Passa ai contenuti principali

LETTERA A CHI NON SO

Ciao, io sono un operaio.
Lo dico chiaramente perché oltre a voler essere controcorrente, al giorno d’oggi, nell’epoca della società dei ricchi è difficile ammettere di essere operaio.
Ogni mattina mi alzo, e vengo bombardato da messaggi subliminali i quali esortano ad uno stile di vita che, quando va bene, posso permettermi solo a rate.
Ma io sono operaio, figlio di operai e vivo del mio stipendio tra l’altro sempre più esiguo.
Sai, ogni giorno noi operai veniamo bombardati dalla storiella “della stessa barca”, ma poi solo le nostre condizioni di vita peggiorano: sempre più lavoro, precarietà e bassi stipendi. Devi sapere che fallisce l’azienda e l’industriale di turno si ritrova con i miliardi; io senza futuro.
Dicono anche a noi operai, che dobbiamo fare i sacrifici per salvare il paese quando c’è una classe di super-ricchi al di sopra di tutto. Ma per questo devi sapere… c’è sempre l’altra storiella del “ loro ci danno il lavoro!”: quanta misericordia in questo mondo!!!
Io sono povero e operaio, si lo dico anche con un certo orgoglio: POVERO E OPERAIO.
Da povero operaio, mi chiedo anche perché quando qualcuno vuole difendere i nostri diritti, viene sistematicamente etichettato come un paladino dei fannulloni. Allora io, sempre povero e operaio mi chiedo: “ ma perché non vanno anche a controllare quelle persone che vivono di rendita e magari non pagano nemmeno le tasse?” sono convinto che troverebbero qualche fannullone di più.
Ma io sono povero, operaio e forse anche stupido.
Devo capire che c’è la concorrenza, il mondo cambia e noi dobbiamo cambiare con il mondo: essere riformisti insomma.
Io sono povero, operaio e stupido, uno che lotta per arrivare alla fine del mese, per cercare di garantire in un qualche modo ai propri figli un futuro diverso dal vivere otto ore al giorno, per cinque giorni alla settimana, per 40 o più anni dentro le mura di una fabbrica facendo così l’interesse di un miliardario.
Io sono povero, operaio e stupido, ma nonostante tutto ho capito che non lotto per diventare ricco e forte, ma per fare in modo che nessuno possa più essere ricco e forte sfruttando gli altri.
Poi ti dico anche, che è brutto fare l’operaio: forse qualcuno non ti considera più nemmeno un essere umano. Servi solo fino a quando non inventano una macchina in grado di sostituirti.
Disumanizzante.
Ma devi sapere che, pur essendo un povero operaio e qualcuno magari mi consideri anche stupido, voglio preservare la mia umanità e intelligenza.
Lo posso dire perché nonostante tutti i difetti, non sono come loro.
Non mi arrenderò, perché vedendo la mia condizione di operaio, non posso rassegnarmi a dover vivere una vita del genere.
Sfruttato, sottopagato e preso per i fondelli con varie storielle.

Io sono un povero operaio si...ma con la mia dignità di essere umano.

Commenti

Gap ha detto…
L'ho letto ieri, dopo pochi minuti che lo avevi pubblicato, e mi sono detto domani lo commento. Torno ora e trovo che nessuno ha ancora scritto una parola. E mi sono venute in mente le parole che Gustavo Zagrebelsky ha detto ieri a Milano nella manifestazione di Giustizia e Libertà. Cito il concetto: quando subentra e prevale la stanchezza e la rassegnazione non c'è più nulla da fare.
Il tuo post privo di commenti mi intristisce. Forse siamo già dentro la stanchezza e la rassegnazione nonostante le manifestazioni e i buoni propositi.
Sono orgoglioso di avere un amico operaio, povero e stupido come te.
Prometeo ha detto…
Forse la gente, pur essendo operaia e (soprattutto!) operosa, preferisce non piangersi addosso con logoro vittimismo sui blog!
Eh?!
la Volpe ha detto…
"Io sono povero, operaio e stupido, uno che lotta per arrivare alla fine del mese, per cercare di garantire in un qualche modo ai propri figli un futuro diverso dal vivere otto ore al giorno, per cinque giorni alla settimana, per 40 o più anni dentro le mura di una fabbrica facendo così l’interesse di un miliardario."

Io sono un prossimo disoccupato, e non saprei dove sbattere la testa senza la mia famiglia, per mia fortuna non povera. Ma io, che famiglia potrò mai avere? E soprattutto, che famiglie voglio vedere attorno a me?

Io non smetto di lottare.

E questo pezzo di umanità è splendido.
il Russo ha detto…
Siamo in due nella stessa situazione, in tutto e per tutto, al punto che fare l'indignados per quelli come noi è diventato un lusso...
antigonicat ha detto…
Tutti siamo operai... e siamo pezzi sostituibili.. non importa quanto hai studiato, se lavori con le mani o con la testa, o quanto ti stanchi. Ci sara sempre chi ti sfrutta usando il pretesto che la dita l ha ereditata da qualcuno e per questo sara in grado di decidere per te.
Decidere se prenderai lo stipendio o no..
e se non ti piace il modo che decide..poco importa.. c è sempre qualcuno che sara felice di prendere tuo posto, senza tante storie, per sfammare una famiglia..
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie del commento antigonicat. A presto...
Anonimo ha detto…
Ciao Io sono Riccioli Neri che commenta di solito il blog di Gap, Luz, il Russo e altri...E non sono solita scrivere certe volgarità. Inoltre credo che chi scrive sia un uomo. Io sono una donna, di sinistra, femminista, che leggo con piacere il tuo blog e da precaria e donna ormai adulta non il tempo per andare ad infastidire gli altri. Questa persona non è neppure in grado di firmarsi con il proprio nome o un nickname...lo fa per infastidire...poveraccio!
Un abbraccio
Riccioli Neri
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Bene, siccome il blog e' mio e decido io cosa pubblicare, penso sia meglio censurare quando il tutto diventa volgare e sgradevole.
A presto.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…