Passa ai contenuti principali

AVEVANO ECC. ECC. ECC.

Qualcuno mi chiede perchè siamo sempre così in pochi. Oggi, in modo sarcastico ma non troppo, mi è venuta questa risposta.

Siamo così tanto in pochi, perchè per essere di sinistra ( quella vera) serve tanta cultura, e in questa società di ignoranti, dove la cultura è superflua, per forza di cose siamo in numero ridotto. Solo la cultura infatti, è antidoto in grado di fornire anticorpi per fronteggiare i messaggi subdoli del sistema. Più si è ignoranti, meno si è in grado di reagire all'omologazione e alla repressione che ci circonda. Più si è ignoranti, e maggiori sono le probabilità di cadere in quell'amplesso di arraganza, che toglie persino la volontà di provare a migliorarsi.
In questa società da "grande fratello", tette, culi e veline, dove la missione preminente per il sistema è addormentare cervelli, è quasi consequenziale il fatto di ritrovarsi ad essere in pochi.
Ma a tutti dico di non preoccuparsi, che ognuno continui a farsi i fatti suoi, tanto i politici sono uguali. Anzi, la politica non conta proprio niente, e se non rubo io lo farà sicuramente ( autoassoluzione) un altro per me. La furbizia, è valore supremo, fregare il prossimo come fine ultimo. E con la clava in mano, perchè all' età delle caverne siamo tornati, tutti a inveire contro il più debole. Di un solo articolo sembra ormai composta la Costituzione: " Morte tua vita mia."
Ma tanto lo sappiamo: prima o poi qualcuno penserà per noi cosa fare, perchè impegnarsi?
Io faccio il mio intereresse, il prossimo non esiste, al massimo lo sfrutto.

Commenti

Alligatore ha detto…
Pochi? In realtà è tutto relativo, forse siamo in tanti, ma la nostra voce è soffocata. Chi ha il potere sa che il virtuale, il simbolico, l'immagine, gioca un ruolo fondamentale e allora cerca di mostrare che siamo in pochi, che loro sono in tanti...tanti sono i passivi, questo è certo.
Pape Satan Aleppe ha detto…
Sottoscrivo. Ma non siamo pochi ...
Bruno ha detto…
non siamo in pochi ma purtroppo mi sa che hai ragione..morte tua vita mia....oggi funziona cosi. Rimane più semplice sedersi a vedere il grande fratello, un paio di esaltati che gridano tutto il giorno ma che non ci creano problemi e magari ci divertono un po'
Aries 51 ha detto…
Una buona istantanea del presente. Le tue sono parole amare. Parole però di chi non si arrende al degrado mentale che ormai sembra senza ostacoli. Di chi comunque, per quello che può, si dà da fare. E non è poco.
Gap ha detto…
Caro Marco,
concordo con gli altri pochi che mi hanno preceduto, non siamo pochi, siamo solo divisi e incapaci di portare avanti le idee senza cadere vittime dei particolarismi. Il frazionismo è stato sempre un difetto della sinistra e a nulla sono valse le migliori menti per unificare a lungo. Figurati ora che le migliori menti non ci sono. Ci sono solo uomini di buona volontà che portano avanti, come possono e come sanno, idee sempre valide che altri hanno rinnegato.
Vincenzo Cucinotta ha detto…
Su un recente post, facevo quattro conti sulle elezioni di questi ultimi venti anni: ebbene, ho calcolato che ci sono sedici milioni e mezzo di persone che per tutti questi venti anni si sono sempre rifiutati di votare a destra ed al centro. Mi pare un bel numero da cui partire no?
la Volpe ha detto…
Caro mio, ti assicuro che anche essere esponenti di un pensiero di destra sinceramente liberale non è facile (parlo pensando ad amici che votano contro Berlusconi e che detestano questa plutocrazia ultraliberista). Per il resto, appoggio il commento di Vincenzo!
Alessandro Tauro ha detto…
La furbizia, è valore supremo, fregare il prossimo come fine ultimo. E con la clava in mano, perchè all' età delle caverne siamo tornati, tutti a inveire contro il più debole. Di un solo articolo sembra ormai composta la Costituzione: "Morte tua vita mia."

Un'amarissima e fedelissima traduzione in lettere e parole di un enorme spaccato della realtà mentale e culturale di questo paese.

Per il resto, sposo in pieno i commenti della Volpe e di Vincenzo!
Ernest ha detto…
come disse moretti "Mi troverò sempre a mio agio con una minoranza di persone"...
saluti compagno
luce ha detto…
Carissimo , non siamo pochi, siamo solo sparsi e poco compatti.
Non ti scoraggiare,bisogna solo aspettare che ci si riconosca e che si riesca ad essere uniti e coraggiosi nel dirlo che siamo non tanto di sinistra nel senso strettamente politico ma proprio di buon senso, dando valore alla cultura, alla solidarietà,alla tolleranza insomma al lato Umano della politica e della Vita .
Un abbraccio affettuosissimo.
riri ha detto…
Caro Marco, anche se non mi considero molto colta, sono comunista/idealista..ahimè, leggo tantissima amarezza e ti comprendo, ma non siamo pochi, altri prima di me hanno esposto meglio il loro pensiero..qui dove vivo ci sono ottimi compagni, c'è da lavorare molto e tener duro..
ti abbraccio

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…