Passa ai contenuti principali

CONSIDERAZIONI

Si vorrebbe scrivere un sacco di cose, si scrive e si cancella, quando tutto sembra apparentemente senza senso. Guardo il cielo, e penso se in questo mondo costernato da interessi particolari qualcosa possa cambiare, cercando almeno quel barlume di speranza che un eventuale figlio possa vivere in un mondo migliore. Del resto questa umanità, che sembra preferire la barbarie alla ragione, il crimine alla non violenza, lascia ogni giorno un vuoto sempre più difficile da colmare in ciò che si cerca di fare per migliorare l'esistente. Accade poi, che un eroe come Vittorio viene assassinato brutalmente, e ti chiedi che senso abbia il tuo essere rivoluzionario da tastiera, il tuo agire sempre comunque al riparo da pericoli. Forse è vero: c'è gente come diceva Primo Levi che nasce di un metallo diverso, meno malneabile e per questo più prezioso. E proprio come Levi mentre rientra nella baracca del campo, dopo aver assistito all'esecuzione di colui che considera l'ultimo ad essersi ribellato, pur con ogni bisogno soddisfatto, il senso di inadeguatezza è opprimente. Qui muoiono gli uomini giusti e non cambia niente. Se guardiamo il rapporto tra prezzo pagato e cambiamento realizzato, c'è da disperarsi. La disperazione è opprimente...

Commenti

il Russo ha detto…
Eppure.
Eppure qualche testone nel suo piccolo continua a lottare.
Fino a che l'ultima fiammella di Resistenza non si sarà spenta, mollare sarà la colpa peggiore.
Vorrei avere le certezze del Russo,ma io sono una vecchia blogger
Alle volte mi sento come" un vecchio modem analogico che trasmette bloccato nella rete"
Neppure le migliori tecnologie,con cui lavoro,mi aiutano ad essere migliore,ad avere speranze.
Vedo in questa generazione uno scoramento e,cosa peggiore,un Berlusconismo in loro. la cosa più pericolosa. Significa essere entrati in un meccanismo di cui non si conoscono le conseguenze,ma CHE,quando arriveranno,perché arriveranno non saranno solo dolori ma morti,veri. Potranno anche essere morti,in senso figurato,ciò non toglie nulla al mio scoramento!!!!
lucia ciarmoli ha detto…
sono capitata per caso e visto il tema mi permetto di intervenire.

Le mie certezze son proprio poche ma, scoramento o no, non mi avranno e continuo a lottare come posso.

Ormai, secondo me, fare altrimenti è rendersi complici.
O.T.
Ciao ragassuolo,O.T.
Buona pasqua di pace e serenità :)
luce ha detto…
scusa Marco l'OT ma volevo augurarti Buona Pasqua affettuosamente.
riri ha detto…
Sono daccordo e mi rivedo in quanto risposto da Gabry, io sono una sessantottina, non mi arrendo, ma ho poche energie oggi...tanto sgomento e paura della violenza che emerge.
Un saluto

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…