Passa ai contenuti principali

ANNO NUOVO

E' così, finalmente, il vecchio anno è alle spalle. Sia ben chiaro che non ho grandi aspettative verso l'anno nuovo, ma sembra passato un secolo dal primo gennaio scorso. Almeno per quanto mi riguarda, il 2009 ha rimesso in discussione tante cose, favorendo profonde riflessione sul senso della vita e ciò che la rende degna di essere vissuta. Fondamentalmente, è stato un anno non bello, sia sotto il profilo personale e politico più in generale.
E così... si prova a voltare pagina, cercando sempre di non farsi prendere da facili entusiasmi, da aspettative troppo alte che inevitabilmente dovranno scontrarsi con una realtà fortemente avversa. Il 2010 sarà un anno duro: la crisi economica e l'aggravarsi di controversie nazionali e internazionali, potrebbero rendere quest'anno un anno di cambiamenti importanti.
Si continua da disadattato, perchè questo sono e mi sento, per cercare di migliorare , nei limiti umani, un mondo sempre più portato alla deriva umana e culturale.
Sono convinto però che, in questa situazione di caos e mistificazione della realtà generalizzata, il sistema sia veramente in crisi e noi possiamo e dobbiamo fare in modo di cambiare le regole del gioco. Non è facile, ma il nostro futuro dipende unicamente da una maggior presa di coscienza della realtà, e dalle relative azioni che ne seguiranno.
Vi lascio con queste bellissime parole di Gino Strada.




Buon anno di cuore a tutti gli amici blogger e lettori del blog, che hanno condiviso e stanno condividendo questa bellissima esperienza.
Grazie.

Commenti

natalibera ha detto…
Da disadattata a disadattato..
Buon Anno!!
...che abbiamo la forza di viverlo,qualunque cosa ci riservi e che non ci abbandoni mai la speranza....
Ti abbraccio... (scusa davvero per la mia assenza,ma ...ho ancora un sacco di problemi..mannaggia! )
Bruno ha detto…
Buon anno anche a te.....tantissimi auguri
Ross ha detto…
Sono molto emozionanti le parole di Gino. Rabbia, lotta e speranza: saggiamente dosate e amalgamate, auguro queste tre possibilità per il 2010 appena iniziato, perchè sia un anno non solo nuovo o ricco di novità, ma disponibile a un vero rinnovamento.

Un abbraccio.
Roby Bulgaro ha detto…
Sempre attualissima la massima di Paul Valery, dovrebbe far riflettere, ma chi la conosce?
Anche io mi sento disadattato. Circondato da persone fortemente deluse e scontente di tutto, che però, rassegnate, non fanno altro che condannare anche il loro vicino ad esserlo. La massa di gente che si è venuta a formare, e che non condivide, con noi, gli ideali di uguaglianza - parlo di uguaglianza nei diritti e doveri, non voglio fare la retorica del "siamo tutti uguali" - che dovrebbe portare la gente a quell'empatia del " non fare ad altri quello che non vorresti fosse fatto a te", è qualcosa di enorme. Questo è l'augurio che mi faccio e ci faccio per l'anno appena iniziato: lo stesso che fa Gino Strada. E cioè quello di riuscire, anche attraverso questi blog, a ridestare l'interesse del singolo, ma mica per chissà quale cosa, per se stesso nella realtà. Ridestarlo dal mondo manipolato ed immaginario dove ci vorrebbero tutti, e che haimè tanti ci sono (forse anche io!)senza rendersene minimamente conto.
Un 2010 di rinascita a tutti!
Roby
Alligatore ha detto…
Con le parole di Gino e le tue è un buon inizio...auguri uomo.
desaparecida ha detto…
grazie è un buon inizio questo...

un bacio ()
luce ha detto…
Buon anno a chi come te ci dà ancora modo di riflettere, di inza...ci,ma anche di sperare.
E grazie per le parole di Gino e edi Marx, che non si finisce mai di imparare,di ascoltare e di crescere.
Un bacio grande, Marco, di cuore.
Punzy ha detto…
Buon anno carissim...essere disadattati, in fondo, non è poi così male!!!
AmosGitai ha detto…
Nell'augurarti buon anno invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed interpreti del 2009.

VOTA I MIGLIORI FILM ED INTERPRETI DEL 2009!

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…