Passa ai contenuti principali

TROPPA GRAZIA PER QUESTO BLOG

Quando si intraprendono nuove esperienze, si è sempre titubanti: a volte si pensa di non essere all'altezza, altre volte invece il desiderio di emergere prende il sopravvento e, nonostante l'insicurezza, ci si prova ugualmente. Devo dire, che l'aver aperto un blog è stata un'ottima scelta: ho trovato persone squisite, alcune conosciute fortunatamente di persona, che mi hanno dato molto sia sotto il profilo umano che dell'amicizia. In questi mesi, abbiamo condiviso battaglie, opinioni a volte scontrandosi, ma è un piacere sapere che, in questi 300 mila km quadrati che è il nostro Paese, c' è qualcuno disposto a condividere battaglie in nome di un'Italia migliore al tuo fianco.


Ho ricevuto questo premio dai blog LA MENTE PERSA ,SUSSURRI OBLIQUI, GATTA BASTARDA e A SINISTRA . Ringrazio per la gentilezza e per aver scelto questo piccolo spazio tra i blog che hanno dimostrato impegno nel trasmettere valori culturali, etici, letterari o personali".





Ringrazio inoltre il blog Tentativi digitali per avermi assegnato questo premio.



Questa volta mi astengo dal fare scelte, tutti i blog linkati nella mia blogroll meritano di essere visitati. In ognuno c'è qualcosa da imparare, una battaglia da intraprendere, sogni da realizzare e delusioni da mitigare.

Concludo con questa frase, sperando che possa essere di buon auspicio per un futuro migliore.

« Se i giovani si organizzano, si impadroniscono di ogni ramo del sapere e lottano con i lavoratori e gli oppressi, non c'è scampo per un vecchio ordine fondato sul privilegio e sull'ingiustizia. » (Enrico Berlinguer)


Commenti

natalibera ha detto…
Complimenti,ti meriti veramente questi premi che non sono altro che attestati di stima,ripeto...meritatissimi :)

Come spesso mi succede, sono molto daccordo con quello che scrivi e trovo bellissima la frase di Berlinguer....dai,forza,un mondo migliore è possibile....un pò anche grazie a te,a noi.

Un abbraccio
Anonimo ha detto…
buona serata Marco ^__^
stella ha detto…
Marco fai sempre complimenti a me,permettimi questa volta di farli a te in assoluta sincerità.

Sei un ragazzo in gamba,sensibile e fedele!
il monticiano ha detto…
Pensi di fare parte di quegli "oppressi" cui fa cenno Enrco Berlinguer data la mia tarda età ad alla vita da me vissuta fino ad oggi. Spero che i giovani sappiano dare sostanza a quella frase. Ormai, per me, l'unica speranza sono loro.
Anonimo ha detto…
complimenti!!! avanti cosi!!
Darkrose ha detto…
Io è da poco tempo che ti leggo, e abbiamo anche delle idee diverse su certe cose, comunque se qui la gente apprezza il tuo blog, compresa me...significa che te lo meriti veramente!!!
Vai avanti cosi!!
riri ha detto…
Ammiro Berlinguer ed il suo pensiero..

Caro Marco, l'esperienza ed il cammino che si sta facendo è senz'altro anche un modo di conoscersi, come tu affermi, siamo molto diversi (alcuni), ma w la libertà di espressione e soprattutto la condivisione!!
Sapere che ci sono persone così..semplicemente sensibili..arricchisce e ti ringrazio per questa opportunità.
Un abbraccio
Gap ha detto…
Vabbè, ho capito che ho sbagliato e mi cospargo il capo di cenere. Chiedo umilmente venia. Potrò mai essere perdonato, o mio signore? Io il premio, anche se non visibile, te l'ho dato da tempo.
Franca ha detto…
Premi sicuramente meritati...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gap sei perdonato solo perchè ti considero un grande amico. Scherzo.
Ci mancherebbe, è già una fortuna avere un lettore come te.
Un caro saluto.
desaparecida ha detto…
riesci a dare tanta luce tu!:)
elena ha detto…
Ok, touché... la befana di solleviamoci si cosparge il capo di cenere (quella del "suo" carbone"...) per non averti ancora dedicato un premio e, ancor più, per averti trascurato e non conosciuto personalmente finora.
Ma, come ho detto ad alcuni blogger - la cerchia ristretta di quelli che considero proprio amici anche se sono solo "nomi ed opinioni" - è un periodo infame e spesso latito.
Già che ci sono ti darò una ghiotta anteprima: per un mesetto circa non sarò proprio rintracciabile, nemmeno nella mia tana (cioè nel mio blog e nella mia posta): l'ospedale reclama la sua buffona!
Niente paura, tornerò: e già mi frullano nella testa tante cose da fare... e comunque il progetto cascina, anche se non ne parlo, va avanti.
Bravo Marco, continua così. Al mio rientro... faremo scintille! e magari ti dedicherò un premio. Adesso non gasarti troppo: potrebbe anche trattarsi della mia conoscenza de visu... :)
Un abbraccio a tutti e, a te, un grosso bacio.
Anonimo ha detto…
порно галерея комиксы
титьки письки фото
фото семейного группового секса
белоснежка порно мульт
порно фото женский туалет

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…