Passa ai contenuti principali

COMUNICAZIONE

Mi scuso con tutti i lettori, ma per qualche tempo non riuscirò ad aggiornare il blog. Passerò solamente a leggervi. Il lavoro mi porta via tempo, ma soprattutto mi sono lanciato in una ricerca storica che parte dal '500 ad oggi per capire maggiormente i processi storici ed economici, che ci hanno portato allo stato attuale di cose: dalle varie colonizzazioni, fino alle ragioni del terrorismo internazionale contro il quale le nostre autorità si lanciano in difesa della "democrazia" e "libertà", passando per le due guerre mondiali e i regimi totalitari del ventesimo secolo. Se nasco ancora, sicuro faccio lo storico indipendente: è una materia che mi appassiona troppo e passerei ore a leggere libri.
Sempre per il fatto che chi non conosce da dove viene, non può nemmeno sapere dove andare.
E perchè penso che purtroppo, visto l'arretramento culturale, la frase di Gramsci a lato sia ancora profetica rispetto a ciò che accadrà nel prossimo futuro.

»Istruitevi perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi perché avremo bisogno di tutta la nostra forza.«

Per uscire da questa situazione, credo serviranno tanta cultura, organizzazione, voglia di fare e coraggio di mettersi in gioco. Perchè la Storia siamo noi, nessuno si senta escluso.
E visto la profonda idiosincrasia che provo nei confronti di questo sistema, io la Storia voglio provare a cambiarla.


Commenti

Rouge ha detto…
"Se nasco ancora"... Scontato per me che sì, rinascerai ancora,nulla ti vieta se lo vuoi di rinascere anche adesso. Sei abbastanza giovane per riprendere gli studi se lo vuoi.
Non cambierai la Storia in generale, cambierai solo la tua, ma è già tanto, credimi.
In bocca al lupo.
il Russo ha detto…
E poi ti dicono tutti sono uguali, tutti rubano alla stessa maniera...
Ma noi no, ecco perchè speriamo di cambiare tutto ciò!
Bruno ha detto…
buona ricerca...... un argomento interessante e un buon inizio per poter capire e cambiare
NADIA ha detto…
holaaaaaaaaaaaaaa Marco :D
buon lavoro ...un abbraccio!!!
l'incarcerato ha detto…
Allora buono studio e mi raccomando condividi con noi le tue conoscenze. Qui sta il senso della collettività. Abbiamo bisogno della conoscenza, elemento utile per combattere!
Alessandro Tauro ha detto…
Buono studio e buon lavoro Marco!

Hai ragionissima: senza conoscere le origini e le evoluzioni storiche che costituiscono le fondamenta della nostra realtà sociale, culturale, economica e politica, ogni dissertazione, analisi e proposte ad ampio spettro per la risoluzione delle grosse tematiche finirà inevitabilmente per arenarsi contro degli scogli ben appuntiti.

Il compito che stai ponendo davanti a te è complesso tanto quanto importante. Ti faccio i miei più sinceri complimenti e i miei più calorosi in bocca al lupo!
bene,spero che quanto prima ce ne parlerai meglio,o magari ne scriverai anche qui!


Marco scusa L'off T.(MAS IN FONdO CI STA)

Dankiuu gays,bisogna implementare i nostri poveri piccolo neuroni!!!eh,eh,se sto' dietro alla feccia dei politici divento matta,SI,per quello che NON fanno per tutti noi,ma fanno PER SE STESSI-aDORO I TECNICISMI ,ADORO iNTERNET ,ADORO COSTRUIRE LE MACCHINE SEGUIRNE LE IMPLEMENTAZIONI e testare i software-A proposito dei propositi,avete letto che è successo al piccolo Brunetta??noooo??? ma si dai,come è sbarcato sul web,con il suo portale(portale?????ah ah ah nememno i Css erano validi i DIV E DIV si sprecavano)dicevo:appena sbarcato-ZAC,Akerato-tiè!!!ah ah ah ah ah ,

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…