Passa ai contenuti principali

I MURI DELL'UMANITA'

Ieri l'Unità riportava questa frase nel trafiletto rosso:

La libertà ha molte difficoltà e la democrazia non è perfetta. Ma non abbiamo mai costruito un muro per tenere dentro i nostri, per impedir loro di lasciarci.
John F. Kennedy, Berlino 26 giugno 1963

E' vero, un muro non è mai stato fatto, ma programmare e finanziare golpe, distruggere sul nascere nel mondo ogni alternativa a questo sistema, attuare politiche economiche per strozzare i paesi più poveri e controllare a livello politico i vari Stati, è stato fatto.
Il muro era sbagliato, ed è giusto criticarlo, ma credo occorra una coerenza intellettuale che porti a criticare anche quei muri che la società, pur non vedendoli materialmente, ha costruito.
Ci sono state barriere, che seppur invisibili, gridavano e gridano la stessa vendetta.

Commenti

il Russo ha detto…
Ci sono anche muri eretti tra Usa e Messico, fra Israele e Palestina o fatti con leggi come fra Italia e Africa, ma di questi se ne guarda ben bene dal condannarli vero?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Quelli sono muri di serie B Russo.
luce ha detto…
Hai ragione carissimo, ma vedi quelli sono i muri che convincono non quelli che vengono imposti, è questo il segreto di certe costruzione che non crollano.
Un abbraccio oltre il muro
Le Favà ha detto…
Mi accodo al commento del Russo e alla risposta di Marco. Seppure, oggi dovevo essere a Berlino. Purtroppo non ci sono potuto andare.
Silvia ha detto…
Beh, per certe mentalità - come quella americana - la Storia e soprattutto gli errori della Storia sono una questione di dettagli. Ossia, gli americani non hanno eretto muri come a Berlino... quindi sono bravi. La chiamano coerenza, da qualche parte... (in effetti, in America).

Gli americani sono estranei ai muri... già... magari Kennedy non poteva saperlo all'epoca (ma poteva sospettarlo visto l'opportunismo tipico della sua nazione), ma di muri ne hanno eretti, eccome...

Ho la sensazione che i muri "invisibili" siano i peggiori... difficili da abbattere...
@enio ha detto…
in america usano i reticolati ! più facili da rimuovere e meno costosi da smantellare ?
la Volpe ha detto…
kennedy poi lo hanno ucciso lo stesso anno, forse a certi muri "invisibili" si sarebbe opposto...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Volpe...non sono così sicuro.
Las fallita invasione di cuba della Baia dei Porci è stata sua. Anche sul Vietnam alcune responsabilità sono sue.
Gap ha detto…
Cari Russo e SoL, ora capisco il commento.
Sarebbe ora di finirlòa di santificare JFK. Occorre porre in risalto anche i suoi errori.
Non è possibile che tutti i morti, per causa violenta o meno, diventino santi e, quindi, non criticabili.
Bravo Marco! I muri invisibili ed anche quelli del pregiudizio sono i più pericolosi. Ma purtroppo nessuno li vuole abbattere.
Alligatore ha detto…
Mi ricordo quando quel muro lo vendevano come una reliquia, metafora della nuova società che l'est stava vedendo nascere, dove tutto è in vendita... ma sto andando fuori tema?
riri ha detto…
Ciao Marco, condivido il pensiero di Gap, gli errori sono stati fatti da tutti, i muri spesso li innalza la società stessa in cui viviamo.
Un fraterno abraccio
la Volpe ha detto…
@SoL

sicuramente Kennedy ha le sue colpe e non va santificato (in fin dei conti pare abbia vinto le elezioni truccandole), ma se davvero la CIA l'ha fatto fuori ritengo che avrebbe fatto meno peggio di quelli che lo hanno seguito

poi era un politico e il presidente degli USA, e come dice Fabrizio de André "non ci sono poteri buoni"
Alessandro Tauro ha detto…
Quoto in pieno anch'io il messaggio del Russo, che in fondo riporta essenzialmente il concetto fondante di questo tuo post.

Ci siamo preoccupati di tirare giù un muro vergognoso che impediva il libero spostamento e la libera contaminazione tra culture per quasi mezzo secolo.

Le altre decine e decine di muri ancora in vigore o innalzati negli ultimi tempi fanno molto meno scandalo.
I respingimenti in acque internazionali, le divisioni tra Israele e Palestina, le reti al confine tra Stati Uniti e Messico, i soldati pakistani ed indiani viso a viso nel Kashmir, per non parlare delle meno visibili barriere sociali, sono muri accettabili, comprensibili, o, ancora peggio, indiscutibili.

Un giorno saremo chiamati a rispondere di questi nostri crimini verso l'umanità allo stesso modo in cui in passato sono stati chiamati la DDR, l'Unione Sovietica e la Stasi.
Oggi viviamo questa condizione di esclusione, divisione ed emarginazione con serenità, con normalità. Le stesse sensazioni respirate da chi, a suo tempo, viveva quotidianamente la propria vita di fianco a quel muro sovrastato dal filo spinato.
la Volpe ha detto…
@alessandro tauro:
"Un giorno saremo chiamati a rispondere di questi nostri crimini verso l'umanità"

Magari, Alex, magari...
Pellescura ha detto…
Abbattiamoli tutti sti muri rimasti in pedi...
Faber ha detto…
I muri più invalicabili rimangono quelli fra persone , non che gli altri non siano importanti anzi , ma solo scavalcando e abbattendo i muri "invisibili" che esistono fra le persone di buona volonta possiamo sperare di costruire una società migliore .
Anonimo ha detto…
大陸新娘要幾歲才能嫁來台灣?外籍新娘如何申請良民證? 大陸新娘來台後須多久才可以申請身份証呢?外籍大陸新娘來台後在沒身份証情形下可以工作嗎?我們的口碑經的起檢驗,也可為你推薦台灣合法信譽好的婚姻協會人員為你服務,希望通過我們讓你以最經濟實惠的方式找到理想的伴侶,能夠為有緣人牽線搭橋,異國姻緣一線牽,歡迎以婚姻為目的,具備嚴肅婚姻心態,有責任感,有心想娶外籍新娘的台灣單身男士與我們聯繫,我們將誠心為您服務!
Gap ha detto…
Condivido e sottoscrivo e rilancerò il commento dell'anonimo. Fianalmente delle parole chiare e nette sulla situazione italiana.
Faber ha detto…
gap sottoscrivo pienamente , l'unica cosa è l'allusione dell'anonimo alla tua virilità ...mi pare fuori luogo -)

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…