domenica 6 marzo 2011

Difendiamo la scuola pubblica


“Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuole fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura.
Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di previlegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole , perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili,si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata.
Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare prevalenza alle scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico.”

Piero Calamandrei

(Discorso pronunciato da Piero Calamandrei al III congresso dell’Associazione a Difesa della Scuola Nazionale, a Roma l’11 febbraio 1950)

5 commenti:

Cirano ha detto...

Calamandrei, purtroppo, profetico!

☆♥gabrybabelle (๏̯͡๏) ha detto...

a quanto pare ,siamo sulla stessa onda.In fondo,quando tutto è sfacelo che si può' fare se non rifarsi alle grandi menti?
Come ho scritto sul mio post,mio caro non schiavo ma @libero in idee e azioni

"Piero Calamandrei è stato premonitore dello sfacelo che regna nella Scuola pubblica Italiana,e ,in altre grandi Istituzioni e l'ha scritto ben oltre 50 anni fa!!Quello che sta accadendo alla scuola privata,maggiormente
sovvenzionata con denari pubblici,quindi di tutti noi,rispetto a quella pubblica, a causa di una forza politica o due ,è inqualificabile!!!!

☆♥gabrybabelle (๏̯͡๏) ha detto...

.

emanuela ha detto...

Dopo tante tempo torno nella blogosfera e trovo un discorso di Calamandrei sulla scuola: fantastico per un'insegnante idealista come me.
Grazie

Roby Bulgaro ha detto...

Già!