Passa ai contenuti principali

Il comando straniero

Eccolo... il comando straniero e` arrivato: non un comando militare; non un comando caratterizzato da ordini dati con pistole puntate o minacce di morte imminente. Il nemico, perche` di questo si tratta, si e` fatto piu` astuto: ha capito come distruggere la democrazia minimizzando gli effetti di qualsiasi reazione a politiche che ormai senza alcun pudore o senso di colpa spingono milioni di persone verso la poverta` piu` assoluta.
Siamo senza protezione, in guerra con gli ultimi brandelli rimasti di uno stato sociale a difesa dei piu` poveri che si vuole distruggere completamente.
Ridurre il debito e` la parola d`ordine. Ma io, povero inutile uomo su questa terra mi chiedo e chiedo a questi politici-economisti:
Ma con chi abbiamo questo debito?
E` possibile che uno "stato sovrano" sia indebitato con banche private?
E` possibile che un consiglio di amministrazione di una qualsiasi importante banca a livello planetario possa decidere, pensando solo a fare profitti, delle sorti di milioni di persone?
Come e` possibile, che uno stato definito sovrano, debba essere indebitato con qualcuno?
Sono solo alcune domande che mi girano per la testa in questi giorni leggendo le notizie.

Il comando straniero e` arrivato, prepariamoci al peggio.

Commenti

Gap ha detto…
Dirti bentornato mi sembra una cattiveria, comunque ...
Che le nazioni, o i loro re, siano sempre stati indebitati con i privati è un fatto storico. I banchieri servivano a finanziare guerre di conquista, annessioni, crociate e altro ancora.
E' altrettanto un fatto storico che i debiti dei ricchi li pagano sempre e comunque i poveri. Ovvero noi.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Caro Gap, grazie per esserci sempre.
Oltre a svariati impegni personali, ho avuto problemi con il pc e non riuscivo a postare.
cerchero` di esserci piu` spesso.
Anche se a dirti il vero a volte, mi sembra solo di sprecare parole e ossigeno contribuendo solo ad aumentare il riscaldamento globale.
elena ha detto…
Ciao SoL e ciao GAP. Stessi dubbi, stessi assilli per tutti, a quanto vedo... solo che io questa volta non credo si tratti di debiti effettivamente contratti - come in passato facevano i re per le guerre etc - dagli stati. Secondo me è la finanza all'opera... un po' il discorso dei bond e tutte quelle robe strane per cui sei convinto di fare un affare e ti ritrovi inguaiato. Non è possibile che - ormai manca solo la Germania mi pare, perché pure la Francia è entrata nel mirino - tutti i governanti europei, indipendentemente dallo schieramento, abbiano lavorato per far scoppiare tutto... è più facile che i signori nella stanza dei bottoni abbiano deciso che è giunto il momento di piegare definitivamente quella massa di gente che in definitiva altro non è che carne da cannone. Non ci resta che prenderne atto e, se vogliamo salvarci, imitare i fratelli Islandesi (e Greci: anche loro stanno chiedendo l'audit del debito) e poi far pagare i reali colpevoli. Altrimenti... pagheremo caro e anche più di tutto. Purtroppo per noi e per i nostri figli.
il Russo ha detto…
Ma il comando straniero, siamo sicuri implicasse anche soppressione dei diritti dei lavoratori e abolizione delle feste antifasciste?

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…