Passa ai contenuti principali

SPERO SOLTANTO

Spero soltanto di stare tra gli uomini, che l'ignoranza non la spunterà... che smetteremo di essere complici... che cambieremo chi deciderà.

Spero soltanto che riusciremo un giorno ad emanciparci da questo "feticismo della soggettività", che caratterizza il nostro tempo, per il quale la vera libertà si manifesta solo nello poter scegliere cosa consumare.

Spero soltanto che riusciremo a difendere la nostra democrazia ( o ciò che ne resta) dalle privatizzazioni selvagge. Infatti, se la politica viene esautorata dalle decisioni a livello di servizi essenziali, si tratta ancora di democrazia? Se una persona sola può decidere di altri milioni di essere umani, rendendo conto solo al dio denaro, si tratta di democrazia?

Spero soltanto....

Tutto ciò per dire o ribadire, ancora una volta, che il vero problema si trova alle fondamenta di questo sistema, nella convinzione subdolamente inculcata del potersi salvare individualmente. Tutto ciò che è privato è meglio, ci dicono.

Intanto...ognuno di noi annaspa nel proprio angolo di mondo , il quale inesorabilmente si restringe nella routine quotidiana del lavoro, nella drammatica carenza di rapporti umani, nelle paure sempre più grandi e insopportabili. La paura di perdere il lavoro, la paura dello straniero, la paura del futuro. Perchè ormai la paura è dappertutto, la si vede, serve a questo sistema per inibire ogni alternativa; perchè in fondo potrebbe andare peggio e quindi è meglio stare fermi, immobili.

Tutto ciò che è altro dal nostro angolo di mondo è solo un nemico, un concorrente del quale sbarazzarsi al più presto per poter credersi qualcuno, illudersi di potersi salvare in questa lotta spietata. Ma se non servi al mercato, se non sei merce appetibile, se le tue qualità non sono utili al mondo del lavoro, il gioco è finito: non hai diritto di vivere perchè automaticamente sei un parassita.

Però nel frattempo, ci lasciano poche briciole per farci credere di potercela fare, per mantenerci nell'illusione, per non desistere dalla stolida lotta a cui siamo chiamati giornalmente.

Poche briciole, per continuare a scannarci nell'interesse di questo mostro chiamato economia, al quale non sappiamo più ribellarci.

E intanto la disperazione e il senso di impotenza, hanno preso il nome di pace sociale.

Commenti

la Volpe ha detto…
mi fa piacere rileggerti dopo tanto tempo. spero tu stia bene e sia in forma, nonostante l'amarezza civica.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie volpe. Lo so: latito da parecchio purtroppo.
Non sono proprio mentalmente in forma, ma la via è quella giusta.
Grazie.
Punzy ha detto…
carissimo, alla rete manchi..e da te arrivano sempre parole profonde
bentornato
luce ha detto…
Spero soltanto che gente come te non si arrenda,sennò come fa la gente come me?
E'sempre una boccata d'aria e di cuore leggerti.
Vedrai, Marco,le cose cambieranno, non è più concepibile un' Italia egoista e politicamente vergognosa.
Un grande abbraccio affettuoso e non ti scoraggiare,c'è gente di grande responsabilità politica in giro che si sta svegliando.
Che bello questo blog, non appena entrato subito mi sono sentito a casa mia.

Ciao,
Mimmo

P.S. Grande Pierangelo.
Anonimo ha detto…
E 'vero! Ritengo che questa sia un'ottima idea.
Condivido pienamente il suo punto di vista. In questo nulla in vi e credo che questa sia un'ottima idea. Sono d'accordo con te.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…