Passa ai contenuti principali

IO SONO IGNORANTE

Forse è un mio problema, ma non capisco una cosa. Continuano a dirci di essere in un mondo post ideologico. Ma io vorrei chiedere a tutti quelli che asseriscono questo, delle cose:
Il mercato cos'è?
La globalizzazione, cos'è?
Il capitalismo, cos'è?
Non è forse ideologia questa?
Ma non sarà che continuano a parlarci di fine delle ideologie, per farci mandare giù il boccone amaro dell'unica ideologia che DEVE sopravvivere?
Qualcuno diceva: " there is no alternative!"
E sappiamo tutti chi lo diceva.
Ma io da buon ignorante, ho almeno il beneficio del dubbio.

Commenti

luce ha detto…
Sono daccordo con te. Le alternative ci sono ma sembra che non le vogliano applicare.
Le logiche di mercato guidate da una borsa che distrugge accumulando sono difficili da abbattere, ma la verità è che non si vuole tentare a livello di grandi stati una nuova forma di mercato, meno speculativa e più solidale.
Il fatto è che la natura dell'uomo è di predatore e non è facile abbatterla.
Io provo sempre a sperare anche se temi azioni forti ( vedo la Tunisia e l'Albania e mi preoccupo un po') perchè quando comincia a mancare il pane l'undice MIB va a farsi fottere e il problema è che molti innocenti pagano il prezzo più alto..
Un abbraccio sempre
Cirano ha detto…
post ideologico solo per il crollo del socialismo, ma la dittatura del capitalismo è viva,vegeta e sempre piùcriminale.
il Russo ha detto…
Ciò che inganna non è se questo o quello sono ideologici o meno e forse manco i nomi: un'ideologia c'è e, per quanto fallimentare per la maggioranza delle persone, sta vincendo.
L'alternativa non sta perdendo, o meglio, forse manco c'è.

Post popolari in questo blog

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…