Passa ai contenuti principali

UN MIO VOLANTINO

L’ Europa dei burocrati, l’Europa dell’Euro fondata su un patto di stabilità che trova, oggettivamente, poca legittimità nel rappresentare le diverse realtà dei vari stati membri, sta implodendo sotto il peso di debiti pubblici ormai insostenibili. La fallacia di questo sistema, si scopre andando ad esaminare l’emissione del denaro, linfa vitale dell’economia capitalista, controllato da un’istituzione chiamata “ Banca centrale europea” che non trova nessuna legittimazione democratica. I vari stati membri infatti, possono solo usare la moneta non essendone direttamente proprietari, e questo implica gravi restrizioni dal punto di vista operativo. Ogni membro avendo aderito all’unione monetaria, ha in poche parole abdicato alla propria sovranità nell’emettere banconote, perdendo con questa la possibilità di decidere la propria politica nel controllare tassi di interesse e conseguente inflazione con tutte le ricadute economico -sociali che questo implica. Oltre ad essere una grave stortura sotto il profilo economico, si aprono anche grandi perplessità sullo stato della nostra democrazia. Se un popolo, attraverso i propri organi rappresentativi, non ha nessun potere decisionale nei riguardi di un tema di vitale importanza economica come la moneta, questa a cui siamo sottoposti può essere definita niente altro che dittatura finanziaria e non democrazia.
A tutto ciò si è aggiunta la crisi strutturale, per stessa ammissione del presidente della BCE Trichet, nella quale siamo caduti nel 2008. Per fare fronte a questa crisi, o almeno tentare perché è impossibile uscire da una catastrofe con gli stessi mezzi con i quali ci si è entrati, tutti i governi a livello globale hanno messo in campo ingenti somme finanziarie. Con azioni più o meno coordinate, si è riusciti a tamponare in un qualche modo la forte caduta di produzione industriale verificatasi nei primi mesi dallo scoppio della bolla immobiliare, risanando debiti privati con soldi pubblici. In pratica si è creata la solita corsia preferenziale per quelle istituzioni private che in larga misura hanno contribuito a creare lo sfacelo economico, facendo pagare i debiti ai cittadini comunque non esenti da colpe per aver in tutti questi anni abiurato dalla ragione, in nome dell’egoismo e della stolida salvezza individuale. Questo sistema, che per far fronte alla gran massa di produzione ha bisogno di creare falsi bisogni, sta mostrando tutta la sua irrazionalità. Il dramma vero di tutto ciò, oltre all’aumento di povertà umana ed economica, credo sia soprattutto che nel momento in cui il mercato mostra tutta la sua incapacità nell’autoregolarsi, i vari esponenti politici ed ecomomici chiedano più competitività, più produttività insomma più mercato. L’Europa delle lotte sociali, la parte di Europa che ancora considera l’essere umano più importante del mercato, subisce l’ennesimo duro attacco con la scusante dell’uscita dalla crisi come unico obiettivo condiviso.
Ma io, noi, in quanto comunisti, crediamo che il loro obiettivo non sia il nostro. Un sistema dove il margine tra ricchi e poveri aumenta, dove l’architettura finanziaria a livello globale è organizzata in maniera criminale per l’interesse di pochissime persone e la devastazione ambientale raggiunge ormai livelli di non ritorno,non può essere considerato certo il limite più alto che l’umanità può raggiungere. Una società che crea automi configurati alla nascita per non pensare, lavorare e acquistare in modo compulsivo, può solo implodere nella sua irrazionalità e mediocrità.
Tocca a noi sostituire l’inevitabile catastrofe economica e sociale che si profila all’orizzonte, con un mondo migliore più equo e solidale.

Commenti

Francesco Giarrusso ha detto…
Io volevo solo esprimere la totale condivisione e chiedere il tuo permesso di esportare il post su Facebook, Grazie per ciò che fai.
Francesco Giarrusso,
radium@fastwebnet.it
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Benvenuto Francesco.
Io non ho problemi.
Grazie a te.
la Volpe ha detto…
giustissime parole, che condivido pienamente, e che chiunque, comunista o no (e io non lo sono) dovrebbe condividere per una questione di ragionevolezza, buon senso e umanità
il Russo ha detto…
L'Europa non dovrebbe essere quella da te descritta, l'Europa dovrebbe essere l'unione dei popoli europei...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…