Passa ai contenuti principali

LE RADICI DEL DOLORE CAUSATO

Commenti

Il fatto che ci odino per questa e tante altre ragioni io non lo discuto dico solo che la pace se davvero la si vuole inizia dal decidere da ambo le parti di rispettarsi, di trovare una soluzione e di finire con l'odio.

L'odio non porta la pace, non la porterà mai.

Un abbraccio
Daniele
articolo21 ha detto…
E' vero. L'odio porta solo semi di sofferenza in chi lo produce e in chi lo subisce.
Punzy ha detto…
A volte penso che sia impossibile sradicare l'odio da quelle terre..penso sia come l'acqua, come l'aria, come il vento,come la polvere, come il sangue..
natalibera ha detto…
Nella mia lunga militanza politica credo di aver visto migliaia di reportage e inchieste , di aver manifestato e partecipato a dibattiti e volantinaggi sulla "questione",innnumerevoli volte.......

Beh...non so voi,ma, io ormai.. ho solo voglia di "menar le mani"....

Quello che accade mi è intollerabile e mi è ancora più intollerabile l'equidistanza...
ma,che devono fare ancora i palestinesi? cosa hanno ancora da dimostrare?

Sono privati di tutto ,compresa la dignità.Cosa fareste voi? sventolereste allegramente bandiera bianca?
il monticiano ha detto…
Ma da come stanno andando le cose in questi giorni chi è di loro due, Israele e Palestina, che vuole e che fa i passi giusti per volere la pace?
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Di sicuro non Israele e la comunità internazionale che, secondo il mio modestissimo parere, vacilla. Troppo spesso forte con i deboli e deboli con i forti. Hanno imposto embarghi all'Iran, paese che non difendo per altri motivi,per questioni nucleari che gli stessi rapporti dicono essere infondate, e qui si limitano a qualche dichiarazione di pace. Qui servono sanzioni economiche, fermare il genocidio è un dovere. I palestinesi sono in casa loro, ricordiamocelo.

Natalibera: se fossi al suo posto vedendo morire magari un mio caro, farei fatica ad alzare bandiera bianca. Resistere per riappropriarmi di ciò che mi spetta: una terra strappata ai suoi legittimi proprietari.
Franca ha detto…
Concordo con "Natalibera".
In questa situazione non si può essere equidistanti...
Israele ormai c'è e non si può più mettere in discussione il suo diritto di esistere, ma bisognerebbe ricordare come e perchè è nato e, soprattutto, dare al popolo palestinese lo stesso diritto...
Pierprandi ha detto…
Esatto Franca "come è perchè è nato Israele". Gli Israeliani evidentemente hanno la memoria corta...
Anonimo ha detto…
Concordo con natalialibera.

Al di là del pappone preconfenzionato dal sig. Claudio Pagliara e colleghi, la storia dimostra che la colpa non è equidistribuita.

L'odio da quelle terre non è impossibile da sradicare, come dice punzy. Prima del 48, Palestinesi ed Ebrei convivevano fianco a fianco, lo avevano fatto per molti secoli e potevano farlo per molti altri.

L'odio semina odio.
Ma bisogna accusare i primi responsabili di questa politica. E chi continua a farlo tutt'ora, attribuendo i giusti pesi e le giuste misure.

400 morti, pardon, 423, contro 4.
Non è la stessa cosa.

E così come ne siamo consapevoli noi, lo sono anche Olmert e la sua ministra.

Che indifferenti strangolano la popolazione di Gaza.

Sub
Schiele ha detto…
Si, è vero. Bisogna ricordarsi di come è nata la Palestina. Esiste un problema di odio grande che non favorisce la volontà di pace tra i due popoli.
Stanno però uccidendo degli innocenti e le grandi nazioni dovrebbero muoversi cazzo!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…