Passa ai contenuti principali

7 Giorni al 25 Aprile

Sto leggendo diversi libri sulla Resistenza e non nascondo che a volte, difronte a certi gesti eroici, le lacrime di commozione solcano il mio viso anche a ragione di ciò che siamo diventati.

Questo è un testo di Italo Calvino, dove lui in sostanza afferma che la violenza era da entrambe le parti, ma il fine di quest'ultima era totalmente diverso: una fascista per l'oppressione , l'altra partigina per il riscatto umano.

C'è che noi nella storia siamo dalla parte del riscatto, loro dall'altra. Da noi, niente va perduto, nessun gesto, nessuno sparo, pur uguale al loro, m'intendi? uguale al loro, va perduto, tutto servirà se non a liberare noi a liberare i nostri figli, a costruire un'umanità senza più rabbia, serena, in cui si possa non essere cattivi. L'altra è la parte dei gesti perduti, degli inutili furori, perduti e inutili anche se vincessero, perché non fanno storia, non servono a liberare ma a ripetere e perdurare quel furore e quell'odio, finché dopo altri venti o cento o mille anni si tornerebbe così, noi e loro, a combattere con lo stesso odio anonimo negli occhi e pur sempre, forse senza saperlo, noi per redimercene, loro per restare schiavi.Questo è il significato della lotta, il significato vero, totale, al di là dei vari significati ufficiali. Una spinta di riscatto umano, elementare, anonimo, da tutte le nostre umiliazioni: per l'operaio dal suo sfruttamento, per il contadino dalla sua ignoranza, per il piccolo borghese dalle sue inibizioni, per il paria dalla sua corruzione. Io credo che il nostro lavoro sia questo, utilizzare anche la nostra miseria umana, utilizzarla contro se stessa, per la nostra redenzione, così come i fascisti utilizzano la miseria per perpetuare la miseria, e l'uomo contro l'uomo.(da "Il sentiero dei nidi di ragno")

Perchè le loro gesta, possano restare impresse nella memoria di tutti noi come uno splendido esempio di riscatto umano, morale di un popolo e di un'intera Nazione.

Sotto intervista al Compagno Partigiano Giovanni Pesce e a sua moglie che consiglio di guardare.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Se i politici interpellati, si fossero attenuti a quegli ideali, molto probabilmente all'appello precedente avremmo avuto delle risposte.
E' una sinistra da rifondare dai suoi vertici.
Pietro ha detto…
C'è scarso entusiasmo su tutti i fronti. D'altronde vedere l'Italia in mano a quelli che la governano attualmente, fiaccherebbe chiunque.
il monticiano ha detto…
@Quest'intervista oltre che nelle scuole, dovrebbe circolare anche tra quei politici interpellati e che tacciono. P E R C H E'?
Si fa qualcosa per il prossino 25 aprile?
Franca ha detto…
Stare da una parte o dall'altra fa la differenza. Eccome se la fa...
Opponiamoci al disegno di legge che vuole equiparare partigiani e repubblichini
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Monticiano: se queste cose le avessero fatte girare come esempio invece di occultarle, non ci ritroveremmo in questa situazione comunque voluta. il mercato, quello alle cui leggi tutti siamo sottoposti, non ha bisogno dell'emancipazione dell'essere umano; ma di una schiera di pecoroni che crede di essere libero, mentre invece si comporta proprio come il vero potere vuole.
Consumo, lamentarsi e poi alla fine perseverare a non capire niente. In Francia sequestrano manager, da noi il grande Fratello fa record di ascolti: ci sarà un motivo. Per il 25 Aprile è da decidere.
Anonimo ha detto…
non mi do pace,dopo tante lotte e tanti morti,a vedere un italia ridotta cosi.
è tutto da ricominciare.
bella intervista.

ciao,
aria
pansy ha detto…
Final Countdown?
Elsa ha detto…
dall'isola di Gramsi...
si è rivoltato nella tomba una marea di volte.
Lugubre? non credo...
Io ho potuto studiare qualcosa su di lui soltanto alle elementari con un insegnante comunista... per il resto liceo compreso ZERO ASSOLUTO SULLA RESISTENZA.

pss ho citato Gramsci perchè neppure molti sardi conoscono bene il suo pensiero.
un abbraccio
Elsa
Resistenza oggi deve essere intesa come difesa della nostra libertà. Quindi occhio attento al passato ma attualizzando questo concetto

Oggi resistere é difendere la libertà d'opinione e di verità sempre più minacciate, significa non mollare e stare vicino a chi resiste più praticamente dentro una tenda avendo perso tutto e che si vede arrivare un ghigno sorridente che promette case ovunque. Ovunque tranne dove la gente le vorrebbe. Lì dove esistevano prima.

Resistere é combattere le censura e le intimidazioni mediatiche e pensare con la propria testa.

Perché anche oggi anche se senza armi siamo in piena Resistenza.
Gap ha detto…
caro marco, un saluto.
resistere sempre e comunque.
Le Favà ha detto…
Siamo rimasti ombre di un passato che non vuole più essere inteso come giusto e rispettabile. Ogni giorno c'è chi sputa su quello che avvenne. Eppure, eppure si continua a puntare il dito contro chi quel tempo vuole solo ricordare o difendere.
riri ha detto…
Ciao Marco, è un periodo che mi sento sfinita...a volte si fa in fretta ad abbassare la guardia, ma l'entusiasmo nn deve essere un ricordo. Ti abbraccio e condivido come sempre la tua amarezza.
amatamari ha detto…
Resistenza è anche memoria.
Grazie per il tuo scritto.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…