Passa ai contenuti principali

TANTO PER PROVARE A FARE DA ANTICORPO

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. (dal Corriere della sera, 8 maggio 1974).
Primo Levi

Commenti

Roby Bulgaro ha detto…
Sono in vena di commenti, Marco... ma che te lo dico a fare?!?
Lotto per fare in maniera, insieme a te, ed altri come noi, per far emergere questo, che Levi esprime così mirabilmente, ma che tanti non vedono pur essendoci dentro quanto noi.
Zion ha detto…
non è cambiato niente, se non peggiorando la situazione???
Gap ha detto…
Caro Marco, c'è bisogno di commentare? Altri dovrebbero leggere e rendersi conto, noi continuiamo a fare la nostra parte comes empre.
luce ha detto…
Carissimo Marco,oramai abbiamo capito( non tutti purtroppo...) che ogni epoca ha il suo fascismo con nomi diversi, in forme diverse e con mezzi diversi ma sempre fascismo è.
Però, se permetti, io la cosa la vedo anche in termini esistenziali e mi spiego:le persone sono peggiorate, manca la spontaneità, la voglia di fidarsi degli altri, di provare a credere negli altri, l'empatia, manca insomma l'umanità, quella se mi consenti un pò alla meridionale del mondo , ilsomma lo sguardo verso l'altro che non sia per forza in cagnesco o per fregarlo ma anche pronto a dare e ricevere.
Persino tra blogger affini c'è un pò di diffidenza e anche se ci s trova bene si riflette tanto per contattarci anche nella vita reale, come se si avesse paura...
Insomma manca la speranza e l'anima e questo è il terreno fertile per qualsiasi forma di governo e di vita materialista e superficiale.
E io che non sono così, mi sento sempre più impotente, seppur "combattente".
Ma lo sai che il mio ottimismo è preso persino in giro?
Eh si, perchè io a domani che è un altro giorno ci credo ancora .
Come te, che con i tuoi post non fai che chiedere aiuto per salvare il salvabile che è ancora tanto se ci crediamo ancora.
Un abbraccio affettuoso...tutto bene?Stai bene?
Alessandro Tauro ha detto…
Se non fosse che queste parole vengono dalla mente di uno dei più illuminati scrittori italiani, direi che provo quasi rabbia a dover leggere pensieri esposti oltre 30 anni fa e che riescono a calzare alla perfezione alla situazione sociale, politica e culturale italiana più di quanto lo facessero negli anni in cui tali pensieri trovarono luce...

Avremmo dovuto prestare più attenzione a tali avvertimenti, quando la situazione stava già prendendo una bruttissima china, ma non era ancora arrivata a toccare il piano orizzontale in basso.
Ernest ha detto…
e pensare che quello che sta succedendo è tutto scritto!
saluti
Luz ha detto…
Che dici? E' di oggi questo articolo? Che paura...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…