Passa ai contenuti principali

SAPER OBBEDIRE NON E' UNA VIRTU'

Le leggi sono storiche, migliorano con il progresso della civilta': bisogna saper giudicare la moralità di una legge, di un ordine ricevuto ribellandosi al male e all'ingiustizia.


Don Milani


Ieri ero in piazza ad un sit-in favore di Napolitano ed Eluana; senza ombra di dubbio siamo difronte ad una involuzione della società.

Solo dalla piazza, come dice qualcuno sporcandosi le mani in mezzo alla gente si capisce perchè Berlusconi vince. Per questo il nostro compito di "virus"... diventa ogni giorno più fondamentale.

Commenti

catone ha detto…
Sappiamo dove vogliono arrivare, ma la nostra resistenza non cesserà mai. La loro arroganza non può riportarci indietro a 80 anni fa. Ma dobbiamo combattere questo virus, che sta infettando tutta la società, partendo dal basso, da ognuno di noi , cercando di aprire gli occhi e le orecchie a più gente possibile, confrontandoci e discutendo con tutti. Occorre ricreare quella coscienza critica che anche la sinistra istituzionale ha perso per bramosia del potere personale e distacco dalla base reale.
Kristel ha detto…
Caro Marco,
anch'io ero ieri in piazza, ma ho visto una piazza della sinistra "salottiera", moscia e senz'anima.
Non sarà quella piazza a cambire le cose.
Bisogna incazzarsi , ma sul serio!Perchè loro fanno sul serio...
Oggi sono delusa anche perchè adesso è chiaro che non possiamo contare neanche su quella unica opposizione che faceva Di Pietro. Discutibile, ma cmq una opposizione...
Dobbiamo rendercene conto - ci dobbiamo salvare con da soli.
Un abbraccio
XPX ha detto…
Purtroppo proprio di involuzione sembra trattarsi ...
l'incarcerato ha detto…
Concordo con il commento di Kristel, purtroppo ha ragione...
riri ha detto…
Concordo con Kristel, che saluto.
A te un abbraccio, sai come la penso.
Franca ha detto…
Eh sì, bisogna sporcarsi le mani in prima persona.
Fare e non parlare...
Rouge ha detto…
Kristel ha espresso pure la mia opinione. Ieri in piazza a Torino chi c'era ha la coscienza a posto, ma un corteo moscio come una marcia funebre non potrà cambiare nulla se chi era ai bordi a guardare manco capiva il perchè di quella marcia. E alle 12.30 tutti a casa a far pranzo: la rivoluzione può attendere.
Alligatore ha detto…
Mobilitarsi è giusto, deprimersi non serve a nulla, fare i puri è bello ma poco utile. Non può averla sempre vinta, cazzo!
pierprandi ha detto…
Concordo con L'Alligatore, non è il momento di deprimersi, anche se è vero che i primi segnali della piazza non sono stati "confortanti", bisogna resistere. Una resa ora vuole dire solo una cosa...Regime E almeno che qualcuno di voi voglia rendere felici i piduisti, bisogna continuare a lottare ed a urlare il nostro dissenso. Un saluto
La Mente Persa ha detto…
Salviamola è la nostra dignità!
Kristel ha detto…
La prossima occasione di farci sentire è a piazza Navona il 14.febbraio alle 15.
Ci dobbiamo essere TUTTI!
Ulteriori informazioni su Micromega.
Elsa ha detto…
tutto ciò che accade offende l'intelligenza e la lungimiranza degli italiani. Qualcuno si desterà dal torpore, la metà dgli italiani che ancora dormono.
Elsa
il monticiano ha detto…
Allora? Amici blogger ma che facciamo? Chi può parlare così come fate voi lo posso fare io che ho circa 79 anni e una salute da schifo. Fatemi sopravvivere degnamente questi ultimi tempi, con questa nostra Costituzione che è stata scritta da persone straordinarie non da farabutti.
Gatta bastarda ha detto…
questa cosa mi fa uno schifo assurdo...addirittura cambiare la costituzione per fare un favore al vaticano... mi viene proprio voglia di scappare da qua...
Gatta bastarda ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Le Favà ha detto…
Siamo in preda alle manie di gigantismo di un nano. Il che fa ridere, per non piangere. Per non piangere davvero.
l'incarcerato ha detto…
No Kristel, attenzione, ultimamente piazza Navona, Piazza Farnese, sono luoghi terribili. Il giorno dopo c'è la puntuale disinformazione..e vedo che ha funzionato molto bene.

;)

ps Caro Marco, vedo che in alcuni blog c'è una forte rissa, approfitto per parlare qui perchè vedo che da altre parti si dà dell'ignorante, di uno che dovrebbe studiare la Costituzione. Sto mantenendo una calma incredibile, stiamo facendo la fine della guerra civile spagnola.

Ed io mi sento l'anarchico della situazione.(io lo sarei stato sicuramente)

Chi sa un po' di storia, sa cosa intendo.
Andrew ha detto…
buon inizio di settimana
desaparecida ha detto…
un abbraccio virus.... ()
Pupottina ha detto…
^_______________^


buon inizio settimana
sara! ha detto…
bisogna saper obbedire, per quanto il governo faccia cose stupide. come puoi pretendere rispetto se sei il primo a non darlo?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Sara: bisogna obbedire a ciò che è giusto. Se ti dicono i uccidere lo fai?
Crocco1830 ha detto…
Se tanti teocrati ascoltassero le parole di umanità di don Milani e da esse traessero insegnamento...
luce ha detto…
Carissimo Marco anticorpo per i virus attuali, certo che non bisogna meravigliarsi se "quelli" stanno dove stanno, perchè molti italiani addormentati nel bosco lo appoggiamo ancora...purtroppo anni e anni di consumismo sterile e ignoranza dilagante danno questi risultati.
Io parlo
E parlo tanto
E mi incazzo tanto
E mi incazzo tanto e vado avanti.
La vedo nera ma so che i tunnel finiscono tutti, sempre, prima o poi.
E faccio appello alla mia anima romantica ( sia sentimentale che quella d degli ideali veri delle benedette guerre di Indipendenza dell' Europa dei valori dal 1848 in poi) e ci credo e difendo questa nostra Costituzione sempre e comunque...
Un abbraccio forte forte forte.
frufrupina ha detto…
Ti AUGURO UNA SERENA SERATA...BACIONI.
Intanto con Eluana che ora riposa in pace Sacconi vuole far votare al Senato domattina l'obbligo di istituire l'idroalimentazione obbligatoria perché a suo dire non é terapia quando invece é terapia.
Darkrose ha detto…
non con una legge si risolve un caso del genere.....ma solo con umiltà e senso interiore di pensare a quello ke sta succedendo ad una persona.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…