Passa ai contenuti principali

UN' ALTRA GIORNATA NERA PER LA DEMOCRAZIA

Oggi è stata l'ennesima giornata nera per ciò che resta della Democrazia in Italia. L'arroganza, la manifesta volontà di fare ciò che si vuole a discapito dell'importanza dei diversi ruoli istituzionali, mette timore per le sorti di questo paese.



Si parla di vita...ma che rispetto ha tutta questa sequela di dichiarazioni della vita? Alla fine mi fa quasi pena: parla dell'importanza dell'acqua e del cibo per la vita. E allora perchè hanno messo l'acqua nelle mani del mercato privatizzandola, riducendo a merce ciò che è un bene primario?
Italiani...mi rivolgo a voi perchè la colpa è nostra, di chi non si sveglia, di chi si rassegna, di chi per pigrizia o comodità si lascia andare all'impotenza: è già troppo tardi per svegliarsi. Questi sanno di poter dire tutto e il contrario di tutto facendola sempre e comunque franca. Fanno paura, per chi riesce ancora a riflettere fanno veramente timore perchè sono riusciti ad abbattere ogni tipo o quasi di conflitto sociale. Se si seguissero le regole della natura, Eluana sarebbe già morta. Questa è la verità. E poi, almeno per me, diventa sempre più insopportabile che il giudizio di chi non si trova nella situazione, diventi più importante dello stesso padre. Questi non sanno nemmeno cosa sia il rispetto per la vita.

Commenti

progvolution ha detto…
non so più che parole usare per esprimere lo sdegno e l'indignazione.
Taccio
Sussurri obliqui
Angelo azzurro ha detto…
Sottoscrivo dalla prima all'ultima parola che hai scritto!!
E' uno schifo!
Nicolanondoc ha detto…
Merda , caro Marco è tutta merda, solo chi se lo merita andrà in Paradiso, ti abbraccio!!!
Nicola
Anonimo ha detto…
L'hai detto, questi non sanno neanche che cosa sia il rispetto per la vita. Continuano a difendere il "diritto alla vita" di una persona che a tutti gli effetti sembra non essere più viva, e nello stesso tempo approvano una legge per obbligare un medico a denunciare un clandestino che si reca in ospedale per essere curato, costringendo così i clandestini o chi vede qualcuno in pericolo di vita con la pelle nera, di pensarci due volte prima di recarsi in ospedale, lasciandosi magari morire perchè hanno una patologia grave latente. Oppure peggio, li costringono a rivolgersi a macellai che operano abusivamente la professione medica, facendoli anche pagare cifre da strozzini. Quindi mi chiedo, LORO NON HANNO DIRITTO ALLA VITA? LORO SONO VIVI A TUTTI GLI EFFETTI, CARO BERLUSCONI, E TU SEI SOLO UN IPOCRITA.
Bastian Cuntrari ha detto…
Giornata nerissima, S.O.L.: non so se sia delirio d'onnipotenza o altro. Fatto sta che quella persona, che ho trovato ridicola sino a poco fa, ora la vedo come pericolosa.
Ci si è scagliati contro Di Pietro, mettendogli in bocca parole che non ha detto (quelle contro Napolitano), e ancora dopo, titolando "Governo nazista" quando aveva semplicemente detto che "...l'attuale governo, sembra ricalcare più le orme del partito nazionalsocialista tedesco degli anni '30...". Qualche ora fa, all'annuncio del decreto anti-Eluana (come chiamarlo diversamente?), il Prof. Maurizio Mori, Presidente della Consulta di Bioetica ha affermato che "...è una sorta di colpo di Stato... sono esterrefatto: è una situazione da repubblica di Weimar" (ANSA, in fondo, sotto "REAZIONI").
L'amico Gap ci sollecita a scende in piazza domani: credo che lo faro anch'io, seppure lontana anni luce dalle sue e tue posizioni.
Ma quando è in discussione la libertà e la democrazia ci si può trovare tutti sotto un'unica bandiera senza colore... vero?
Kristel ha detto…
Una brutta giornata...ma domani è un altro giorno IN PIAZZA!
Pietro ha detto…
Abbiamo un primo ministro di bassissima statura e non solo di cm...
Pupottina ha detto…
buon weekend
Rouge ha detto…
E' una vergogna che si strumentalizzi una vicenda dolorosa come quella di Eluana per fini esclusivamente politici. Stà dimostrando tutta la sua bassezza.
Se ne accorgerà la gente comune?
pierprandi ha detto…
Qui è a rischio la costituzione...! Non sono mai stato un grande estimatore dell'operato di Napolitano, ma in questo caso la sua condotta è stata corretta e ha fatto quanto possibile(riconosco che i poteri del presidente della repubblica sono limitati..)per fermare questa porcata, anche se forse non sarà sufficente...Quanto al berlusca, è ormai fuori controllo, il suo delirio di onnipotenza sta raggiungento limiti inauditi, sta cominciando a fare vere e proprioe prove di regime...Mi piacerebbe conoscere al riguardo il parere delle menti illuminate che lo hanno votato... Un saluto
il monticiano ha detto…
pierprandi scusami sei l'ultimo a commentare e allora approfitto dello spazio di SCHIAVI O LIBERI al quale va tutta la mia ammirazione per aver scritto poche parole ma di una efficacia potentissima e quindi chiedo scusa anche a te SCHIAVI O LIBERI.
pierprandi tu dici che ti piacerebbe conoscere il parere delle "menti illuminate" che lo hanno votato (il folle intendo). Lo so che lo dici in tono derisorio, ironico e anche sprezzante e fai bene, ma sai
anche che quelli non potranno e non sapranno dirti qual'è il loro parere perchè le loro menti sono obnunilàte dai continui proclami folli di un folle. Sono stati lobotomizzàti e stanno lì calmi e tranquilli perchè c'è chi pensa ed agisce per loro, come più gli aggrada. Ròbot e neppure di ultima generazione.
catone ha detto…
Ormai non esiste più l’opposizione, nemmeno per affermare un diritto elementare inalienabile come questo. Solo poche voci isolate si levano, per poi smorzarsi quasi subito nell’acquiescenza generale. Tutti ingannati perchè tutti messi a tacere dallo spray soporifero che pervade la società. Continua inarrestabile la marcia su Roma di questo gerarca del nostro tempo.
l'incarcerato ha detto…
...da altre parti vedo inutili risse per chi difende Napolitano, o da chi lo accusa. Io sto semplicemente dalla parte del padre di Eluana. E di Eluana stessa.

Non è la prima volta che con un decreto scavalcano il Presidente. Quante volte Ciampi era stato messo da parte dallo stesso Berlusconi, quanti golpe ha fatto? Tanti, questo è il più vile.

E tutto per prendere consensi da un potere forte: il Vaticano! Che vergogna!
Lo stato di diritto orami agonizzante sarà definitivamente asssassinato se fermeranno la famiglia Englaro; in quel caso però le conseguenze potrebbero essere pericolose perché in assenza di uno stato di diritto tutto può essere considerato lecito e possibile, tutto e da parte di tutti....
tommi ha detto…
Un post che sposa in pieno ogni mia idea di vita e di politica. Complimenti Schiavi...
gran bel post, peccato che chi lo leggerà avrà le tue stesse/nostre idee.
Avanti così, teniamoci pronti per la piazza.
tommi
Alessandro Arcuri ha detto…
Vedete perché Berlusconi è in ascesa? perché ha amorevolmente curato (nutrendoli a figa e paura del prossimo) una massa di scimmie parlanti come questo qua sopra.
Pensate a quanti sono quelli che l'hanno votato e vi accorgerete che ce l'abbiamo più in culo che in mano.
Ma ormai dovrebbe essere chiaro che in Italia la lungimiranza non è di casa. Come con Mussolini nessuno si accorse (o volle accorgersi) di quello che stava accadendo, adesso sta succedendo lo stesso. Poi con Mussolini s'è visto come è andata a finire e solo dopo, dopo essersi sgrugnati sul muro della cruda realtà, gli italiani hanno capito la cazzata.
Dopo, però.
Forse anche in questo caso bisognerà sbatterci il muso, chissà.
Preferirei evitarlo, ma troppa gente segue quelo porco come fosse un dio (esattamente come con... indovinate un po' chi...?)
Le Favà ha detto…
Ci prendono per il culo. Questo è il punto.
Elsa ha detto…
nessun rispetto a prescindere da parte di questa gente.
che tristezza e che incazzo.
Elsa
amatamari ha detto…
Dobbiamo manifestare in tutti i modi possibili, farci sentire, non lasciarci prendere da un senso di stanchezza o inutilità.
Dobbiamo farlo adesso, subito, e nei giorni a venire.
NADIA ha detto…
Hola bentornato marco!!!
Quella che vive Eluana non è vita, vorrei che queste persone visitassero i centri in cui vivo le persone come lei, non vivono vegetano, è un corpo steso su un lettino e sollevato da un paranco quando vengono messi in carrozzina ,dove vengono legati per essere sostenuti, la pena è immensa credimi lo sò bene.
No! non è vita è solo strazio!!!
besito!!!
Franca ha detto…
Nella battaglia che si combatte sul corpo della povera Eluana non c’è niente di etico, religioso o morale.
E’ semplicemente una prova di regime.
Resistere, resistere, resistere…
Gatta bastarda ha detto…
ma perchè da quando dice qualcosa che abbia un senso o un riscontro reale se non nelle sue tasche? mi fa schifo che possa giocare così sullla vita di una persona... se questo era il suo volere che sia fatto...
dicono che il padre non ha diritto di scegliere ma loro che diritto avrebbero che manco la conoscono?
Gatta bastarda ha detto…
ha ragione franca... è una prova di regime sulle spalle di una famiglia che soffre... (non è la più classica delle dittature?!)
Anonimo ha detto…
ciao Marco..bellissimo ed efficace post...nemmeno io però so più che parole usare per esprimere la mia indignazione...una cosa però mi è ormai certa alla stragrande maggioranza delle persone piace farsi prendere in giro..

Post popolari in questo blog

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …