Passa ai contenuti principali

SINTOMI INFLUENZALI

Ebbene, l'altra mattina mi sono svegliato con leggeri sintomi influenzali: raffreddore, mal di gola e tosse. Durante la giornata, la situazione si è fatta più "preoccupante" e ho iniziato a sentire una leggera debolezza. Ieri è stata un po' più pesante: ho avuto ben 37,1° di febbre. Fortunatamente il mio fisico reagisce bene: tutte le volte pur prendendo il virus, riesco ad uscirne in un paio di giorni senza stare poi così tanto male. Al solito come farmaci mi sono limitato a delle bustine contro i sintomi influenzali. Non ho contagiato nemmeno i miei famigliari, che fortunatamente stanno tutti bene. Oggi va meglio, sembro sulla retta via della guarigione. L'unica cosa per adesso che ho visto di suino, è il mio solito appettito e questo è un buon segno. Vedremo il proseguimento, restiamo fiduciosi.

Commenti

stella ha detto…
Marco, auguri!!!

Vieni a sentire l'ultima!
Bruno ha detto…
a me è successo inizio settimana e verso giovedi ne ero fuori.... ora tutto ok e qualche colpo di tosse....
in ufficio mi hanno maledetto..!!!!
il Russo ha detto…
Sopravviverai? Non ti sei fatto il vaccino? Rischi di infettarmi venendo qua dalle tue parti a scrivere? Ai posteri l'ardua sentenza....
Vincenzo Cucinotta ha detto…
Contagia, contagia pure. La mia opinione è che un contagio veloce e massiccio possa ridurre i rischi di mutazioni del virus, cioè i rischi maggiori: quindi, distribuisci pure i virus attorno a te, tanto un sistema immunitario dovremmo avercelo tutti, no? :-D
Alessandro Tauro ha detto…
Quoto Vincenzo. Anche perché comincio quasi a sentirmi escluso, con queste mandrie di infetti nuovo cataclisma dell'umanità... :)
Trattati bene comunque, mi raccomando!
Pupottina ha detto…
ehehehehehheh
bella la parte finale sul tuo appetito!!!
per fortuna è tutto ok!!!
sirio ha detto…
Caro Marco, ha perfettamente ragione Vincenzo.
Tutti abbiamo un sistema immunitario che funziona eccome, la campagna scandalosa che viene fatta per il vaccino ha ben altri interessi che non la salute pubblica.
Auguri caro amico, vedrai che ti rimetterai al più presto.
natalibera ha detto…
Ciao Marco...sono stata male i giorni scorsi,ma ,è passato in fretta e sarà così anche per te...intorno c'è un gran bisogno di noi :))))

Un abbraccio beneaugurante !
Ma gioia d'un Marco solo 37,1°,ma beato te,io sono arrivata a 38,2° non ti dico-
Sono dovuta ricorrere al medico di fam. per ben due volte,tra' antibiotci(che mi sconquassano) sciroppi,inalazioni etc etc,sono dieci gg che faccio su è giu,peggio di una trottola.
Poi sono voluta uscire per il funerale di Alda e cosi il giorno dopo stavo uno straccio,ieri è stao il primo giorno che mi sono sentita meglio,non canto vittoria,ma le ossa sono tt indolenzite
amatamari© ha detto…
Ci hai uno sistema immunitario davvero efficace, eh!?
:-)
Augurissimi!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…