Passa ai contenuti principali

BUON NATALE DA GAZA

Questo video, della durata di circa un'ora, è una testimonianza dell'attivista Vittorio Arrigoni sulla situazione di Gaza.
Vi chiedo una sola ora della vostra giornata, durante queste feste, per capire cosa accade in quelle terribili zone.Perchè seppur sciocco continuare a ripeterlo, non per tutti la giornata di oggi è stata di festa.

Commenti

Gap ha detto…
Non esagerare, una intera ora senza preoccuparsi di panettone e torrone?
Preoccuparsi dei palestinesi si, ma non per tanto tempo!!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Caro gap, io resto fiducioso.
In ogni caso però, almeno ci avrò provato.
Alessandro Tauro ha detto…
Il video vedrò di vedermelo con calma a brevissimo, perché ho come l'impressione che ne valga davvero la pena.
Intanto da "privilegiato" a "privilegiato", ti faccio i miei più affettuosi auguri di buonissime feste (e di buonissimo tutto!)
Ross ha detto…
Grazie per aver ricordato Gaza anche tu. E' un dovere farlo, a maggior ragione in questi giorni, quando, mentre noi ci scambiamo gli auguri attorno al presepe illuminato, lì, nei luoghi in cui il presepe è nato, le uniche luci che brillano sono quelle dei mitragliatori e delle esplosioni e continua a non esserci proprio nulla da festeggiare.

Ora guardo il video.
Intanto segnalo la Gaza Freedom March, che se tutto va bene partirà domani, a un anno dall'operazione militare Piombo fuso, per chiedere la fine dell'assedio israeliano nella Striscia e la liberazione del popolo palestinese.

Un saluto.
Alligatore ha detto…
Lo vedrò con calma...e consiglio, se non l'avete già fatto, il libro di Arrigoni, uscito presso il manifesto (a breve un post sul mio blog).
il Russo ha detto…
Buon Natale soprattutto a chi è da quelle parti, altrochè.
l'incarcerato ha detto…
Non è sciocco ripeterlo, siamo arrivati all'assuefazione e al paradosso che sarebbe inutile e addirittura scontato denunciare queste cose.

Un abbraccio e buone feste!
Anonimo ha detto…
Buon Natale a tutti gli amici di Israele!
Alla faccia dei soliti sinistrati!
riri ha detto…
...l'Iran..una mina vagante..
buon natale anche a chi lotta per una vita migliore donando la vita...
luce ha detto…
Grazie Marco di ricordarci certe cose d'impatto emotivo, che le feste hanno la memoria alla "tabula rasa": tutto sembra bello e luminoso ma il mondo è ancora pieno di ombre.
Tranne quelli come te.
Un cordialissimo e affettuosissimo saluto.
Io ricordo quando Vittorio ando a Gaza. Seguii quell'esperienza scrivendone sul mio blog. E' vero la situzione é molto grave.

Ci vuole un vero processo di pace. E ci vorrebbe anche chi questo processo (e non alludo alla gente ma a quelli in alto...) lo volesse davvero.

Auguri Marco.

Daniele
Roby Bulgaro ha detto…
E' un vero schifo Marco!
Seguii la puntata di annozero che costò a Santoro grosse pene.
Questi filmati fanno male. Soprattutto perchè lasciano il tempo che trovano a causa di una comunità internazionale assente, o che addirittura si può ipotizzare interessata al proseguimento del conflitto per interessi vergognosi, che non voglio neppure provare ad immaginare(già fatto!).
Il senso di impotenza è enorme, e la paura che genera è ancora più grande in me, che detesto con tutte le mie forze qualsiasi tipo di violenza. Vittorio ha un coraggio da leone.
Ciao_
Roby
riri ha detto…
..auguri caro Marco, anche se pensando a cosa succede in giro..ma anche senza andare molto lontano.
Buon anno nuovo ed un abbraccio.
Vincenzo ha detto…
Il mio pensiero è sempre stato dalla parte dei più deboli e non lo dico per banale buonismo di sinistra, ma perchè è vero cazzo! Quella gente ha bisogno di aiuto e nessuno batte ciglio! Che schifo!
il Russo ha detto…
E dopo il buon natale caro Marco lasciati augurare un buon 2010, so che per te il 2009 è stato anno veramente duro e, forse, il prossimo non sarà da meno, sappi però che sui tuoi compagni blogger potrai sempre contare!
Luz ha detto…
Il tuo post è del 25 dicembre ma io arrivo il 31. Ti abbraccio e ti voglio bene. Luz

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…