Passa ai contenuti principali

AVEVANO ECC. ECC. ECC.

Qualcuno mi chiede perchè siamo sempre così in pochi. Oggi, in modo sarcastico ma non troppo, mi è venuta questa risposta.

Siamo così tanto in pochi, perchè per essere di sinistra ( quella vera) serve tanta cultura, e in questa società di ignoranti, dove la cultura è superflua, per forza di cose siamo in numero ridotto. Solo la cultura infatti, è antidoto in grado di fornire anticorpi per fronteggiare i messaggi subdoli del sistema. Più si è ignoranti, meno si è in grado di reagire all'omologazione e alla repressione che ci circonda. Più si è ignoranti, e maggiori sono le probabilità di cadere in quell'amplesso di arraganza, che toglie persino la volontà di provare a migliorarsi.
In questa società da "grande fratello", tette, culi e veline, dove la missione preminente per il sistema è addormentare cervelli, è quasi consequenziale il fatto di ritrovarsi ad essere in pochi.
Ma a tutti dico di non preoccuparsi, che ognuno continui a farsi i fatti suoi, tanto i politici sono uguali. Anzi, la politica non conta proprio niente, e se non rubo io lo farà sicuramente ( autoassoluzione) un altro per me. La furbizia, è valore supremo, fregare il prossimo come fine ultimo. E con la clava in mano, perchè all' età delle caverne siamo tornati, tutti a inveire contro il più debole. Di un solo articolo sembra ormai composta la Costituzione: " Morte tua vita mia."
Ma tanto lo sappiamo: prima o poi qualcuno penserà per noi cosa fare, perchè impegnarsi?
Io faccio il mio intereresse, il prossimo non esiste, al massimo lo sfrutto.

Commenti

Alligatore ha detto…
Pochi? In realtà è tutto relativo, forse siamo in tanti, ma la nostra voce è soffocata. Chi ha il potere sa che il virtuale, il simbolico, l'immagine, gioca un ruolo fondamentale e allora cerca di mostrare che siamo in pochi, che loro sono in tanti...tanti sono i passivi, questo è certo.
Pape Satan Aleppe ha detto…
Sottoscrivo. Ma non siamo pochi ...
Bruno ha detto…
non siamo in pochi ma purtroppo mi sa che hai ragione..morte tua vita mia....oggi funziona cosi. Rimane più semplice sedersi a vedere il grande fratello, un paio di esaltati che gridano tutto il giorno ma che non ci creano problemi e magari ci divertono un po'
Aries 51 ha detto…
Una buona istantanea del presente. Le tue sono parole amare. Parole però di chi non si arrende al degrado mentale che ormai sembra senza ostacoli. Di chi comunque, per quello che può, si dà da fare. E non è poco.
Gap ha detto…
Caro Marco,
concordo con gli altri pochi che mi hanno preceduto, non siamo pochi, siamo solo divisi e incapaci di portare avanti le idee senza cadere vittime dei particolarismi. Il frazionismo è stato sempre un difetto della sinistra e a nulla sono valse le migliori menti per unificare a lungo. Figurati ora che le migliori menti non ci sono. Ci sono solo uomini di buona volontà che portano avanti, come possono e come sanno, idee sempre valide che altri hanno rinnegato.
Vincenzo Cucinotta ha detto…
Su un recente post, facevo quattro conti sulle elezioni di questi ultimi venti anni: ebbene, ho calcolato che ci sono sedici milioni e mezzo di persone che per tutti questi venti anni si sono sempre rifiutati di votare a destra ed al centro. Mi pare un bel numero da cui partire no?
la Volpe ha detto…
Caro mio, ti assicuro che anche essere esponenti di un pensiero di destra sinceramente liberale non è facile (parlo pensando ad amici che votano contro Berlusconi e che detestano questa plutocrazia ultraliberista). Per il resto, appoggio il commento di Vincenzo!
Alessandro Tauro ha detto…
La furbizia, è valore supremo, fregare il prossimo come fine ultimo. E con la clava in mano, perchè all' età delle caverne siamo tornati, tutti a inveire contro il più debole. Di un solo articolo sembra ormai composta la Costituzione: "Morte tua vita mia."

Un'amarissima e fedelissima traduzione in lettere e parole di un enorme spaccato della realtà mentale e culturale di questo paese.

Per il resto, sposo in pieno i commenti della Volpe e di Vincenzo!
Ernest ha detto…
come disse moretti "Mi troverò sempre a mio agio con una minoranza di persone"...
saluti compagno
luce ha detto…
Carissimo , non siamo pochi, siamo solo sparsi e poco compatti.
Non ti scoraggiare,bisogna solo aspettare che ci si riconosca e che si riesca ad essere uniti e coraggiosi nel dirlo che siamo non tanto di sinistra nel senso strettamente politico ma proprio di buon senso, dando valore alla cultura, alla solidarietà,alla tolleranza insomma al lato Umano della politica e della Vita .
Un abbraccio affettuosissimo.
riri ha detto…
Caro Marco, anche se non mi considero molto colta, sono comunista/idealista..ahimè, leggo tantissima amarezza e ti comprendo, ma non siamo pochi, altri prima di me hanno esposto meglio il loro pensiero..qui dove vivo ci sono ottimi compagni, c'è da lavorare molto e tener duro..
ti abbraccio

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…