Passa ai contenuti principali

IL LIBERO MERCATO

Ci sono libri, la cui lettura è veramente una fortuna. "Anno 501, la conquista continua" di Noam Chomsky, è sicuramente uno di quelli. Potete scaricarlo da internet cliccando qui.
Pubblico uno stralcio del quarto capitolo.

BUONE NOTIZIE DAL LIBERO MERCATO.

Finita la 'società del benessere', le istituzioni ideologiche si sono dedicate con rinnovato vigore a convincere le vittime designate dei grandi benefici portati dai 'sommi principi' creati per le popolazioni sottomesse. Fantastiche notizie sulle meraviglie delle economie di libero mercato continuano ad essere trasmesse ai popoli del Sud, vittime da anni di quelle stesse dottrine, e anche gli europei dell'Est sono invitati a prendersi la loro fetta di fortuna. Le élite dominanti dei paesi presi di mira, prevedendo di acquisire notevoli vantaggi, sono entusiaste, indipendentemente da quel che potrà accadere alle classi inferiori.
Un aspetto dell'internazionalizzazione dell'economia è l'estensione del modello delle due società, tipico del Terzo Mondo, ai paesi industrializzati. La dottrina del mercato diventa quindi un'arma ideologica essenziale anche nel Nord ed il carattere altamente discriminatorio delle sue applicazioni è oscurato dal sistema dottrinario. La ricchezza e il potere si concentrano sempre di più tra gli investitori ed i professionisti che beneficiano dell'internazionalizzazione del flusso dei capitali e delle comunicazioni. I servizi sociali - educazione, sanità, trasporti, biblioteche, eccetera - diventano superflui quanto coloro ai quali sono destinati, e quindi possono essere ridotti o eliminati completamente. Alcuni, è vero, sono ancora necessari, soprattutto le carceri, un 'servizio' che, occupandosi delle sempre più numerose persone inutili è in continua espansione. Infatti, come sostiene una ricerca portata avanti dall'Alleanza Nazionale per la Malattia Mentale ed il gruppo "Public Citizen" di Ralph Nader, mentre viene ridotta l'assistenza ai malati di mente, le carceri diventano "surrogati degli ospedali psichiatrici". Lo psichiatra che ha diretto la ricerca osserva che siamo tornati a pratiche abolite dall'800, tanto che 100 anni fa "vi erano in carcere meno persone psicopatiche di quante ve ne siano oggi". Quasi il 30% delle prigioni detengono dei malati di mente senza che siano accusati di alcun delitto. La guerra alla droga ha dato un suo contribuito determinante a questa tecnica di controllo sociale. Il drammatico aumento della popolazione carceraria che si è avuto verso la fine degli anni '80 non è dovuto all'aumento dei delitti, ma alla vendita e possesso di cocaina e alle condanne più severe chieste dai settori 'conservatori'. Gli Usa hanno di gran lunga il più alto tasso di carcerazione del mondo, "in gran parte per crimini connessi alla droga" (Mathea Falco). Per fortuna, spiega il "Wall Street Journal", non siamo in Cina, dove la "radicata mentalità da stato di polizia lascia poco spazio a quelle soluzioni creative che invece l'Occidente favorisce quando si affrontano malattie sociali quali la tossicodipendenza".
Le carceri offrono anche uno stimolo keynesiano all'economia, sia per quanto riguarda l'edilizia che per l'occupazione; basti pensare che l'unica categoria di dipendenti in aumento è quella del personale di custodia. Inoltre le prigioni offrono anche un metodo di riconversione produttiva accettabile dal sistema perché non intralcia le prerogative delle imprese. "Fort Devens candidata numero uno a divenire una prigione degli Stati Uniti", gridava entusiasticamente un titolo di prima pagina del "Boston Globe"; la trasformazione della base in carcere federale potrebbe compensare l'effetto negativo sull'economia locale dell'eventuale chiusura di quel complesso militare (13).
Uno degli obiettivi principali contro cui si scagliano i 'nuovi evangelisti' è l'istruzione pubblica, settore non certo indispensabile dal momento che i ricchi possono comprare per i loro figli ciò che vogliono sul 'mercato libero dell'educazione' e che l'idea di preoccuparsi del futuro della società nel suo complesso è finita nella spazzatura della storia, insieme ad altri antichi pregiudizi. Un articolo decisamente ottimista apparso sul quotidiano liberale "Boston Globe" descrive un esperimento fatto nella "città senza speranza" di Baltimora, dove le scuole stanno ormai cadendo a pezzi. Molte di queste saranno affidate ad un azienda privata che vi introdurrà finalmente "uno spirito imprenditoriale": "Efficienza privatistica ed un nuovo modello educativo... comportano la necessità, ad esempio, di assumere custodi non sindacalizzati e di inserire gli studenti con handicap nelle classi normali". Gli insegnanti per handicappati ed i bidelli iscritti al sindacato, con le altre loro indennità, saranno assorbiti dalle scuole che rimarranno pubbliche. Un'altra vittoria dello 'spirito imprenditoriale' è quella di sostituire insegnanti ad alto costo con i più economici interni e volontari (come i genitori). Questi miracoli del capitalismo dovrebbero "impartire utili suggerimenti al governo per migliorare il sistema scolastico" (14).
Elementi centrali della recente offensiva ideologica sono stati l'attacco all''eccessivo ruolo del governo' e le invocazioni d'aiuto per il povero contribuente - il quale in realtà, rispetto agli altri paesi sviluppati, è sottotassato (con aliquote assai meno progressive relativamente al reddito) (15), a tal punto da determinare il costante deterioramento di settori come l'istruzione, la sanità, le autostrade, cioè di tutti quelli che vanno a vantaggio della 'popolazione che non conta'. Contemporaneamente, mentre riecheggia fino ai cieli l'elogio del libero mercato, il governo ha alzato le barriere protezionistiche, incrementato i sussidi ed i salvataggi delle imprese, e tutti gli altri noti elementi dello stato assistenziale per i ricchi. Un risultato possibile grazie all alleanza tra stato, capitale e mezzi d'informazione di massa.

Commenti

Gap ha detto…
leggerlo a quest'ora sicuramente no, lo farò domani. buona notte
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Per "vittime designate", si intendono le popolazioni considerate inutili: il terzo mondo, l' America Latina e l'est europeo. Stati utili come strumenti di prova, per teorie economiche a vantaggio dei Paesi ricchi. Ma gli "inutili" sono sempre più presenti anche nelle società avanzate;basta osservare come la politica sia sempre più lontana dal perseguire il bene comune.
Anonimo ha detto…
me lo scarico e me lo leggerò,grazie della segnalazione..
saluti
Andrea
pierprandi ha detto…
Grazie per la segnalazione, intanto lo scarico, e mi ritaglierò un po' di tempo per leggerlo. A presto
luce ha detto…
Grazie Marco lungimirante, di renderci la lettura di questa schifezza di mondo un pò più chiara, anche attraverso le tue segnalazioni.
Un abbraccio forte e affettuoso da un'inguaribile ottimista rossa.
Anonimo ha detto…
Quante verità nascoste!

Ciao Marco,
aria
Elsa ha detto…
che dire... la direzione è quella, ma un colpo al timoneeeeeeeeeee???
Stai facendo letture interessanti.

Il problema é che come dice bene Elsa nessuno riesce a virare...
Alessandro Tauro ha detto…
Frammento stupendo. Un'analisi di una lucidità e un'accuratezza impressionanti.
D'altronde Chomsky è sempre Chomsky!
Sempre interessantissime le letture sul tuo blog Marco!
Marte ha detto…
Io ho in corso di lettura Israel Lobby, la fatica peggiore è trasportarlo nel tragitto casa-lavoro, ma rientra tra le letture "salvavita". Una di quelle da fare per capire, capirsi, e avere strumenti per staccarlo del tutto il timone.

Un abbraccio, restando umani.
l'incarcerato ha detto…
Finalmente un po' di vera cultura di sinistra. Qui stanno tutti appresso al PD, ai vari Franceschini, ai Di Pietri vari mentre essere di sinistra oggi vuol dire mettere di nuovo in discussione l'attuale sistema capitalistico, in particolar modo il "libero" mercato. E mettere in discussione il sistema carcerario che ultimamente in America, e non solo, sta diventando un sostituto dei vecchi manicomi...

Chomschy lo adoro!!
Punzy ha detto…
passo per un saluto, baci

Post popolari in questo blog

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …