Passa ai contenuti principali

GENOVA- GAZA


L'iniziativa che sto per segnalarvi parte da Genova ma ci coinvolge tutti.
Riguarda quelli che non stanno a guardare e continuano giorno per giorno a cercare sfogo attivo e partecipe alla propria voglia di fare e agire, mentre la Democrazia (Idiozia) occidentale continua a sedersi ai tavoli diplomatici.

Impotente nell'agire, e ipocrita nel dire.

Il fare passa per altre vie.

Quelle di una città che per noi è un simbolo.
Dalla Resistenza partigiana a quella antimperialista.
E' un'iniziativa che passa per Facebook ma a cui si può partecipare a vario titolo.
Anche semplicemento raccogliendo l'invito alla diffusione.
Genova, un ponte umano e unanime per Gaza (cliccate sopra e vi ritroverete direttamente su Facebook).

Ecco il testo (quasi) definitivo che dovrebbe essere sottoposto al Sindaco Marta Vincenzi.

Genova 07-01-2009
…La richiesta nasce tra le mani di una ragazza palestinese nel pomeriggio del 6 gennaio 2009 in Pzza Matteotti a Genova. Una persona anonima ma che ricordava a Genova la sua natura di città solidale con gli oppressi di tutto il mondo.Non è accettabile il massacro perpetrato a danno delle popolazioni civili della striscia di Gaza, e, Genova, Città insignita della medaglia d’oro della Resistenza deve chiedere non solo un cessate il fuoco immediato, ma trovare tutte le forme possibili per sostenere le popolazioni della striscia di Gaza sottoposte a quella che ormai ha sempre più le caratteristiche di una pulizia etnica .Chiediamo che l’Amministrazione Comunale si adoperi sia politicamente che materialmente per il conseguimento di tale solidarietà attraverso una forma di gemellaggio con Gaza.Al fine di sensibilizzare non solo i genovesi ma una buona parte di internauti democratici ho creato questo gruppo su facebook come espressione di una richiesta che parte dal basso. Talmente dal basso da essere la mano anonima di una ragazza palestinese che ringrazio per avermi ricordato di appartenere a quella comunità senza se e senza ma solidale con gli oppressi ovunque essi siano.


Grazie a Loris, per essersi fatto ideatore del gruppo.
Grazie al Russo, per averlo immediatamente diffuso.
Grazie a Marte dalla quale ho tratto l'articolo.
E grazie a chi parteciperà e divulgherà il tutto.
Io ci credo.

Commenti

Pierprandi ha detto…
Ho postato anche io questa iniziativa oggi pomeriggio, le adesioni fino a poco fa erano gia più di 130. Speriamo continuino a crescere. Un saluto
Marte ha detto…
Per ulteriori info c'è anche questa mail: genova_gaza@yahoo.it

Grazie Marco.
Damiano Aliprandi ha detto…
Ciao Marco, appoggio volentieri questa bellissima iniziativa, ho aderito subito al gruppo di Facebook.

Sono passato anche per chiedere un tuo aiuto per l'iniziativa che ho appena postato. Perchè avvolte(e non è il caso nostro per fortuna) molta gente di dice contro la guerra, ma magari se ne strafrega dei problemi della gente che gli vive accanto!
Crocco1830 ha detto…
L'ho ritenuta subito una buona iniziativa, alla quale parteciperò certamente.
Schiele ha detto…
Rieccomi. Mi ero persa tra le febbri da raffreddamento.

Ho già aderito all'iniziativa su gentile invito di Loris e mi fa sempre piacere veder realizzarsi queste forme di protesta/solidarietà.

Bello il tuo precedente post su Gaza. Io non ho il coraggio di parlarne, ancora. Non trovo le parole giuste.
Buona giornata
gio
Franca ha detto…
Io non sono su Facebok, ma come ho scritto al "Russo" mi sembra una buona iniziativa...
Dino ha detto…
Aderisco volentieri!
Un saluto

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente. Colui che non fa niente, non capisce niente. Colui che non capisce niente è spregevole. Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ... La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ... Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non sa nulla dell'uva. Paracelso Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessi

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non riu

COME UN PUGILE ALL'ANGOLO

Le ossa rotte, massacrate. Un pungile messo all'angolo che non riesce più non dico a schivare i colpi, ma che non è quasi nemmeno in grado di capire da dove quei colpi provengono. Gancio, montante...le forze iniziano a mancare. Le gambe sembrano cedere, la vista è sempre più offuscata dal sangue. Le guance gonfie, un labbro tagliato e ormai anche la dentiera è saltata. Messo all'angolo, i minuti passano: ti chiedi se forse non sarebbe meglio cadere e farsi contare il KO, ma ormai non hai più nemmeno la capacità di pensare. Troppi colpi, sempre più audaci e precisi, sembrano toglierti ogni speranza in un incedere dal quale pare impossibile fuggire. Guardi il tuo allenatore con la spugna in mano e sei combattutto: forse sarebbe meglio la lanciasse?! E nel frattempo i colpi non danno scampo. Uno zigomo è saltato. Il tuo allenatore ti guarda, non lancia la spugna, con il sangue che ormai è dappertutto. Cadi e sei in ginocchio, ma con uno scatto di reni ti rimetti in piedi. Forse i