Passa ai contenuti principali

LA FOLLIA

Iniziata l'operazione di terra, truppe di Israele nella Striscia di Gaza.

E' così ci siamo, la follia come sempre prende il sopravvento, la stupidità di alcuni esseri umani, perchè io non sono come loro e sono stanco di generalizzare, trapassa ogni limite e arriva alla più totale irrazionalità.
Sono stanco di generalizzare, di parlare di razza umana in questi casi, di parlare di giusta estinzione della razza umana perchè se fosse per me, questo globo chiamato Terra sarebbe un posto sicuramente migliore. Non perfetto ma migliore.

A questo punto, ecco come vedo il futuro di questo mondo di merda causato da una certa parte di esseri umani:

Il contrario della violenza non è la dolcezza, è il pensiero.

Etienne Bauliene

Ma in questo mondo, è impossibile pensare oltre l'interesse. Non esiste più: da una parte politici ed interessi economici, dall'altra minorati mentali incoscienti di ciò che commettono.

Commenti

catone ha detto…
Quellq macchia nera è veramente il simbolo del traguardo, a cui la stupidità umana può arrivare. E' il lutto per un futuro di ulteriore dolore che solo la pazzia di irresposabili può generare.
pierprandi ha detto…
Inutile cercare di rimanere equidistanti... Inutile generalizzare... Qui c'è un oppressore che massacra e un oppresso che soffre...Ma i poteri forti non se ne accorgono...Sarebbe più corretto dire che non vogliono vedere... Un saluto
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Certo pieprandi, concordo anche perchè come già detto la colpa all'origine è sempre di chi occupa una terra non sua.
sirio ha detto…
Quoto Pierprandi,non c'è peggior cieco di chi non VUOLE vedere...

Ciao Marco,a presto!
stella ha detto…
Marco non è possibile vivere queste stragi,massacri e ...c'è l'impazzimento totale.
loris ha detto…
Passa sul mio blog. c'è un premio per te.
mariarubini ha detto…
altro appello sottoscritto da gioulietto chiesa, dei laburist.
dobbiamo fermare questo delirio!! per forza. non possiamo stare a guardare!!
Marte ha detto…
Marco, rivolgo anche a te lo stesso invito rivolto ad altri, e mi scuso per l'insistenza. Riprendiamo e diffondiamo il più possibile la testimonianza che Vik ci rilancia da Gaza. E' importante dargli voce. Così che nessuno possa dire: io non sapevo.
il monticiano ha detto…
Visto? Dopo questo post ancora più meritata la nomination per un premio. Bisso i complimenti che ti ho già fatto.
Franca ha detto…
Concordo con Pierprandi.
Per il resto io voglio continuare a sperare che un altro mondo sia possibile...
peace and love ha detto…
il nostro mondo orami è una merda...
siamo tutti corrotti...tutti con lo stesso fine...
e quei pochi che hanno le palle di combattere questa merda??
non riescono a fare la differenza e vengono schiacciati e zittiti come una mosca d'estate...

auguriiiiiiii!!!
ciao ciao!!
natale ha detto…
Credo che tu veda il futuro un po' troppo chiaro... Nero è poco... Lo vedo molto più scuro...
Ti lascio un saluto e gli auguri, anche se per questi ultimi sono un po in ritardo..
Gatta bastarda ha detto…
ti cpopierò la frase di etienne per il nuovo post...

altro che nero il futuro io lo vedo un grande nulla!!!
pansy ha detto…
"Il contrario della violenza non è la dolcezza, è il pensiero."

Buonaserata :-)
Cesco ha detto…
Continuo a pensare che in ogni modo, la soluzione del problema non può esistere. Guerra? No. Pace? Nemmeno. Qualunque decisione si prenda quella landa sarà sempre insanguinata. Non c'è via d'uscita, sono troppi gli odii che le persone si portano appresso, costretti fin da bambini ad odiare chi sta aldilà della striscia, di sentirsi vittime di una guerra che non dovrebbe appartenere al nostro tempo, e che è l'unica nella storia umana che affonda le proprie radici nei millenni e non accenna ad affievolirsi. Non c'è alcuna volontà affinchè si risolva il conflitto.

I soldati fanno la guerra, a pagarne il prezzo sono quelli che vorrebbero vivere in pace.
Vincenzo ha detto…
quanto hai ragione amico mio...
..:: Symbian ::.. ha detto…
Terra Santa...con Bombe Sante...
In una mano il ramoscello d'ulivo e nell'altra un Kalashnikov...

http://cristianbelcastro.blogspot.com

ciao
il viandante ha detto…
Io penso una cosa. L'ho anche detta altrove e anche in diretta su una radio nazionale.
Israele - a torto - vive nel retaggio culturale e delirante della Shoà.
Non voglio assolutamente sminuirne la gravità, ma è mai possibile che per acciuffare dei terroristi si bombardi un territorio intero?
Anche in Italia abbiamo vissuto la stagione del terrorismo...non ricordo nessuna città assediata da terra e da cielo dall'esercito.
Cui prodest?

Un saluto.
l'incarcerato ha detto…
Il governo Isareliano dovrebbe essere condannato da qualche tribunale internazionale per crimini contro l'umanità. Ma pare che tutto il mondo è paese, e questi tribunali condannano solo chi non si allinea al sistema.
Infatti, gli interessi sono tali per cui nessuno vuole davvero la pace.

Purtroppo....

Ciao Marco
Daniele
Punzy ha detto…
perche' non firmiamo una petizione esortando il papa ad andare in plaestina? cosi' vediamo se Israele bombarda con un capo di stato (perche' e' un capo di stato) nelle terre di conquista..e se bombarda nonostante la presenza del papa..beh.. almeno una questione l'abbiamo risolta..
Sabatino Di Giuliano ha detto…
Gli interessi di pochi sopra le teste di tutti. E' stato sempre cosi
Le Favà ha detto…
Il bello è che usano delle belle bombe al fosforo bianco.
Senza ritegno sono.
Subcomandante1928 ha detto…
Che tristezza.
E che senso di colpa per non riuscire ad impedire che questo accada.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…