Passa ai contenuti principali

LA FOLLIA

Iniziata l'operazione di terra, truppe di Israele nella Striscia di Gaza.

E' così ci siamo, la follia come sempre prende il sopravvento, la stupidità di alcuni esseri umani, perchè io non sono come loro e sono stanco di generalizzare, trapassa ogni limite e arriva alla più totale irrazionalità.
Sono stanco di generalizzare, di parlare di razza umana in questi casi, di parlare di giusta estinzione della razza umana perchè se fosse per me, questo globo chiamato Terra sarebbe un posto sicuramente migliore. Non perfetto ma migliore.

A questo punto, ecco come vedo il futuro di questo mondo di merda causato da una certa parte di esseri umani:

Il contrario della violenza non è la dolcezza, è il pensiero.

Etienne Bauliene

Ma in questo mondo, è impossibile pensare oltre l'interesse. Non esiste più: da una parte politici ed interessi economici, dall'altra minorati mentali incoscienti di ciò che commettono.

Commenti

Anonimo ha detto…
Quellq macchia nera è veramente il simbolo del traguardo, a cui la stupidità umana può arrivare. E' il lutto per un futuro di ulteriore dolore che solo la pazzia di irresposabili può generare.
Pierprandi ha detto…
Inutile cercare di rimanere equidistanti... Inutile generalizzare... Qui c'è un oppressore che massacra e un oppresso che soffre...Ma i poteri forti non se ne accorgono...Sarebbe più corretto dire che non vogliono vedere... Un saluto
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Certo pieprandi, concordo anche perchè come già detto la colpa all'origine è sempre di chi occupa una terra non sua.
Leonardo ha detto…
Quoto Pierprandi,non c'è peggior cieco di chi non VUOLE vedere...

Ciao Marco,a presto!
Gianna ha detto…
Marco non è possibile vivere queste stragi,massacri e ...c'è l'impazzimento totale.
loris ha detto…
Passa sul mio blog. c'è un premio per te.
Anonimo ha detto…
altro appello sottoscritto da gioulietto chiesa, dei laburist.
dobbiamo fermare questo delirio!! per forza. non possiamo stare a guardare!!
Marte ha detto…
Marco, rivolgo anche a te lo stesso invito rivolto ad altri, e mi scuso per l'insistenza. Riprendiamo e diffondiamo il più possibile la testimonianza che Vik ci rilancia da Gaza. E' importante dargli voce. Così che nessuno possa dire: io non sapevo.
il monticiano ha detto…
Visto? Dopo questo post ancora più meritata la nomination per un premio. Bisso i complimenti che ti ho già fatto.
Franca ha detto…
Concordo con Pierprandi.
Per il resto io voglio continuare a sperare che un altro mondo sia possibile...
la S-Fusa di natura ha detto…
il nostro mondo orami è una merda...
siamo tutti corrotti...tutti con lo stesso fine...
e quei pochi che hanno le palle di combattere questa merda??
non riescono a fare la differenza e vengono schiacciati e zittiti come una mosca d'estate...

auguriiiiiiii!!!
ciao ciao!!
Unknown ha detto…
Credo che tu veda il futuro un po' troppo chiaro... Nero è poco... Lo vedo molto più scuro...
Ti lascio un saluto e gli auguri, anche se per questi ultimi sono un po in ritardo..
Gatta bastarda ha detto…
ti cpopierò la frase di etienne per il nuovo post...

altro che nero il futuro io lo vedo un grande nulla!!!
pansy ha detto…
"Il contrario della violenza non è la dolcezza, è il pensiero."

Buonaserata :-)
Anonimo ha detto…
Continuo a pensare che in ogni modo, la soluzione del problema non può esistere. Guerra? No. Pace? Nemmeno. Qualunque decisione si prenda quella landa sarà sempre insanguinata. Non c'è via d'uscita, sono troppi gli odii che le persone si portano appresso, costretti fin da bambini ad odiare chi sta aldilà della striscia, di sentirsi vittime di una guerra che non dovrebbe appartenere al nostro tempo, e che è l'unica nella storia umana che affonda le proprie radici nei millenni e non accenna ad affievolirsi. Non c'è alcuna volontà affinchè si risolva il conflitto.

I soldati fanno la guerra, a pagarne il prezzo sono quelli che vorrebbero vivere in pace.
Unknown ha detto…
quanto hai ragione amico mio...
..:: Symbian ::.. ha detto…
Terra Santa...con Bombe Sante...
In una mano il ramoscello d'ulivo e nell'altra un Kalashnikov...

http://cristianbelcastro.blogspot.com

ciao
Nessuno ha detto…
Io penso una cosa. L'ho anche detta altrove e anche in diretta su una radio nazionale.
Israele - a torto - vive nel retaggio culturale e delirante della Shoà.
Non voglio assolutamente sminuirne la gravità, ma è mai possibile che per acciuffare dei terroristi si bombardi un territorio intero?
Anche in Italia abbiamo vissuto la stagione del terrorismo...non ricordo nessuna città assediata da terra e da cielo dall'esercito.
Cui prodest?

Un saluto.
Unknown ha detto…
Il governo Isareliano dovrebbe essere condannato da qualche tribunale internazionale per crimini contro l'umanità. Ma pare che tutto il mondo è paese, e questi tribunali condannano solo chi non si allinea al sistema.
Infatti, gli interessi sono tali per cui nessuno vuole davvero la pace.

Purtroppo....

Ciao Marco
Daniele
Punzy ha detto…
perche' non firmiamo una petizione esortando il papa ad andare in plaestina? cosi' vediamo se Israele bombarda con un capo di stato (perche' e' un capo di stato) nelle terre di conquista..e se bombarda nonostante la presenza del papa..beh.. almeno una questione l'abbiamo risolta..
Sabatino ha detto…
Gli interessi di pochi sopra le teste di tutti. E' stato sempre cosi
Anonimo ha detto…
Il bello è che usano delle belle bombe al fosforo bianco.
Senza ritegno sono.
Anonimo ha detto…
Che tristezza.
E che senso di colpa per non riuscire ad impedire che questo accada.

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…