Passa ai contenuti principali

IL RE E' NUDO

Il re è nudo, e ancora lo vediamo vestito.



Perchè condividiamo una società dove qualcuno è più importante di altri, con consequenziali ( purtroppo) infiniti privilegi?
Quali sono i valori di riferimento per i quali si deve etichettare una persona più importante di altre?
Perchè il fine giustifica i mezzi?
Perchè accettiamo, che l' avere i soldi sia l'unica condizione necessaria per aprire ogni opportunità e contare qualcosa?
Cosa significa essere importanti?
Cosa sono i soldi, a cosa servono o dovrebbero servire?
Cosa serve passare una vita a rincorrere fogli di carta? non sono forse una convenzione come tutte le altre? Chi di noi si sognerebbe mai di accumulare "metri" o " litri"?
Perchè continuaimo a permettere che vengano barattati diritti in cambio di denaro?
Perchè l'acqua deve essere privata?
Perchè la terra deve essere privata?
C'è stato forse qualcuno, che ha creato o possedeva questi beni agli albori del nostro Pianeta?
Perchè esistono i brevetti? ciò che si inventa, se utile all'umanità, non potrebbe essere considerato semplicemente "bene di importanza primaria di cui tutta l'umanità è unica proprietaria?"
Ma privato, non è il participio passato di privare?Ma privare, non significa togliere a qualcuno una determinata cosa?
Ci può essere Democrazia politica, con la totale sottomissione e subordinazione nei luoghi di lavoro?
La democrazia nei luoghi di lavoro, non è forse una delle condizioni necessarie per una sana democrazia politica?
Potrei andare avanti ore con queste domande, ma credo che il dramma del nostro tempo sia considerare come normalità, ciò che non dovremmo o avremmo mai dovuto accettare.

Commenti

Punzy ha detto…
tutto questo perchè, per anni, i lavoratori e i cittadini hanno svenduto diritti in cambio di briciole di pane..
Ernest ha detto…
per troppo il tempo il popolo ha dormito a volte voltandosi dalla parte opposta!
Anonimo ha detto…
non ho tanta voglia di rispondere a queste domande io cito i dati e i dati dicono

da quando Berlusconi è presidente del consiglio abbiamo avuto

- riduzione del debito pubblico
- diminuzione della criminalità
- sconfitta della mafia
- leggi per i cittadini e non contro i cittadini
- meno tasse
- più giustizia per tutti e contratti di lavoro di favore

tutte cose che la sinistra non ha fatto.

la sinistra è buona solo a farsi leggi ad personam

per il resto posso dirti che dei valori comunisti di eguaglianza non mi interesso affatto.

la società è divisa su base piramidale. i soldi fanno la differenza e in base a quelli si giudicano le persone. è evidente che chi non ha soldi non deve e non può avere diritti. al massimo può offrirsi come forza lavoro gratuita.

vi sono poi i sub-umani di cui preferisco non parlare.

saluti

e vota pdl
luce ha detto…
Carissimo, le tue domande sono le domande che ognuno di noi si fa ma ovviamente le risposte sono tutte relative al punto di vista di partenza.
Io ti rispondo soltanto dicendo che la gente ha perso fiducia nelle cose politiche pensando a sè e quindi ha permesso alla oligrchia ademocratica di pensare ai fatti suoi.
Ma non tutto è perduto, i corsi e ricorsi storici parleranno per noi e le meschine beghe di cui siamo testimoni pagheranno.
Mi permetto di interloquire con l'Anonimo ( ecco vedi la differenza tra chi è del pdl e gli altri?):
c il debito pubblico non è mai stato così alto da quando la Destra centralizzata dal nostro capo del governo comanda, che le tasse non pagate ( e le tasse SONO UN DOVERE DA PAGARE) sono diventate l'origine delle leggi sugli scudi fiscali, che mai la mafia è stata così potente dai tempi di Falcone e Borsellino, che i soldi per il sociale sono stati trasformati in elemosina che mortifica e non evolve perchè non dà sbocchi.
L'unica cosa seria è stata il blocco dei mutui ma per contro i mutui per salvare aziende e persone le banche non ne accendono e concedono più ( poverine" han bisogno di soldi anche loro...).

Ben venga la differenza piramidale meritocratica naturale e fisiologica ( anche la costituzione la protegge se uno legge bene il testo) per carità, ma il resto deve essere pulito, serio, uguale per tutti , giusto, eticamente ineccepibile e moralmente equo insomma DEMOCRATICO.
Leggi ad personam? Ahhhh si, adesso sappiamo che cosa sono, prima erano solo leggi
Di sub umani abbiamo parecchi esempi e alcuni senza nome, ma non vorrei dilungarmi sull'argomento.
L'errore della sinistra? Scordarsi che è sinistra, ma quello credo che si sia capito e che tanti potranno salvare quello che di buono c'è ( e cribbio se c'è! ).
Un caro e affettuoso saluto a te Marco mille domande con tanto di risposte.

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…