Passa ai contenuti principali

HO DECISO

Visto come sono andate le cose, la notte del 24 Dicembre anch'io voglio aspettare Babbo Natale.
Infondo, è sempre meglio credere a un bel sogno che ad una triste realtà.



E non ditemi che le cose devono peggiorare, perchè, anche se fosse, un Paese che non ha cultura può solo farsi la guerra tra poveri.


Commenti

Rouge ha detto…
SoL non ti abbattere, la strada è lunga ma non impossibile da percorrere. A questo giro il mio giudizio è che ci siamo contati, siamo noi e siamo quelli: mi auguro che i dirigenti dei vari partiti della sinistra finalmente prendano atto che da soli si perde.
Coraggio, andiamo avanti.
ANNA ha detto…
Quoto Rouge! Domani è un altro giorno! ;)
Punzy ha detto…
marco tir8iamoci su!! migliorera' iinvece, vedrai!! il vecchio e' stanco
Anonimo ha detto…
abbattersi non serve,
dobbiamo resistere e continuare !

ciao Marco,
aria
Alessandro Tauro ha detto…
Migliorerà, peggiorerà...
Credo nessuna delle due. Se c'è una cosa che emersa in queste ore è che il popolo italiano di cambiare profondamente non ne ha proprio nessuna intenzione.
E anche cambiare parzialmente non è una cosa di cui sembrerebbe avere voglia al momento.

Il popolo italiano è abitudinario. Ha paura di mettersi in gioco. E lo ha dimostrato. Lo status quo che a fasi alterne regna in questo paese dal dopoguerra è indicativo...

Questo significa che le nostre battaglie perdono di significato? No, nient'affatto! Tutto il contrario...
Perché voglio continuare a credere a Babbo Natale. Perché credo che comunque questo paese un giorno potrà cambiare.
E che certo Babbo Natale non arriva dal nulla. Perché penso che nel nostro piccolo, con le nostre piccole quotidiane battaglie, babbi natale lo siamo un po' anche noi...
Crocco1830 ha detto…
E' vero: gli italiani (e gli europei) hanno deciso di fare la guerra gli ultimi contro i penultimi.
Ci possiamo risollevare? Dici bene tu, occorre uno sforzo culturale.
Gap ha detto…
Visto risultati Gazoldo, non mi resta che sperare in casale.
Resistere sempre e comunque.
elena ha detto…
Ti informo che la Befana si è offesa... che tra l'altro, è molto più tosta di Babbo Natale: lui non fa distinzioni, mentre lei ai cattivi porta il carbone... ecco.
Ma dai, vediamola così: non abbiamo raggiunto il quorum, però entrambe le liste singolarmente hanno preso più dell'Arcobaleno tutto!
Quindi, puntare al gruppone non ha senso. Siamo diversi. Possiamo unirci su temi specifici, ma non siamo capaci di fare un discorso di tornaconto generale come invece fa la destra.
Ma i voti li dobbiamo recuperare tra i tanti, ancora troppi, astenuti di sinistra e tra i lavoratori che adesso votano lega.
R-Esistere! :)
articolo21 ha detto…
Dopo i risultati di ieri purtroppo io mi attendo un cataclisma alle prossime regionali.. a meno che l'anziano presidente non si complichi da solo la vita (come sa fare benissimo).
l'incarcerato ha detto…
Condivido pienamente l'ultima tua riga! Temo che ne dovranno passare di generazioni per l'arrivo della primavera...
Morto di fame :( ha detto…
Occorre una sterzata bella forte, una prova di orgoglio e di dignità e soprattutto occorre tutti spegnere questa cavolo di TV.
Pierprandi ha detto…
Non ti abbattere Deve per forza cambiare... Resistere sempre!

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…