Passa ai contenuti principali

IL RE E' NUDO

Il re è nudo, e ancora lo vediamo vestito.



Perchè condividiamo una società dove qualcuno è più importante di altri, con consequenziali ( purtroppo) infiniti privilegi?
Quali sono i valori di riferimento per i quali si deve etichettare una persona più importante di altre?
Perchè il fine giustifica i mezzi?
Perchè accettiamo, che l' avere i soldi sia l'unica condizione necessaria per aprire ogni opportunità e contare qualcosa?
Cosa significa essere importanti?
Cosa sono i soldi, a cosa servono o dovrebbero servire?
Cosa serve passare una vita a rincorrere fogli di carta? non sono forse una convenzione come tutte le altre? Chi di noi si sognerebbe mai di accumulare "metri" o " litri"?
Perchè continuaimo a permettere che vengano barattati diritti in cambio di denaro?
Perchè l'acqua deve essere privata?
Perchè la terra deve essere privata?
C'è stato forse qualcuno, che ha creato o possedeva questi beni agli albori del nostro Pianeta?
Perchè esistono i brevetti? ciò che si inventa, se utile all'umanità, non potrebbe essere considerato semplicemente "bene di importanza primaria di cui tutta l'umanità è unica proprietaria?"
Ma privato, non è il participio passato di privare?Ma privare, non significa togliere a qualcuno una determinata cosa?
Ci può essere Democrazia politica, con la totale sottomissione e subordinazione nei luoghi di lavoro?
La democrazia nei luoghi di lavoro, non è forse una delle condizioni necessarie per una sana democrazia politica?
Potrei andare avanti ore con queste domande, ma credo che il dramma del nostro tempo sia considerare come normalità, ciò che non dovremmo o avremmo mai dovuto accettare.

Commenti

Punzy ha detto…
tutto questo perchè, per anni, i lavoratori e i cittadini hanno svenduto diritti in cambio di briciole di pane..
Ernest ha detto…
per troppo il tempo il popolo ha dormito a volte voltandosi dalla parte opposta!
Anonimo ha detto…
non ho tanta voglia di rispondere a queste domande io cito i dati e i dati dicono

da quando Berlusconi è presidente del consiglio abbiamo avuto

- riduzione del debito pubblico
- diminuzione della criminalità
- sconfitta della mafia
- leggi per i cittadini e non contro i cittadini
- meno tasse
- più giustizia per tutti e contratti di lavoro di favore

tutte cose che la sinistra non ha fatto.

la sinistra è buona solo a farsi leggi ad personam

per il resto posso dirti che dei valori comunisti di eguaglianza non mi interesso affatto.

la società è divisa su base piramidale. i soldi fanno la differenza e in base a quelli si giudicano le persone. è evidente che chi non ha soldi non deve e non può avere diritti. al massimo può offrirsi come forza lavoro gratuita.

vi sono poi i sub-umani di cui preferisco non parlare.

saluti

e vota pdl
luce ha detto…
Carissimo, le tue domande sono le domande che ognuno di noi si fa ma ovviamente le risposte sono tutte relative al punto di vista di partenza.
Io ti rispondo soltanto dicendo che la gente ha perso fiducia nelle cose politiche pensando a sè e quindi ha permesso alla oligrchia ademocratica di pensare ai fatti suoi.
Ma non tutto è perduto, i corsi e ricorsi storici parleranno per noi e le meschine beghe di cui siamo testimoni pagheranno.
Mi permetto di interloquire con l'Anonimo ( ecco vedi la differenza tra chi è del pdl e gli altri?):
c il debito pubblico non è mai stato così alto da quando la Destra centralizzata dal nostro capo del governo comanda, che le tasse non pagate ( e le tasse SONO UN DOVERE DA PAGARE) sono diventate l'origine delle leggi sugli scudi fiscali, che mai la mafia è stata così potente dai tempi di Falcone e Borsellino, che i soldi per il sociale sono stati trasformati in elemosina che mortifica e non evolve perchè non dà sbocchi.
L'unica cosa seria è stata il blocco dei mutui ma per contro i mutui per salvare aziende e persone le banche non ne accendono e concedono più ( poverine" han bisogno di soldi anche loro...).

Ben venga la differenza piramidale meritocratica naturale e fisiologica ( anche la costituzione la protegge se uno legge bene il testo) per carità, ma il resto deve essere pulito, serio, uguale per tutti , giusto, eticamente ineccepibile e moralmente equo insomma DEMOCRATICO.
Leggi ad personam? Ahhhh si, adesso sappiamo che cosa sono, prima erano solo leggi
Di sub umani abbiamo parecchi esempi e alcuni senza nome, ma non vorrei dilungarmi sull'argomento.
L'errore della sinistra? Scordarsi che è sinistra, ma quello credo che si sia capito e che tanti potranno salvare quello che di buono c'è ( e cribbio se c'è! ).
Un caro e affettuoso saluto a te Marco mille domande con tanto di risposte.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…