Passa ai contenuti principali

ULTIMA VOLTA SULL'ARGOMENTO

Purtroppo devo ritornare a malincuore sull'argomento commenti. Come potrete notare, sotto la bandiera della pace,ho tolto il contatore delle visite. Mi sono rotto anche di quello: del dover fare sempre e solo per ottenere un responso, il dover raggiungere qualche risultato come se ciò avvalorasse il blog e le parole che scrivo su questa paginetta.
Ciò che mi spinge a scrivere, è la volontà di provare a diffondere un pensiero critico e il più possibile alternativo verso questa società, con la speranza che si possa essere utili in tutti i modi per ciò che io ritengo una giusta causa.
Non è desiderio di apparire, nemmeno un'ipotetica ricerca di gloria, ma la sola e semplice passione che mi spinge, seppur con tutti i limiti del caso, a fare qualcosa per cercare di migliorare la situazione nella quale vivo.
Quindi, che questo blog faccia un milione di visite, o ne faccia semplicemente 50, a me interessa relativamente. E l'ho dimostrato rifiutando proposte di scambio link, e altro ancora.
Quello che scrivo qua sopra, in una democrazia rappresentativa come dovrebbe essere, vale non in base al numero delle visite ma perchè è il pensiero di un cittadino che ha il diritto di votare, che paga le tasse e soprattutto crede nella libertà di espressione con conseguente critica ed autocritica.
Questo, oltre ai commenti pertinenti come spunti di riflessione dei quali vi ringrazio, rende il blog uno spazio valido e di riflessione. Il resto è pubblicità, il voler cambiare il mondo portando avanti gli stessi ideali di mercificazione e cultura della visibilità perchè se non appari sei automaticamente nessuno. In tal senso mi fanno un po' ridere quelle proposte per cui devo sapere cosa vale in termini di soldi il blog, o annunci vari, perchè per me è già un degradarne il valore di impegno civile, caratteristica che credo dovrebbe almeno tentare di avere uno spazio come il mio.
Con questo voglio semplicemente dire che i commenti anonimi, come chi viene a farsi pubblicità fregandosene totalmente dell'argomento del post, verrà censurato senza remissioni.
Eccheccazzo, riusciremo mai ad uscire da questo stato infantile?

Commenti

Aries 51 ha detto…
Vorrei leggere più spesso parole come le tue. Sapevo già, per istinto,
di non avere sbagliato blog.
Buon anno a te e a tutti gli onesti.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie Aries.
Almeno ci si prova, poi si vede.
Auguri anche a te.
Grazie ancora.
Ross ha detto…
Tengo il contatore solo per poter sbirciare le chiavi di ricerca che portano al mio blog: ce ne sono di esilaranti.

Per il resto, mi appello al vecchio adagio "pochi ma buoni". Meglio poter contare su un numero modesto di lettori che ci apprezzano perchè scriviamo con cura qualcosa di utile, piuttosto che collezionare migliaia di visite e attrarre un pubblico enorme e indistinto blaterando sciocchezze.
Anonimo ha detto…
Parole sante!!!
la Volpe ha detto…
concordo... buon anno!
Silvia ha detto…
Buon anno Marco :)

p.s.naturalmente sono d'accordo con te per quanto riguarda i commenti e le visite...
Silvia ha detto…
p.p.s. sempre più incazzato eh?! ;P
Gap ha detto…
Caro, che te lo dico a fare? Come non essere d'accordo? Ma non voglio essere così estremista sul contatore.
Sui commenti anonimi e fuori tema abbiamo già scritto ampiamente.
Un caro, affettuoso e resistente saluto.
Daniela ha detto…
Il contatore delle visite è un orpello, un vezzo che spara cifre e - nel mio caso - mi enumera persone che passano e scappano(tant'é che la media della loro visita spesso è qualche decina di secondi) per cui lascia il tempo che trova. Io l'ho messo quando ho aperto il blog e perciò è come se fosse lì dall'inizio e lo lascio come monito per me di far parte di una blogosfera che c'è. Poi la strada che mi propongo è un'altra, è quella che percorri tu, è quella delle libere idee e del confronto... niente comunque che abbia a che fare con l'orrida prassi del commento anonimo, che detesto anche perché dietro alla parola "anonimo" c'è l'arroganza della maleducazione e dell'offesa! Un caro saluto^^^
Alessandro Tauro ha detto…
Concordo su tutta la linea.
Rifiuto anch'io scambi di link quando li reputo inutili o inappropriati (in particolar modo quando mi vengono chiesti da realtà che nulla hanno a che fare con le tematiche sulle quali il mio blog è fondato).
Posseggo un contatore che tengo al solo scopo di avere un'idea molto vaga sugli argomenti che i lettori reputano più interessanti o meno.

Ma mai ho lasciato che dati statistici potessero influenzare il mio lavoro. L'argomento sisma e le realtà politico-amministrative ad esso connesse risultano essere le meno interessanti anche per il mondo della rete oltre che per la "grande" informazione dei tg o della carta stampata.

Ho smesso per questo di affrontare il tema L'Aquila? Nemmeno per sogno! Il mio ultimo post è rivolto ancora una volta al post-terremoto.
E lo faccio con orgoglio, ignorando in questo senso ogni segnale indiretto sull'apprezzamento statistico degli argomenti.

E credo che sia più che giusto così.

La mercificazione del lavoro (di qualsiasi tipo) su un blog è un rischio che non voglio correre in nessun modo. Mi piace quello che faccio perché lo ritengo utile.
E non intendo prodigarmi per guadagnarci qualcosa. In termini monetari così come in termini di fama e successo.

PS: Ti auguro uno splendido anno nuovo!
Nicolanondoc ha detto…
La tua scelta...è una caratteristica di coloro che hanno vissuto con le minoranze...complimenti e auguri per l'anno che è arrivato
calendula ha detto…
I blog sono pieni di persone che non leggono minimamente quello che scrivi, ma passano frettolosamente nel blog, solo per avere una visita in cambio... mi capita di copiare articoli di giornale o comunque di far presenti situazioni che io ritengo veramente critiche, per far girare la voce, perchè l'informazione si fa anche così, e non sai che rabbia vedere i commenti tipo " ciao passo solo per un saluto" senza che la persona in questione abbia minimamente degnato di uno sguardo le parole che con tanto impegno e amore ho messo nel post... ti capisco perfettamente... Un bacio cal
luce ha detto…
Daccordo con te su tutto; io ho il contavisite non tanto per vedere quanti vengono da me ma chi,così anche se non commentano mi fa piacere vedere che siano passati; è come quando un amico ti incrocia per strada e ti suona con il clacson per salutarti e tu ti volti e ricambi con un sorriso, anche in silenzio.
Pochi ma buoni, sempre, e buoni perchè se la pensano come te è bello, perchè ci si sente meno soli.
Una clacsonata a te, con tanto di ciao dal finestrino, visto che ho commentato ;-)
Un abbraccione
il Russo ha detto…
Sfondi una porta aperta, sai come la penso. Ho dato una sforbiciata a gente che m'aveva chiesto lo scambio link e non s'è mai più fatta vedere, banno senza pietà i provocatori ed al momento (anche se un pò a malincuore) ho segato pure gli anonimi.
Il contatore vale quel che vale, capitano giorni che non posto e faccio più contatti di quando posto, quindi puoi immaginare il peso che sto a dargli....
Concordo con queste idee. Io leggo spesso e scrivo poco ma almeno quando scrivo uso un account riconoscibile.
Buon anno.
Faber ha detto…
ammetto di amare i numeri

per il resto quoto pienamente la dolce Daniela .

dimenticavo ... io odio gli anonimi , a prescindere .

ciao a tutti un abbraccio
Zion ha detto…
mi sembra giusto, anche se non tutti sono condizionati dai numeri. io non passo tutti i giorni a leggerti, ma quando riprendo in mano il tuo blog sono felice che scrivi! a prescindere da quanti ti leggono...figurati se è importante.

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…