Passa ai contenuti principali

ANCHE DA SOLO, MA IN FONDO NON SONO SOLO

Sogno un mondo dove se ho due panini, e un' altra persona non ha niente, possa donarne uno senza dover chiamare questo carità, ma Giustizia. Perchè la carità mantiene lo status quo, la Giustizia cerca le cause di quella povertà.
Marco.

Lo so, questa specie di aforisma non entrerà mai nelle frasi celebri, non sarà mai una frase che troverete su wikipedia e non mi interessa nemmeno più di tanto. Non alla gloria ambisco, visto che è acquisita dopo la morte, ma ad una vita dignitosa perchè la mia vita è adesso, e della gloria non so cosa farmene. Posso dire che in questa frase, ritrovo la mia dignità, la giornaliera voglia di lottare contro questo sistema che fa del privilegio un riconoscimento sociale. Sono fermamente convinto però ( e il voto degli impiegati a Mirafiori credo lo abbia ribadito), che il privilegio non renda liberi, così come non esiste libertà senza responsabilità e coscienza del mondo in cui si vive. In questa frase, ritrovo la mia voglia di lottare contro le spietate leggi del mercato, contro questo asservimento dell'uomo ad una sua invenzione diventata ormai paradossalmente un'entità terza incontrollabile. In questa frase trovo ancora la forza di ribadire, che non l'uomo deve servire all'economia, ma il contrario. Perchè ormai quando ascolto statistiche descrivere la situazione di produttività e salari, mi ribolle il sangue. Quando sento parlare di sacrifici necessari alle esigenze di mercato, mi tremano i polsi capendo che queste esigenze non sono altro che il frutto di dogmi, utili a mantenere l'asservimento dei molti, perpetuando l'immenso accumulo di profitti dei pochi.
Serve un nuovo modo di pensare la società, il lavoro e lo sfruttamento delle risorse naturali che non sono di una nazione o di un popolo, ma di tutti i 7 miliardi di persone che abitano questo mondo. Non è con le guerre per accapparrarsi le risorse che si costruisce la pace, non è con la forza militare o economica che si costruiscono le basi per un reale progresso della società.
Sono stanco di sentire parlare di competitività, e non vedo il perchè io povero operaio, mi debba alzare la mattina e sentirmi in competizione con un cinese, forse ancora più povero di me, per far funzionare un sistema che ci mantiene poveri entrambi e sempre più asserviti alle sue logiche.
Il mondo che il potere ci dipinge, è simile ad un deserto sempre più arido e senza speranza. Sono convinto che essere di sinistra però, voglia dire non rassegnarsi a questa descrizione iconografica, ma cercare quei prati verdi che esistono aldilà dei muri che loro vogliono farci credere insormontabili.
Con questa frase, mi sento più vicino a quei prati e forse, nonostante tutto, dalla parte giusta della Storia.
C'è chi sceglie di dedicare la propria vita all'accumulo di denaro nonostante tutta la miseria umana che questo provoca intorno. Da parte mia ho sempre detto di essere contro questo sistema non perchè in questo momento storico mi trovo dalla parte dei deboli, ma per fare in modo che non esistano i forti. Sarò anche un povero idealista, ma in tutte le epoche il cambiamento è sembrato utopia, e solo con le idee si può cambiare.
Se necessario anche da solo, ma in questa battaglia non sono sicuramente solo.



"Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi. La macchina dell'abbondanza, ci ha dato povertà."

Commenti

Aries 51 ha detto…
No, non sei solo. E anch'io non sono solo.
Buona domenica.
luce ha detto…
Non si è soli se si è giusti. Mai.
Un abbraccio

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…