Passa ai contenuti principali

SINTOMI INFLUENZALI

Ebbene, l'altra mattina mi sono svegliato con leggeri sintomi influenzali: raffreddore, mal di gola e tosse. Durante la giornata, la situazione si è fatta più "preoccupante" e ho iniziato a sentire una leggera debolezza. Ieri è stata un po' più pesante: ho avuto ben 37,1° di febbre. Fortunatamente il mio fisico reagisce bene: tutte le volte pur prendendo il virus, riesco ad uscirne in un paio di giorni senza stare poi così tanto male. Al solito come farmaci mi sono limitato a delle bustine contro i sintomi influenzali. Non ho contagiato nemmeno i miei famigliari, che fortunatamente stanno tutti bene. Oggi va meglio, sembro sulla retta via della guarigione. L'unica cosa per adesso che ho visto di suino, è il mio solito appettito e questo è un buon segno. Vedremo il proseguimento, restiamo fiduciosi.

Commenti

stella ha detto…
Marco, auguri!!!

Vieni a sentire l'ultima!
Bruno ha detto…
a me è successo inizio settimana e verso giovedi ne ero fuori.... ora tutto ok e qualche colpo di tosse....
in ufficio mi hanno maledetto..!!!!
il Russo ha detto…
Sopravviverai? Non ti sei fatto il vaccino? Rischi di infettarmi venendo qua dalle tue parti a scrivere? Ai posteri l'ardua sentenza....
Vincenzo Cucinotta ha detto…
Contagia, contagia pure. La mia opinione è che un contagio veloce e massiccio possa ridurre i rischi di mutazioni del virus, cioè i rischi maggiori: quindi, distribuisci pure i virus attorno a te, tanto un sistema immunitario dovremmo avercelo tutti, no? :-D
Alessandro Tauro ha detto…
Quoto Vincenzo. Anche perché comincio quasi a sentirmi escluso, con queste mandrie di infetti nuovo cataclisma dell'umanità... :)
Trattati bene comunque, mi raccomando!
Pupottina ha detto…
ehehehehehheh
bella la parte finale sul tuo appetito!!!
per fortuna è tutto ok!!!
sirio ha detto…
Caro Marco, ha perfettamente ragione Vincenzo.
Tutti abbiamo un sistema immunitario che funziona eccome, la campagna scandalosa che viene fatta per il vaccino ha ben altri interessi che non la salute pubblica.
Auguri caro amico, vedrai che ti rimetterai al più presto.
natalibera ha detto…
Ciao Marco...sono stata male i giorni scorsi,ma ,è passato in fretta e sarà così anche per te...intorno c'è un gran bisogno di noi :))))

Un abbraccio beneaugurante !
Ma gioia d'un Marco solo 37,1°,ma beato te,io sono arrivata a 38,2° non ti dico-
Sono dovuta ricorrere al medico di fam. per ben due volte,tra' antibiotci(che mi sconquassano) sciroppi,inalazioni etc etc,sono dieci gg che faccio su è giu,peggio di una trottola.
Poi sono voluta uscire per il funerale di Alda e cosi il giorno dopo stavo uno straccio,ieri è stao il primo giorno che mi sono sentita meglio,non canto vittoria,ma le ossa sono tt indolenzite
amatamari© ha detto…
Ci hai uno sistema immunitario davvero efficace, eh!?
:-)
Augurissimi!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…