Passa ai contenuti principali

Il comando straniero

Eccolo... il comando straniero e` arrivato: non un comando militare; non un comando caratterizzato da ordini dati con pistole puntate o minacce di morte imminente. Il nemico, perche` di questo si tratta, si e` fatto piu` astuto: ha capito come distruggere la democrazia minimizzando gli effetti di qualsiasi reazione a politiche che ormai senza alcun pudore o senso di colpa spingono milioni di persone verso la poverta` piu` assoluta.
Siamo senza protezione, in guerra con gli ultimi brandelli rimasti di uno stato sociale a difesa dei piu` poveri che si vuole distruggere completamente.
Ridurre il debito e` la parola d`ordine. Ma io, povero inutile uomo su questa terra mi chiedo e chiedo a questi politici-economisti:
Ma con chi abbiamo questo debito?
E` possibile che uno "stato sovrano" sia indebitato con banche private?
E` possibile che un consiglio di amministrazione di una qualsiasi importante banca a livello planetario possa decidere, pensando solo a fare profitti, delle sorti di milioni di persone?
Come e` possibile, che uno stato definito sovrano, debba essere indebitato con qualcuno?
Sono solo alcune domande che mi girano per la testa in questi giorni leggendo le notizie.

Il comando straniero e` arrivato, prepariamoci al peggio.

Commenti

Gap ha detto…
Dirti bentornato mi sembra una cattiveria, comunque ...
Che le nazioni, o i loro re, siano sempre stati indebitati con i privati è un fatto storico. I banchieri servivano a finanziare guerre di conquista, annessioni, crociate e altro ancora.
E' altrettanto un fatto storico che i debiti dei ricchi li pagano sempre e comunque i poveri. Ovvero noi.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Caro Gap, grazie per esserci sempre.
Oltre a svariati impegni personali, ho avuto problemi con il pc e non riuscivo a postare.
cerchero` di esserci piu` spesso.
Anche se a dirti il vero a volte, mi sembra solo di sprecare parole e ossigeno contribuendo solo ad aumentare il riscaldamento globale.
elena ha detto…
Ciao SoL e ciao GAP. Stessi dubbi, stessi assilli per tutti, a quanto vedo... solo che io questa volta non credo si tratti di debiti effettivamente contratti - come in passato facevano i re per le guerre etc - dagli stati. Secondo me è la finanza all'opera... un po' il discorso dei bond e tutte quelle robe strane per cui sei convinto di fare un affare e ti ritrovi inguaiato. Non è possibile che - ormai manca solo la Germania mi pare, perché pure la Francia è entrata nel mirino - tutti i governanti europei, indipendentemente dallo schieramento, abbiano lavorato per far scoppiare tutto... è più facile che i signori nella stanza dei bottoni abbiano deciso che è giunto il momento di piegare definitivamente quella massa di gente che in definitiva altro non è che carne da cannone. Non ci resta che prenderne atto e, se vogliamo salvarci, imitare i fratelli Islandesi (e Greci: anche loro stanno chiedendo l'audit del debito) e poi far pagare i reali colpevoli. Altrimenti... pagheremo caro e anche più di tutto. Purtroppo per noi e per i nostri figli.
il Russo ha detto…
Ma il comando straniero, siamo sicuri implicasse anche soppressione dei diritti dei lavoratori e abolizione delle feste antifasciste?

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…