Passa ai contenuti principali

TANTO PER PROVARE A FARE DA ANTICORPO

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. (dal Corriere della sera, 8 maggio 1974).
Primo Levi

Commenti

Roby Bulgaro ha detto…
Sono in vena di commenti, Marco... ma che te lo dico a fare?!?
Lotto per fare in maniera, insieme a te, ed altri come noi, per far emergere questo, che Levi esprime così mirabilmente, ma che tanti non vedono pur essendoci dentro quanto noi.
Zion ha detto…
non è cambiato niente, se non peggiorando la situazione???
Gap ha detto…
Caro Marco, c'è bisogno di commentare? Altri dovrebbero leggere e rendersi conto, noi continuiamo a fare la nostra parte comes empre.
luce ha detto…
Carissimo Marco,oramai abbiamo capito( non tutti purtroppo...) che ogni epoca ha il suo fascismo con nomi diversi, in forme diverse e con mezzi diversi ma sempre fascismo è.
Però, se permetti, io la cosa la vedo anche in termini esistenziali e mi spiego:le persone sono peggiorate, manca la spontaneità, la voglia di fidarsi degli altri, di provare a credere negli altri, l'empatia, manca insomma l'umanità, quella se mi consenti un pò alla meridionale del mondo , ilsomma lo sguardo verso l'altro che non sia per forza in cagnesco o per fregarlo ma anche pronto a dare e ricevere.
Persino tra blogger affini c'è un pò di diffidenza e anche se ci s trova bene si riflette tanto per contattarci anche nella vita reale, come se si avesse paura...
Insomma manca la speranza e l'anima e questo è il terreno fertile per qualsiasi forma di governo e di vita materialista e superficiale.
E io che non sono così, mi sento sempre più impotente, seppur "combattente".
Ma lo sai che il mio ottimismo è preso persino in giro?
Eh si, perchè io a domani che è un altro giorno ci credo ancora .
Come te, che con i tuoi post non fai che chiedere aiuto per salvare il salvabile che è ancora tanto se ci crediamo ancora.
Un abbraccio affettuoso...tutto bene?Stai bene?
Alessandro Tauro ha detto…
Se non fosse che queste parole vengono dalla mente di uno dei più illuminati scrittori italiani, direi che provo quasi rabbia a dover leggere pensieri esposti oltre 30 anni fa e che riescono a calzare alla perfezione alla situazione sociale, politica e culturale italiana più di quanto lo facessero negli anni in cui tali pensieri trovarono luce...

Avremmo dovuto prestare più attenzione a tali avvertimenti, quando la situazione stava già prendendo una bruttissima china, ma non era ancora arrivata a toccare il piano orizzontale in basso.
Ernest ha detto…
e pensare che quello che sta succedendo è tutto scritto!
saluti
Luz ha detto…
Che dici? E' di oggi questo articolo? Che paura...

Post popolari in questo blog

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …