Passa ai contenuti principali

PALESTINA

Un cuore,
due mani,
un cuore pulsante e una mente ancora funzionante.

Due occhi abbastanza profondi per mettere a fuoco l'ingiustizia a portata di mira dei cecchini.
Due mani ancora funzionali per accarezzare cuccioli d'uomo figli spersi di un allah minore,
e un cuore aritmico che pompa sangue per una mente poco incline all'indifferenza dinnanzi alla tragedia.

Sono vivo, ma questo potrebbe essere tranquillamente il video della mia uccisione:



Quando un proitettile (anche di rimbalzo) vi sfiora una tempia,
vi assicuro è come riceve una sberla a mano aperta da un peso massimo,
qualcosa in grado di mettervi al tappeto.

Così due giorni fa, a Khozaa, accompagnando agricoltori palestinesi (noi e loro visibilmente tutti civili disarmati) a lavorare nelle loro legittime terre,
ad una distanza di circa 600 metri dal confine snipers israeliani hanno cercato di ammazzarmi.
I proiettili hanno colpito a meno di mezzo metro da dove mi trovavo.

Qualche giorno prima, nonostante la presenza di internazionali,
gli stessi snipers avevano ferito Mohammad al-Buraim, un contadino sordomuto:



Vi prego di prendere visione di questi video e di diffonderli sulla rete.

Parlano chiaro di cosa sia l'assedio israeliano agli occhi di chi non a orecchie per sentire le grida di dolore di questi innocenti quotidianamente macellati
"dall'unica democrazia del medioriente".
A chi non a naso per non sentire il tanfo di fascismo dietro le maschere di vittime di chi a Tel Aviv muove questi killer vestiti da soldati verso il massacro di gente indifesa,
via terra:
http://www.youtube.com/watch?v=9nkcYaqhpng

come via mare:

http://www.youtube.com/watch?v=tu8lGTPaMzk

http://www.youtube.com/watch?v=87NrkNV_owM

http://www.youtube.com/watch?v=yTUYivihoTE

Torneremo presto di nuovo ad accompagnare i contadini palestinesi sui loro campi,
coscienti che morire se per alcuni è questione di sopravvivenza,
per altri un tiro a segno come per puro svago.

restiamo umani.
Vik

ps.
ringrazio tutti coloro,
i molti che hanno versato anche un poco per contrubuire al nostro attivismo in difesa dei diritti umani violati sopra queste lande mortificate.
Le testimonianze di sostegno e vicinanza sono il nostro stimolo ad andare avanti, nonostante i timori e le minacce di chi ci vorrebbe eliminare.

Commenti

alexilgrande ha detto…
Questi video sono impressionanti. Sul mio blog ne parlerò.


ps: E' la prima volta che scrivo nel tuo blog. Ho già aggiunto il tuo spazio nel mio blogroll.
Alessandro Tauro ha detto…
E' terribilmente impressionante questo post, Marco.
Le parole e i video creano una miscela esplosiva, che d'altra parte non stupiscono me, ma che potrebbero sconvolgere i pensieri di tante e tante persone...

Credo che dedicherò un nuovo post nel mio blog sulla questione Israele/Palestina quanto prima. Mi hai dato un ottimo spunto.
Certamente non mancherò di citare te e il blog di Guerrillaradio.
Le Favà ha detto…
Mi ha tarpato le ali Marco, nel senso buono comunque del termine.

Pure io, farò qualcosa di simile domani o settimana prossima. Quindi raccolgo l'invito che hai fatto.

grazie.
catone ha detto…
Sono con te nel continuare a parlare della situazione a Gaza. E' una situazione intollerabile, ma possiamo solo parlarne e divulgare le notizie. Un saluto
pierprandi ha detto…
Bisogna assolutamente continuare a parlarne, continuare ad informare, non può essere una finta tregua a far distogliere l'attenzione... A presto
Il Gregge Selvaggio ha detto…
Ha ragione Pierprandi: bisogna continuare a parlarne!
gio
La Mente Persa ha detto…
Sono senza parole, appena riesco ne parlerò pure io.
sirio ha detto…
Grazie per questo post caro Marco.
Vik è una persona coraggiosa e stupenda,essere solidali è proprio il minimo.
Mi dispiace che nel suo blog,in questo post in particolare ci siano "disquisizioni" varie su Hamas,i palestinesi e Israele che non danno assolutamente risalto alle drammatiche testimonianze riportate.

Ciao,un caro saluto.
l'incarcerato ha detto…
Caro Marco, pensa che anche io ho dedicato un post sulla Palestina pubblicando una lettera che mi ha inviato una mia amica che si trova lì...
riri ha detto…
Ciao Marco, sono senza parole.
Franca ha detto…
Facciamo quello che possiamo.
Io ho lanciato il messaggio per boicottare i prodotti israeliani...
frufrupina ha detto…
Impressionante vidio...sono senza parole...serena serata.
emanuela ha detto…
La tua testimonianza e i video sono tremendi, si vorrebbe quasi chiudere gli occhi, ma so che non si deve!
E' in un'area di guerra; purtroppo la vita la si rischia ogni istante. E' proprio la guerra che é un concetto sbagliato. Chiunque la faccia, chiunque la continui e chiunque non provi a dialogare con la parte avversa per farla cessare.

Ciao Marco!
Daniele
La Mente Persa ha detto…
Oggi ho riguardato ancora il tuo post, fa veramente male conoscere certe sofferenza.
gio
PS: puoi passare dalle mie parti per far girare una petizione per la salvaguardia degli animali?
desaparecida ha detto…
ho visto i video.







ti abbraccio forte ()
riri ha detto…
Ti abbraccio.
Gatta bastarda ha detto…
terribile...
ma da soldati non mi aspetto molto di diverso... mi spiace ma io non credo che siano uomini di pace come ci vogliono far credere. i soldatio sono solo assassini e basta!
Anonimo ha detto…
good start

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…