Passa ai contenuti principali

MA COSA TI MANCA?

E sono ancora qui, difronte alla tastiera, con la voglia di scrivere, di esprimere tutto il mio dissenso. Già questo, visto la situazione, è un successo: quanto è difficile resistere a quella tentazione di lasciarsi andare! Poi però ti rendi conto che per quanto ti sforzi, i tuoi occhi vedono e la testa ragiona o almeno sembra ragionare: quante volte in preda allo sconforto, mi dico che forse sarebbe meglio il contrario! Ma è così, non riesco ad essere come loro, non ci riesco proprio. La mattina mi alzo, e provo a ripetermi che in fondo questo sistema non mi fa mancare niente: tre pasti al giorno, una macchina seppur vecchia e una casa della quale di mio ho solo l'intestazione visto che è della banca ( e dopo i vari economisti o politicanti mi devono venire a dire perchè sventolano, giubilanti, dati come quello che sembra testimoniare che l'80% degli italiani ha ormai una abitazione di proprietà. Se andassimo a spulciare il dato, secondo me una buonissima percentuale è in comproprietà: intestatario/banca). E non vedo cosa ci sia di così positivo, quando la maggior parte di noi, deve lavorare 20 o 30 anni per avere un' abitazione. Devo lavorare 20 anni, per avere ciò che, in quanto essere umano, mi spetterebbe di diritto. Anche ad un cane ( con tutto il rispetto per gli animali) diamo la cuccia, e non mi sembra gli venga data dopo vent'anni di lavoro. Io lavoro vent'anni, e mi fregano pure i soldi degli interessi! Pazienza pagare gli interessi su una macchina presa a rate, ma sulla casa proprio mi sembra un tantino ingiusto. Della macchina posso anche farne a meno, della casa no! Ma mi alzo la mattina, e voglio autoconvincermi che non mi manca proprio niente: meglio di così! Ho tutto: un lavoro, una donna e se voglio qualche soldino per andare a divertirmi (visto i tempi anche questa è una fortuna). Ma allora cosa mi manca? Perchè quando ti lamenti di qualcosa che non va, trovi sempre il solito beota che ti dice: ma cosa ti manca, non ti manca niente! Mi manca un mondo giusto, e se non è giusto, che almeno si provi a migliorarlo. Mi manca un mondo, dove non ci si debba sgozzare per raccogliere le briciole che ti vengono lasciate tanto per tenerti calmo e farti credere, che tutti possono farcela in fondo. Mi manca un mondo, dove il lavoro non sia ricatto o costrizione, ma solo un modo per contribuire allo sviluppo della società: perchè non posso credere che da alcune parti ci sia gente in cassa integrazione, quando in altre fanno straordinari. Mi manca un mondo, dove non ci sia nessuno che faccia i miliardi con la mia schiena: perchè per quanto ci riempiano la testa di assurdità, tutti abbiamo bisogno di tutti: mi piacerebbe vedere un imprenditore solo cosa fa. Mi manca un mondo, dove non possa esistere nessun uomo in grado di ricattare interi Stati. Mi manca un mondo, dove la tecnologia sia usata veramente per migliorare le condizioni lavorative, e non per aumentare la produttività con meno personale. E mi manca un mondo, dove si misuri il valore della persona non da quanti soldi possiede, ma da quanto attraverso il suo operato riesce a rendere il mondo un posto migliore. Perchè tutti ci parlano di ambizione, competitività, ma ci rendiamo conto della desolazione umana che questo provoca? Dopo decenni di politiche economiche liberiste basate sull'ambizione e la competitività, stiamo forse tutti meglio? Abbiamo forse una vita più sicura, rapporti umani più soddisfacenti e un lavoro che riesca a garantirci dignità? Abbiamo eliminato la fame nel mondo? La povertà? Le guerre? Lavoriamo forse meno, per dedicare più tempo agli affetti? niente di tutto questo purtroppo. Ma cosa ti manca, mi chiedono. Sveglia ragazzi, sveglia: essere adulti non vuol dire solo portare taglia XL e numero 45 di scarpe.

Commenti

il Russo ha detto…
Cosa ci manca? Tanto, tantissimo.
Abbiamo però qualcosa che lorsignori si sognano: la voglia di lottare.
la Volpe ha detto…
Anche a volere essere egoisti, come si fa a stare tranquilli davanti all'eruzione di un vulcano solo perché hai un tetto sopra la testa? I miasmi e il fuoco possono bruciare anche te. E a non volere essere egoisti, come fai a stare tranquillo mentre attorno sta crollando tutto? Io queste persone non le capisco, non le capirò mai.
Gap ha detto…
Ci manca una vita da vivere come esseri umani e non come strumenti di produzione di ricchezza per pochi. Bello ciò che hai scritto, pieno e coinvolgente. Ma, tento, che ce lo diciamo a fare noi che siamo alla perenne ricerca di un mondo migliore se i destinatari delle tue e delle nostre parole non vogliono sentire?
Continuiamo imperterriti a fare il nostro dovere.

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…