Passa ai contenuti principali

POLONIA E IL PASSATO

Per il ponte del 2 giugno sono stato a Cracovia, in Polonia, con l'intento di visitare Auschwitz- Oświęcim in polacco. Ero già stato nella bellissima Cracovia ma purtroppo, per un inconveniente, non sono riuscito a far tappa al campo. Nonostante le più di quaranta ore di pullman in tutto, ne è valsa realmente la pena. Ho letto tanto di quel luogo, ma vedere non è come leggere un libro, ho ascoltato tante canzoni riguardo quel luogo, ma essere li non è come ascoltare una canzone. Mi sono isolato un attimo per riflettere, ricordandomi del consiglio di un amico, e i sentimenti che più mi hanno pervaso sono stati l' incredulità e la tristezza. Non rabbia, ma l'incapacità di capire come si possa essere riusciti a pianificare un disegno di tale malvagità. La guida che ci ha accompagnato poi, era veramente in gamba: è riuscita a trasmettere tutte le sensazioni che il luogo emanava. Non mi dilungherò in una descrizione dettagliata, servirebbe a poco, la realtà è che bisogna andare e vedere per prendere coscienza. Certo è triste: la consapevolezza che quell'orrore non è riuscito ad evitare le stragi che purtroppo tutt'oggi bagnano di sangue il mondo, fa sentire in debito nei confronti di qualcuno. Potete trovarle a questo link : conflitti.
Ma in fondo, chi non conosce la Storia, corre il grave rischio di ripetere gli stessi errori.



Il giorno dopo, in antitesi alla crudezza del giorno precedente, abbiamo visitato la meravigliosa miniera di sale a Wieliczka, nell'Area metropolitana di Cracovia. E' una delle più antiche miniere ancora operative risalente addirittura al XIII secolo. In quei 3, 5 km, si vedono delle opere d'arte fatte interamente in sale, dai minatori. Uno spettacolo a circa 200 metri di profondità. E' così, in 2 giorni di permanenza, abbiamo visto gli estremi: quello che l'essere umano può fare nel male, ma anche le meraviglie che da esso possono venire.

Commenti

Bastian Cuntrari ha detto…
Credo che i post migliori siano quelli in cui non sai cosa scrivere nei commenti. Be', per questo splendido "memento" è così: grazie, SoL.
Rouge ha detto…
A Cracovia sono stato due anni fa (bellissima, ci tornerei) ma non ho voluto andare a Auschwitz. Mi è bastato girare per il vecchio quartiere ebreo, dove tra l'altro hanno girato Scindler's list, per sentire ancora tutto il peso di quegli orrori.
Non credo avrei retto.
calendula ha detto…
io quando ho visto schindler list ho avuto una crisi isterica, ho rimesso la cena e mi è venuta la febbre, da allora qualsiasi film sull'olocausto mi da i brividi( pensa non sono riuscita neanche a vedere la vita e bella di benigni) le domande che mi sono poste sono le stesse tue PERCHE'?? COME è POTUTO ACCADERE E SOPRATTUTTO COME PUò ACCADERE OGGI IN QUESTO MOMENTO??
frufrupina ha detto…
Ciao un saluto veloce per augurarti un buon fine settimana.
Franca ha detto…
Io ho visto Dachau e hai indubbiamente ragione: vedere non è come leggere...
natale ha detto…
Hai perfettamente ragione... Leggere non è come vedere...
desaparecida ha detto…
splendido qsto post.
un bacio
l'incarcerato ha detto…
Bellissimo, non posso aggiungere altro se non rileggerlo di nuovo!

Grazie per questa perla che ci hai regalato!
Le Favà ha detto…
Il film del video è molto bello. e l'attore uno dei più bravi che io abbia mai visto. Per il post, che dire...bello. Ma tu sai trasmettere bene il senso del tuo pensiero.
il Russo ha detto…
o.t. Un abbraccio da parte tua è un'autentica boccata d'ossigeno: inspiro fino in fondo!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie mille Russo.
Gatta bastarda ha detto…
purtroppo molti conoscono la storia ma la riscrivono per i loro sporchi comodi...
ci voglio andare anche io a cracovia prima o poi! grazie per aver condiviso con noi questo viaggio importante

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…