Passa ai contenuti principali

Varese, la base della 'guerra informatica'

Ritornano a Kabul i militari della base NATO di Solbiate Olona (Varese). Partiti il 20 gennaio 2009, dall’aeroporto di Malpensa (su aerei dell’USAF), i 100 ufficiali di stanza al Comando di Reazione Rapida di Solbiate (uno dei cinque comandi di reazione rapida della NATO nel mondo), integrano il comando NATO delle operazioni militari in Afghanistan, basato a Kabul. Andranno a sostituire lo staff turco e resteranno al comando per i prossimi sei mesi. Il compito di comando dei militari della base “Ugo Mara” si era già avuto da agosto 2005 ad aprile 2006, con la responsabilità della spedizione militare “ISAF” (International Security Assistance Force) e l’assistenza a “Enduring Freedom” (“missione” composta di una coalizione a guida statunitense) sotto la guida del Generale Mauro Del Vecchio (ora parlamentare del Partito Democratico).
La “Ugo Mara”, cui comando c’è il Generale Gian Marco Chiarini, è situata tra le città di Varese e Milano, a pochi chilometri dall’aeroporto di Malpensa (che è impiegato anche come aeroporto militare; ne sono un ultimo esempio le partenze dei militari, sopra descritte) e in un raggio di 15 km dagli insediamenti a prevalente produzione bellica quali AgustaWestland ed Aermacchi. E’ attiva come base NATO a partire dal novembre 2001. Vi risiedono circa duemila soldati appartenenti a 15 paesi: italiani, inglesi, statunitensi, tedeschi, ungheresi e greci i più presenti.
Questo comando di reazione rapida è in grado di gestire quattro divisioni degli eserciti più alcune unità d’organizzazione e comando in aeree di conflitto, per un totale di 60000 militari coinvolti. La visione della base e le molteplici attività insite la connotano come un centro di comando predisposto ad attuare una sorta di ‘guerra informatica’. Infatti non vi è la presenza, nell’area della base, di carriarmati, cannoni o altri grossi armamenti terrestri o aerei; ma ci si trova ad osservare, oltre al campo per le esercitazioni, numerosi impianti con paraboliche e radar, semoventi o su strutture fisse.
Inoltre è anche in corso un’ampia ristrutturazione che la porterà ad essere la prima base NATO in Italia con infrastrutture ed organizzazione della residenza pari alle grandi basi americane negli Stati Uniti ed in Europa. Infatti, è già in atto la costruzione di quello che è stato chiamato “Villaggio Monte Rosa”, un vero e proprio paese abitato dai militari e dalle loro famiglie, che prevede: la complessiva costruzione di 227 palazzine, 448 uffici, 3 aree briefing, sale per congressi, impianti sportivi al coperto ed esterni, centri ricreativi, un centro medico, scuole, sportelli bancari, alcuni negozi. Il villaggio sorge su un’area di 35 ettari.
A partire dall’inizio del 2004 la base NATO sta coinvolgendo con sempre più intensità il territorio della provincia di Varese. Infatti, non solo si espongono attivamente le amministrazioni comunali limitrofe (siano esse di centro-destra o di centro-sinistra: Solbiate, Fagnano, Olgiate, Gorla Minore, Gorla Maggiore, Cairate, Castellanza, Busto Arsizio), in sostegno culturale alle attività della base ma, in questa direzione, troviamo anche associazioni a carattere ludico, gruppi d’ex-combattenti di vari corpi d’armata e soprattutto scuole, oratori e scouts dei vicini Comuni. Le visite delle scuole pubbliche e private, soprattutto elementari e medie inferiori, all’interno della caserma sono molto frequenti. D’altro canto, dove non è la caserma ad accogliere sono i militari della NATO ad uscire e tenere spazi d’informazione sull’attività della base e a raccontare le “missioni estere” in Afghanistan, Iraq, Kosovo, Bosnia, ecc. (con mostre fotografiche e proiezioni multimediali), nonché ad organizzare momenti di festa e ricreativi.
Infine, va segnalato che a questo ‘clima’ di glorificazione della “Ugo Mara” molto contribuiscono anche tutti i massmedia della provincia di Varese (TV, quotidiani cartacei e web), ‘appiattiti’ sulle istanze dei militari della NATO, invitati con costanza all’interno della base.

Grazie a Stefano Ferrario per avermi fatto recepire la mail.

www.peacereporter.net

Commenti

Pietro ha detto…
sono tutti contenti perchè girano soldi, così va il mondo...
Pupottina ha detto…
buon martedì
articolo21 ha detto…
Tutti noi ringraziamo Stefano per una notizia che non avremmo mai saputo.
Le Favà ha detto…
Come Pietro, la guerra porta soldi. Non importa il motivo importa la pecunia.

E' ua triste realtà
Franca ha detto…
La presenza delle basi NATO sul territorio nazionale ci connota come uno Stato ancora a sovranità limitata...
Andrea ha detto…
interessante notizia ...
amatamari ha detto…
Non è solo triste quanto accade ma anche il fatto che nessun articolo delle maggiori testate giornalistiche lo riporti...
Grazie, segnalazione preziosa
Pino Amoruso ha detto…
Notizia interessante... ringraziamento a Stefano per la notizia, ovviamente non pubblicizzata ;)
sirio ha detto…
Grazie a te e a Stefano,ci sono ancora giornalisti che sanno fare il loro mestiere senza essere asserviti...
frufrupina ha detto…
Ciao dolcissimo serena serata...qui nevica...fà tanto freddo...bacioni.
La Mente Persa ha detto…
Ha ragione Pietro, però che tristezza!!!
gio
Pandora ha detto…
complimenti per il blog, mi piace quello che scrivi, mi piacerebbe avere un tuo commento al mio, racconta una storia un po particolare che sto sviluppando un po alla volta anche con l'aiuto dei lettori

un saluto P.
Insomma caro Marco qui è della serie:"C'ho che non ci riesce di fare(o svangare o ampliare)nel Nord-Est,ci viene offerto in un piatto d'argento nel Nord-Ovest(aereoporto civile vicino al militare...una vero bocconcino di succulenza monetaria)
Sai Marco,fai bene,molto bene a dedicare il tuo miglior tempo alla sana lettura,in fondo siamo qui a dare perle ai porci?Nemmeno per sogno,io scrivo ormai solo quel che penso e le mie sensazioni sul presente e sul prossimo futuro,dopodichè se c'è un'iterscambio culturale bene,per il resto anche questa è vita!

Out Topic:
Hai ragione mio caro,ma evidentemente farsi comprare per 33 denari è diventato quasi uno spot,nessuno ormai si vergogna piu' di nulla,anzi è esattamente il contrario!cxhe tristezza!!
Gabrybabelle a Marco un :-)sorriso
Anonimo ha detto…
[url=http://www.altmededu.com/]alternative medicine Kolkata[/url]
[url=http://altmedschool.com/]online alternative medicine courses[/url]
[url=http://altmedschool.com/]college for alternative medicine[/url]
[url=http://www.altmededu.com/]school of alternative medicine[/url]
Anonimo ha detto…
[url=http://www.altmededu.com/]alternative medicine degrees online[/url]
[url=http://www.altmededu.com/]online degree in alternative medicine[/url]
[url=http://altmedschool.com/]alternative medicine institute[/url]
[url=http://www.altmededu.com/]complementary and alternative medicine degree[/url]

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…