Passa ai contenuti principali

SCIENZE POLITICHE

Ricevo e pubblico questa mail, come forma di solidarietà nei confronti di questa lotta.

GIOVEDI 26 NOVEMBRE invia una mail a Striscia la notizia ( gabibbo@mediaset.it ) chiedendo di intervenire per l'abolizione dell'assurdo dm 231/97.

Ecco un esempio di mail che puoi inviare:

Ciao Striscia! Sono di recente venuto al corrente di un assurdo decreto (il dm 231/97) che toglie ai laureati in Scienze Politiche dopo il 2001 la possibilità di insegnare.
Una discriminazione che oltretutto fa un'inspiegabile distinzione tra chi si è laureato prima di tale anno e chi invece l'ha fatto successivamente, nonostante i programmi di studio siano identici.Ancora più incredibile il fatto che le guide di facoltà dicono, quindi MENTENDO!, che tra gli sbocchi per i laureati in Scienze Politiche, c'è quello dell'insegnamento!!
Ci sono alcune Province del nostro Paese in cui l'insegnamento è in tilt per la MANCANZA DI INSEGNANTI! Ci sono migliaia di insegnanti, preparati, laureati e volenterosi, che NON POSSONO SVOLGERE LA LORO PROFESSIONE a causa di inspiegabili leggiucole e decretini...

Sò bene del grande caos in cui si trova il mondo dell'insegnamento, in Italia. Credo quindi che abolire il decreto e dare a tutti gli studenti le stesse possibilità aiuterebbe a fare più chiarezza e a dare qualche posto di lavoro in più a chi ha studiato per averlo. Ho sentito anche che proprio la situazione dei laureati in Scienze Politiche è stata di recente discussa in Parlamento, ma con scarsi risultati.Da tempo l'Associazione Presidi di Scienze Politiche, il Comitato per i diritti dei Laureati in Scienze Politiche e alcuni Parlamentari stanno lottando per questa causa.Ritengo quindi che l'intervento di Striscia la notizia potrebbe aiutare a risolvere il problema. Vi ringrazio per l'attenzione e buon lavoro!

Per saperne di più visita la pagina facebook del Comitato:
http://www.facebook.com/home.php?#/profile.php?v=info&ref=nf&id=1589686297

Il blog del Comitato: http://comitatoscienzepolitiche.spaces.live.com/

Firma la petizione: http://www.petitiononline.com/re150607/petition.html

Commenti

il Russo ha detto…
Scusa ma su tutto c'è una cosa che mi fa tristezza: oramai quando la gente ha bisogno di Giustizia ricorre a Striscia la notizia.
Se non è questo un segno dei tempi...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo: ho pensato la stessa cosa, fidati.
E comunque sempre con perplessità.
articolo21 ha detto…
Striscia la Notizia ormai è l'unico strumento di denuncia nazionale. Lo è da anni, a dire la verità. Questo la dice lunga sulla nostra informazione.
Succede che si rivolgano in quei luoghi perché altrove non si ha giustizia e nessuno ti ascolta.

A volte peraltro neanche Striscia ha le palle...
Pupottina ha detto…
interessante come scoop!
chissà perché se ne escono fuori con questi decreti.... resto sempre perplessa... cercherò di guardare la puntata di Striscia
buona serata
riri ha detto…
non ho parole!!
Arcureo ha detto…
@ Daniele Verzetti: ho un amico che lavora per Striscia al quale una volta, tipo un cinque-sei annifa, segnalai un ENORME disservizio Telecom Italia. Lui provò a lanciare l'idea in redazione ma gli venne risposto "Spiacenti ma Telecom Italia non si tocca..."
Alessandro Tauro ha detto…
Avevo già letto di questa iniziativa/campagna da qualche posto sperduto nella rete e non su Striscia (che non guardo).
Benissimo hai fatto a riportare questa "curiosa" e paradossale battaglia per la legittima difesa di un principio di eguaglianza violato in nome di non si sa quale principio.

Sull'essersi rivolti a Striscia preferisco non commentare. Ma semplicemente quoto la riflessione di Russo, articolo21 e Daniele.

Peccato che non si possa notare l'espressione del sottoscritto dopo aver letto il commento dell'Arcureo!
Shizan ha detto…
Ciao amiche e amici e grazie dell'interessamento. Forse il post non è chiaro:
NON bisogna guardare la puntata di Striscia,
ma BISOGNA SCRIVERE A STRISCIA!
Tutti insieme! Lo stesso giorno!

Se saremo in tanti a scrivere, c'è da sperare che il programma se ne occupi.
Quindi, se volete aiutarci, SCRIVETE TUTTI UNA MAIL A STRISCIA, OGGI! GIOVEDI 26!

Ha ragione chi dice che rivolgersi a Striscia non è scandaloso. Piuttosto è scandaloso che siamo costretti a considerare Striscia (che non è certo un programma LIBERO)una delle principali possibilità di risolvere l'ingiustizia.
Il Comitato sta lottando da quasi due anni, attraverso diversi canali (non è certo da due anni che seguitiamo a scrivere a Striscia...). L'Associazione Italiana Presidi di Scienze Politiche è al nostro fianco (e non ha intenzione di contattare Striscia...). Eccetera eccetera.

Striscia è un canale tra i tanti.
Che dietro il programma ci siano chissà quali interessi... che sia (addirittura, secondo alcuni) un mezzo del premier per dimostrare che le sue reti sono libere...che accetta la satira... o qualsiasi altra cosa, non ci riguarda.

Ciao
Pasquino
luce ha detto…
Carissimo,io la mail la mando comunque , perchèmi sento di appoggiare la causa che mi sembra giusta data l'ingiustizia assoluta e assurda della questione.
Striscia qulacosa può farla, io sono sempre per tantare tutte le strade e poi non si diceva in tempo di toghe romano che il riso a volta castiga i costumi?
Un abbracciogrande e affettuoso a te che dai sempre una mano a chi certi diritti se li deve sudare.
le assurdita' di questo paese viaggiano di pari passo con le ossessioni dei berluscones e dei berlusconiani-Ormai alla sola parola "mafia" oppure alla parola "collusioni" si rischia tanto e non gia' di essere tacciati per toghe rosse o comunisti o mangia bambini,magari fosse solo questo-si rischia grosso,si rischia la pelle-oggi il premier è stato chiaro-"CHI PARLA DI MAFIA LO STROZZO"
T'ASSICURO CHE è UN TIPICO MODO DI parlare che hanno i mafiosi!!

è facile gridare al lupo al lupo quando si conoscono i fatti e i misfatti di questo paese,fatto salvo di far credere al popolo bue,che sono i magistrati gli occulti manovratori e non loro medesimi,ovvero i berluscones!!
ah,dimenticavo!!pazzesco usare striscia di TAL CAVALIERE SERVO-Asservito-!!!!
ma chissa' in fondo Ricci vuole assicurarsile chiappe-ENTRAMBE-
non cosi per Ezio Greggio e soci!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…