Passa ai contenuti principali

AGGIORNAMENTI DA VITTORIO

ore 18.o5, Marna house, Gaza city.


Nell'aria acre odore di zolfo, nel cielo lampi intermezzano fragorosi boati.
Ormai le mie orecchie sono sorde dalle esplosioni e i miei occhi aridi di lacrime dinnanzi ai cadaveri.

Mi trovo dinnanzi all'ospedale di Al Shifa,
il principale di Gaza, ed è appena giunta la terribile minaccia che Israele avrebbe deciso di bombardare la nuova ala in costruzione.
Non sarebbe una novità, ieri è stato bombardato l'ospedale Wea'm.
Insieme ad un deposito di medicinali a Rafah,
l'università islamica (distrutta),
e diverse moschee sparse per tutta la striscia.
Oltre a decine di installazioni CIVILI.

Pare che non trovando più obbiettivi "sensibili",
l'aviazione e la marina militare si diletti nel bersagliare luoghi sacri, scuole e ospedali.

E' un 11 settembre ad ogni ora, ogni minuto, da queste parti,
e il domani è sempre una nuovo giorno di lutto, sempre uguale.
Si avvertono gli elicotteri e gli aerei costantemente in volo,
quando vedi il lampo, sei già spacciato,
è troppo tardi per mettersi in salvo.

Non ci sono bunker antibombe in tutta la Striscia,
nessun posto è al sicuro.

Non riesco a contattare più amici a Rafah,
neanche quelli che abitano a Nord di Gaza city,
spero perchè le linee sono intasate.
Ci spero.
Sono 60 ore che non chiudo occhio,
come me, tutti i gazawi.

Ieri io e altri 3 compagni dell'ISM abbiamo trascorso tutta la nottata all'ospedale di al Awda del campo profughi di Jabalia. Ci siamo andati perchè temevamo la tanto paventata incursione di terra che poi non si è verificata.
Ma i carri armati israeliani stazionano pronti lungo il confine tutto il confine della Striscia,
il loro cingoli affamati di corpi pare si metteranno in funerea marcia questa di notte.

Verso le 23:30 una bomba è precipitata a circa 800 metri dall'ospedale,
l'onda d'urto a mandato in frammenti diversi vetri delle finestre, ferendo i feriti.
Un' ambulanza si è recata sul posto, hanno tirato giù una moschea, fortunatamente vuota a quell'ora.
Sfortunatamente, anche se non di sfortuna ma di volontà criminale e terroristica di compiere stragi di civili,
la bomba israeliana ha distrutto anche l'edificio adiacente alla moschea, distruggendolo.

Abbiamo visto tirare fuori dalle macerie i corpicini di sei sorelline.
5 sono morte, una è gravissima.

Hanno adagiato le bambine sull'asfalto cabonizzato,
e sembravano bamboline rotte, buttate via perchè inservibili.
Non è un errore, è volontario cinico orrore.

Siamo a quota 320 morti,
più di un migliaio i feriti,
secondo un dottore di Shifa il 60% è destinato a morire nelle prossime ore,
nei prossimi giorni di una lunga agonia.

Decine sono i dispersi,
negli ospedali donne disperate cercano i mariti, i figli,
da due giorni, spesso invano.
E' uno spettacolo macabro all'obitorio.
Un infermiere mi ha detto che una donna palestinese dopo ore di ricerca fra i pezzi di cadaveri all'obitorio,
ha riconosciuto suo marito da una mano amputata.
Tutto quello che di suo marito è rimasto,
e la fede ancora al dito dell'amore eterno che si erano ripromessi.

Di una casa abitata da due famiglie,
è rimasto ben poco dei corpi umani.
Ai parenti hanno mostrato un mezzo busto,
e tre gambe.

Proprio in questo momento una delle nostre barche del Free Gaza Movement sta lasciando il porto di Larnaca in Cipro. Ho parlato coi miei amici a bordo. Eroici, hanno ammassato medicinali un pò in ogni dove sull'imbarcazione.
Dovrebbe approdare al porto di Gaza domani verso le 08.00 am.
Sempre che il porto esista ancora dopo quest'altra notte di costanti bombardamenti.
Starò in contatto con loro tutto questo tempo.

Qualcuno fermi questo incubo.
Rimanere in silenzio significa supportare il genocidio in corso.
Urlate la vostra indignazione, in ogni capitale del mondo "civile",
in ogni città, in ogni piazza,
sovrastate le nostre urla di dolore e terrore.

C'è una parte di umanità che sta morendo in pietoso ascolto.

Vik in GazaVittorio Arrigoni
blog: http://guerrillaradio.iobloggo.com/websites della missione: http://www.freegaza.org/e www.palsolidarity.org
contatto: guerrillaingaza@gmail.com
telefono (no sms)

Commenti

XPX ha detto…
E' la disfatta dell'evoluto mondo occidentale ...
desaparecida ha detto…
che massacro!

E' banale ed anche un po' sciocco,ma mi sento male dopo averti letto.
Scusami.
La Mente Persa ha detto…
Quella foto non sembra vera.

Scusami non riesco a scrivere un commento decente.
Perche' non li fermano????
Non basta un appello e se volessero le grandi potenze potrebbero fare molto di più.

gio
che vergogna marco,che vergogna,sapessi che cazzo di dichiarazioni passano dai media tv,che vergogna
riri ha detto…
La foto è terribile, perchè..perchè nessuno è intenzionato a fermare questo massacro?
Ero passata per salutarti, ma adesso sto male..è troppo...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Cara Gabry, infatti dopo quello che ho sentito ho seriamente pensato di non pagare più il canone. e' uno schifo, ma arriverà il giorno in cui pagheranno tutto.
Nicolanondoc ha detto…
Già,quando lo diceva bossi di non pagare il canone tv e di non comprare i bot....non andava bene vero ?
Sono daccordo con te Marco,se non saranno gli uomini a fargliela pagare ,ci penserà Gesù.
il Russo ha detto…
Letto ed ho preso la foto che posterò nel pezzo di domani (stamattina vista l'ora), le parole le lascio a chi è là a raccontare, a noi non restano che le immagini ed il silenzio.
Sabatino Di Giuliano ha detto…
Dovremmo chiudere tutto e andare via. Ma dove?
Alligatore ha detto…
Perchè nessuno dice "Siamo tutti palestinesi"?
Andrea ha detto…
non ho parole perchè non ci sono parole per descrivere un massacro simile!!!
Pupottina ha detto…
Buon 2009 da Pupottina, rapita dalle feste...
Franca ha detto…
Un'infamia senza fine...
NADIA ha detto…
Hola marco!!!
E' la fine!!!
Sarà una strage, non riesco a pensare, con quella foto negli occhi!!!!
Punzy ha detto…
un massacro, un'infamia, un insulto alla vita
gli stanno lasciando commettere una strage
articolo21 ha detto…
Un massacro nel silenzio di tutto l'occidente. A parte qualche parola di circostanza...
Anticlericale89 ha detto…
Certi personaggi devono avere perso un gradino nella scala dell evoluzione.
RImango letteralmente senza parole...
Silvia ha detto…
Io non so nemmeno che dire, non so, non so, non so più nulla. Le parole non sono sufficienti per fermare la strage, la mattanza, l'infamia dei prepotenti.

:*-(

Questo genere umano deve essere distrutto per ciò che la sua follia riesce a compiere. Anzi, sarà il genere umano stesso a distruggersi da solo: fa così tanti tentativi da anni... che infine, ci riuscirà...

:*-(
luce ha detto…
senza parole
Le Favà ha detto…
Senta ritegno, sono tutti senza ritegno.
stella ha detto…
Marco è orrendo ,non ho parole...
il Russo ha detto…
48 ore d'aria? Attendiamo con ansia i caprici del boia...
Darkrose ha detto…
Ciao, per caso sono capitata sul tuo blog, e devo farti i miei piu vivissimi complimenti, è davvero molto profondo, molto...tutto, mi ha colpito veramente.
E' bello un blog che cerca di mettere in evidenza le problematiche di oggi della società.
La tragedia di Gaza, oggi ci pensavo, dicendo com'è possibile che dei èpoveri bambini soffrano in questo modo, mentre io mi chiudo nel mio mondo con i miei problemi che non sono niente, perche io in realtà ho tutto, ho la pace, ho la famiglia, ho una casa....cos'è che mi manca...mentre quelle povere anime stanno là.
Queste purtroppo sono solo parole, ma è un mondo difficile questo, come possiamo superare tutto questo, quando la politica internazionale si interessera veramente del caso, gia di mezzo ci stanno gli interessi, e quando ci stanno gli interessi tutti sono interessati, guarda il caso dell'Irack, e qui, perche l'Europa non interviene, basta solo il dialogo, basta che essa faccia da finestra...ma vedo che nessuno faccia niente Veramente.
Il presidemnte di Francia e quello Tedesco dove sono?
Lasciamo perdere quello Italiano, anche se io sono di Destra, ma sinceramente Avrei preferito Fini al Suo posto, un uomo che ha avuto una forte Evoluzione politica e Morale in positivo, che è riuscito a rivededere e a condannare alcune sue ideologie, e che sta ultimamente dicendo le cose come stanno...e come è stata la storia, insomma un personaggio abbastanza obbiettivo.
Comunque Nel mondo la prima cosa che deve cambiare deve esserre la politica, sperando anche in Obama, che sembra che abbia le carti vincenti, e mi auguro che faccia una giusta politica, come quella portata avanti da Clinton, che poi è stato sbattuto fuori per un caso personale, che non centrava niente con la politica.
Insomma oramai se il mondo di oggi da piu importanza alle frivolezze e non alle cose concrete, e se il mondo va avanti in questo modo è un po colpa di tutti....come dice il titolo del tuo blog...siamo ora mai schiavi di un mondo sbagliato, di un mondo materialista e individualista.
bradipa ribelle ha detto…
le vite umane non hanno tutto la stessa importanza purtroppo... tutto ciò è semplicemente ASSURDO!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…