Passa ai contenuti principali

APPUNTAMENTO DA NON PERDERE

E' Natale, spunta la pace trionfa l'amor; ho visto un bellissimo cellulare ieri, ultima generazione: si possono fare foto, video, navigare in Internet, lava anche il pavimento e spolvera in casa; quasi quasi mi faccio un regalo. Però in quella vetrina in centro, c'era un bellissimo maglione e sono indeciso se comprare quest' ultimo o il cellulare. Magari compro entrambi, in fondo Natale viene una volta all'anno e poi siamo freschi di tredicesima ( quest'anno FINALMENTE più pesante: si stima ben 32 euro in più). Mi sono appena ricordato però, che devo fare un regalo anche ad un amico, cosa comprare? Accidenti... c'è anche quell'altro, mi sta un po' antipatico ma dovete sapere che lui è stato gentile a farmelo e anche se poi per un anno non ci parliamo, è giusto ricambiare. E' Natale, bisogna essere tutti più buoni. Che bello il Natale, ci si rende conto di quanti amici si hanno: devo passare interi pomeriggi a scegliere regali! Ma le vie sono bellissime, tutte illuminate a giorno, i vestiti e oggetti vari in mostra con negozi sempre aperti che sembrano dirti: " E' Natale, non puoi esimerti dal soddisfare il tuo bisogno di consumare, fai o fatti un bellissimo regalo."
Tutto si riduce ad un oggetto, il quale prende la forma di ciò che non sappiamo dire, dei gesti mancati, della fiducia che non sappiamo più dare e dei sentimenti che non siamo più capaci di coltivare nei vuoti in cui ci perdiamo. L'ipocrisia che si materializza, pensiero laido che riduce un sentimento a materia, di cui addirittura risentirsene se non ricevuta. Perchè ormai è un obbligo, dovere imprescindibile regalare il proprio affetto attraverso qualcosa di sensibile al tatto.
In fondo è Natale, spunta la pace trionfa l'amor....
E poi escono questi studi " Altruisti si nasce, non solo a Natale", a ricordarci ciò che dovrebbe essere scontato come bere un sorso d'acqua quando si ha sete.
Ma siccome con l'acqua privatizzata un giorno potrebbe non essere neppure scontato bere, vi auguro tanta guerra durante l'anno per essere poi più buoni a Natale. Se riuscirete ad essere abbastanza cattivi, intolleranti, avidi, razzisti durante l'anno, vi basterà poco per fare la figura dei buoni a Natale. Coraggio!!! Non vorrete mancare l'appuntamento con la bontà?

Commenti

il Russo ha detto…
Non lo mancherei per tutto l'oro (o i 32 euro) del mondo...
stella ha detto…
Auguri Marco.
Roby Bulgaro ha detto…
Cinismo quasi puro.
Omaggio al tempo in cui viviamo.
Penso si possa essere ancora più cinici... Rabbrividisco.
No, no, non voglio pensarci!
Buone feste_
Roby
luce ha detto…
La tua brutale verità è la cosa più buona che tu potessi fare in questi giorni di mercato, perchè la tua verità fa male ma è giusta; magari si compra qualcosa di meno e si impara qualcosa di più.
Però fatti fare un regalom da chi cerca di essere buona tutto l'anno ( ma non sempre ci riesce): un abbraccio più che virtuale a te che sei una bella persona tutto l'anno.
Ma bella davvero.
Buone Feste Marco di vero cuore a te a chi ami, e chi ha la fortuna di averti nei paraggi anche per un caffè.
Rouge ha detto…
All'amico regala una tessera del Pdl :)
Zion ha detto…
32 euro? e chi li ha visti??? :D
pansy ha detto…
Colgo l'occasione per mandarti i miei auguri per un sereno natale e felice anno nuovo..pansy!
Punzy ha detto…
hai ragione, grazie del consiglio, basta che faccio una lista dell'amore all'anno e vedi che diffrenza :)

vabbè caro, auguri e mangia tanto!!
Alessandro Tauro ha detto…
Bellissimo post. Amaramente commovente!

Ho ancora qualche ora di tempo per pestare qualche immigrato, insultare qualche lavavetri, prendere in giro un anziano o malmenare un omosessuale.
Tanto per la funzione della messa natalizia con confessione allegata c'è tempo, no?
Con la tessera natalizia del PDL in tasca si salta anche la coda, giusto? :)

Buone feste Marco! Ti mando i miei più vivi e laicissimi auguri!
Gap ha detto…
Buoni il cazzo, caro Marco.
L'odio è un sentimento e come tale lo vivo e lo applico strasbattendomene i cabasisi del natale e di tutte le altre feste che ipocritamente si festeggiano e santificano.
Non ti faccio l'elenco delle persone che odio, sarebbe troppo lungo, ma sono sicuro che molti li conosci anche te.
Non sprecare tutti i 32 euro in una volta sola,
Marcolino,guarda il lato buffo della questione,a Natale ci sono tante palle in giro,che girano girano, girano,tanto che te le fanno anche girare,A me picciono quelle rosse,un colore BRILLANTE,!!poi ci sono quelli che le raccontano,ma è un'altra questione-vale 364 gg l'anno,
comunque una domanda sorge spontanea"A quando la raccolta di margherite"??Magari aspettiamo che sverna? con tutto sto bianco neve accecante non vedo na mazza...di natale!!
Pierprandi ha detto…
A noi cassaintegrati la tredicesima non spetta, quindi darò tante pacche sulle spalle a tutti... Buon Natale Marco (rigorosamente laico!).
Hasta la victoria siempre!
riri ha detto…
Ciao Marco, sarebbe idiota augurare qualcosa a qualcuno, posso solo condividere ed abbracciarti.
NADIA ha detto…
AUGURIIIIIIIIIIII
Marco!!!
desaparecida ha detto…
io per 32 euro vendo l'anima alla stella cadente!
Che manco sa cadere bene dato che ogni anno ci riprova!!!

Un bacio,semplicemente :)
La Mente Persa ha detto…
Tanti tanti tanti auguri :)
gio
Alligatore ha detto…
Buone feste marco!
Gap ha detto…
Un augurio di resitenza e di lotta, amico, perché te lo meriti.
l'incarcerato ha detto…
Condivido, ovviamente, quello che hai scritto. Io l'unico regalo che posso farti è un augurio laico sincero.

Non molliamo, mi raccomando a combattere.

Un abbraccio!
Nicolanondoc ha detto…
Un augurio è sempre un...augurio :-)
Un abbraccio
jec ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
la Volpe ha detto…
auguri di buone feste!

(ops... prima avevo mandato gli auguri usando l'account di mio fratello)

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…