prima, continuo a credere in quello che ho sempre creduto, ma mi sono accorto di una cosa grave, per uno che crede in valori di sinistra: io alla gente non ci credo più.
Credo in quelli come te, come il Russo, come Gap, Luz, Martina e tutti gli altri amici (compagni) che frequentano i vostri blog (troppi da menzionare tutti), ma voi mica c'è bisogno di farvi capire: voi sapete già.
E' che non credo più che l'esempio serva, che la parola arrivi, che dire le cose convinca. Penso invece che solo l'esperienza personale risvegli la coscienza, e quella non è una cosa che puoi spiegare a parole. In termini semplici non puoi far capire quanto è bello nuotare a chi non ha mai visto il mare!
E allora mi arrendo, che non significa rinnegare nulla e non per questo smettere di credere in ciò che credo, ma è una resa, indubbiamente.
E mi spiace.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Mio caro Rouge, tu poi dirmi quello che vuoi ma sono convinto che la gente come te e gli amici blogger, in fondo non si arrenda mai.
C'è troppa differenza tra noi e loro.
Un abbraccio, amico.
Ernest ha detto…
resistiamo assolutamente!!!
un saluto
Zion ha detto…
grazie per questo bel post, è confortante! non arrendiamoci!!1
Ross ha detto…
Anche io in questo periodo noto parecchia stanchezza nei toni dei blog degli amici. Al contario però al di fuori della Rete, almeno nella realtà di movimento in cui vivo, proprio ora che il gioco si fa più duro sto incontrando una rinascita, una voglia di agire tutta nuova e molta energia. Forse per qualcuno si tratta davvero di un semplice momento fisiologico di raccoglimento e di recupero delle idee e delle forze.
Arrendersi è fuori discussione.
Marianna ha detto…
OVVIO CHE NON MI ARRENDO CARO MIO CI MANCHEREBBE IO DO LA SODDISFAZIONE A QUESTI DE DESTRA NOOOOOOOOOOOOO MI DISPIACE ....URLIAMO UN Pò DI PIù CHE I RISULTATI SI VEDRANNO !
Marianna ha detto…
stavo leggendo RUOGE e devo dire una cosina:
quando tu dici io mi sono arreso vuol dire passi dalla parte del cattivo ai bimbi si direbbe per non dire un'altra parola che conosciamo tutti vi ricordate stragi 92 ?ecco!
come mai quest'uomo non vuole le intercettazioni te lo sei chiesto ? io si una risposta me la sono data ,perciò alza le chiappe e torna sulla retta via la sinistra eche se è barcollante....capisci a me !
Roby Bulgaro ha detto…
A suffragio del tuo messaggio voglio invitarvi tutti (quelli che non lo hanno già fatto) a leggere questo bel post che invita ad assecondare la naturale empatia che c'è - o dovrebbe esserci - in tutti gli esseri umani, ma che al momento è un po' soffocata sotto gli "influssi negativi" di questa classe dirigente, esattamente come dici tu "portatrice del dogma liberista": puah!
Ed in un altro bel post, che cerca sempre di instillare nuova forza per resistere e lottare per avere un giorno più rispetto ed amore tra i popoli, anche qui, credo sia giusto darne merito e visibilità; traendo spunto dalle ultime catastrofiche vicende, Ondina ha fatto un bel lavoro. Vi invito a farle visita.
Un abbraccio a tutti, e non molliamo mai!
riri ha detto…
..io ci sono sempre, nonostante gli acciacchi dell'età...
peace and love ha detto…
eiiiiiiiiiiilaaaaaaaa!!!!!
come va la vita?????
è un pacco che non visitvo il tuo bloooooooooog!!!!vavè che io manco da anno...
besoooooooooo!!!
natale ha detto…
Della serie a volte contornano... Son passato di qua... E non potevo non lasciare traccia del mio passaggio a Nord-Ovest! xD

NON ARRENDIAMOCI!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…