Passa ai contenuti principali

ALLA ROVESCIA

Cliccate sopra questo link : CONDANNANO UNA PERSONA A UN MESE DI CARCERE

Senza parole: si condanna chi ruba in un cassonetto e non chi ruba miliardi e molto probabilmente il futuro dei giovani.

Commenti

Bastian Cuntrari ha detto…
... e che commento vuoi che ti lasci, S.O.L.? Sono senza parole...
pierprandi ha detto…
Il link sembra non funzionare (o forse è un problema mio) comunque credo di sapere a che notizia ti riferisci e mi viene solo una parola...Allucinante! A presto
Silvia ha detto…
Come al solito la legge non è uguale per tutti :-/

Buona domenica, a presto!
Punzy ha detto…
per forza: chi ruba miliardi é lo stesso che fa le leggi x decidere chi deve andare in galera e chi no
Andrea ha detto…
ciao Marco..mentre i 20 padroni del mondo si riuniscono e dicono che sono disposti a tutto pur di non metterci i loro soldi e chiedono soldi veri,i nostri soldi;chi cerca un pezzo di pane nell'immondizia viene arrestato ...
Ribellarsi è giusto !!
Franca ha detto…
Mi sembra che il link non funzioni.
Comunque, direi che è la norma...
NADIA ha detto…
hola Marco, niente di nuovo in fondo in tutto il mondo il povero va in prigione e il ricco se la ride!!!
hasta siempre!!
amatamari ha detto…
Ma quel poveraccio rovistava in un cassonetto...come si può parlare di furto? Furto di merce buttata?
Altro che medioevo qua stiamo ancora più indietro...

:-(
Andrew ha detto…
che tristezza
Alessandro Tauro ha detto…
Confermo che il link non funziona neanche per me.
Non so se mi spaventa più riflettere su quanto da te scritto a proposito o il fatto che ogni giorno che passa mi stupisco sempre meno...
L'ultima cosa che vorrei è che avvenimenti di questo tipo, che ora rappresentano una sorta di "regolarità quotidiana", diventino la NORMALITA' (sempre che non lo sia già a tutti gli effetti).
Perché una volta che certi principi, certe distinzioni alla rovescia, diventano collettivamente accettati, è difficile, se non impossibile, invertire la rotta...
desaparecida ha detto…
un abbraccio ()
Le Favà ha detto…
....

Senza parole.
Anonimo ha detto…
voi bolscevichi non vi smentite mai. Non è vero che chi ha i miliardi ruba. come non è vero che esiste una crisi economica. Berlusconi lo ha detto e di sicuro Berlusconi non dice cavolate. è stato democraticamente eletto.
Secondo me voi volete che Stalin ritorni al potere ma non permetteremo un'altra dittatura comunista in Italia. già ce ne sono state 3 e bastano pure.

la dittatura del 1922, quella del 1963 e quella del 1984 finanziata con i soldi che Stalin ha dato al partito comunista.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
E' vero anonimo: spero tanto che Stalin risorga. Non cancello il tuo commento perchè visto i tempi cupi, almeno si ride un po'.
MontezumaII ha detto…
è un bel po' che non passavo.. ma con questi commenti anonimi c'e' da farsi certe risate.. devo passare più spesso che in questa situazione c'e' bisogno di ridere un po'... un saluto
frufrupina ha detto…
Ciao dolcissimo,scusami se non sono passata più...gatta da pelare...ma adesso tutto ok...serena serata.
elena ha detto…
Da me il link funziona... anche se per leggere certe notizie sarebbe meglio che scioperasse. Non consola il fatto che l'episodio non sia successo in Italia (tanto ci siamo vicini... anzi noi tra un po' faremo le code e poi le risse, davanti ai cassonetti).
Che schifezza di mondo...
Quanto all'anonimo, che dire: io alla resurrezione di Stalin non tengo troppo, ma d'altra parte non l'ho mai considerato un dio come invece fa l'anonimo con l'unto... che se dice una cosa evidentemente è più che vangelo.... e se pensiamo alla sua deocratica rielezione, c'è di che ridere davvero: mai sentito parlare di brogli, eh? Eppure... a me comunque la cosa che fa più imbufalire è il perbuonismo dei maanchisti. Forse perché son reduce dall'ultimo post di Gap - che per qualche strano motivo non riesco a commentare, stasera - ma... dio, che voglia di sinistra!!!
ciau.
elena ha detto…
Dimenticavo: non c'è la crisi, eh? Ma se ho letto che perfino i ricchi ormai gli yacht li noleggiano!!!
Poverini... facciamo una colletta? :)
Gap ha detto…
Oggi sono riuscito a collegarmi con il link.
Dire che sono disgustato è l'ovvietà della giornata. Vicino al lavoro c'è un supermercato, tutte le mattine passo davanti l'ingresso dove è posto anche, vicino il marciapiede, il cassonetto. Prima vedevo sempre delle donne di un vicino accampamento rom (fatto esclusivamente di italiani che mandavano i figli a scuola e in qualche caso all'università, poi sgomberato non si sa dove) che rovistavano nel cassonetto stesso tirando fuori frutta e verdura che "riciclavano". I rom, come detto, li hanno sloggiati, ora vedo delle personcine, uomini e donne, che hanno preso il loro posto. Con una differenza, gli scarti non vengono messi più all'interno del cassonetto, ma accatastati di fianco. Forse per rendere più facile e meno umiliante l'operazione di riciclo?

Ciao Marco, teniamo duro.
Anonimo ha detto…
berlusconi non è onesto egli è l'onestà, egli è la virtù, egli è la bellezza. io lo amo, lo amo alla follia. lo voglio e lo amo.
Gap ha detto…
anonimo, tu hai bisogno di un dottore ma bravo bravo bravo bravo bravo bravo bravo ............
bradipa ribelle ha detto…
d'accordo con punzy... chi ruba miliardi è lo stesso che fa le leggi....

SCHIFO!
luce ha detto…
Caro Marco giusto, tieni presente che i processi sono basati su prove e le prove le valutano i giudici, e la legge articola pene e le caratteristiche del reato.
Nel caso dei ladri a cui alludi tu, manca sempre qualche elemento per chiudere il cerchio: prove falsate? Giudici corrotti? leggi ad personam? reati prescritti?
Fai tu...
Baci affettuosi anche se un pò con il broncio.
Gatta bastarda ha detto…
che schifo di paese

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…