Passa ai contenuti principali

FABRIZIO DE ANDRE'

Potrei mettere una tua canzone, e tutto ciò risulterebbe fin troppo scontato. Potrei spiegarti come vanno le cose in Italia, e tutto ciò vorrebbe dire sfociare nel masochismo. Non ti dirò nulla di tutto questo, tranne che sei uno dei pochi ricordi che ancora rendono orgogliosi di essere italiano.

Fabrizio Cristiano De André (Genova, 18 febbraio 1940 – Milano, 11 gennaio 1999)

Commenti

Un grande fra i grandi...mi manca...
ciao marco,siamo sulla stessa scia^^^^^^^
l'incarcerato ha detto…
Mi manca De Andrè, in questi bui tempi ne ho proprio bisogno! Ne abbiamo bisogno!!
pierprandi ha detto…
Per fortuna che prima di lasciarci, ci regalato versi che ci accompagneranno per sempre... A presto Marco
stella ha detto…
Si vive anche di ricordi...
XPX ha detto…
Mi unisco al ricordo ...
Lucia Cirillo ha detto…
Alessandro, quale maniera migliore per portarti un saluto via blog (tu e il russo siete sempre in simbiosi eh ;-))). La morte di De Andrè è una di quelle cose che proprio non ho mai accettato. Un abbraccio fortissimo (mio "conterraneo" ;-)))
Farfallaleggera ha detto…
Già...De Andrè...manca, cazzo se manca...
Luz ha detto…
Con te nel ricordo di un poeta che ha dato voce ai nostri pensieri muti.
Ti abbraccio, forte, come sempre. Luz
Elsa ha detto…
io ho scelto una canzone che sento attualissima... ma come l son tutte accidenti.
ci manca sul serio.
il Russo ha detto…
Mi manca fottutamente Faber, ma lui non era italiano, era Faber.
frufrupina ha detto…
è desimamente un grande....ciao bellissimo,ho un premio per te sul mio blog...vieni pure a prenderlo...e titti.serena donenica.
il monticiano ha detto…
Come ho già scritto in un altro commento, capisco solo adesso quello che mi sono perso!
Posso soltanto chiedere scusa a tutti, ai suoi fan e soprattutto a lui.
Marte ha detto…
Io vorrei semplicemente sentirmi orgogliosa di appartenere al genere umano.
"Si sono presi i nostri cuori sotto una coperta scura"

Troppe cose mancano.
Franca ha detto…
La sua mancanza si sente...
Silvia ha detto…
Ringraziamo il cielo che ci sia ancora qualcuno che ci rende fieri di essere italiani... poiché sono davvero pochi (specie in questo periodo).

Conosco molto poco (ahimè) la produzione musicale di De Andrè e questo mi fa difetto, ma per quel che conosco non posso che ricordare questo anniversario con sentita commozione...
Dino ha detto…
Hai perfettamente ragione!
Un saluto
desaparecida ha detto…
una lungimiranza mai scontata
una sensibilità non comune

un abbraccio
Pupottina ha detto…
grazie di essere passato....
sì, mi sto riprendendo.....

di De Andrè apprezzavo i testi.... la sua voce, lo confesso, non mi piaceva molto... però le parole, mi colpivano

buona domenica pomeriggio
loris ha detto…
...è assolutamente unico quello che sta succedendo in rete...ricordando De Andrè. Ha ragione il Russo...cazzo quanto ci manca, ma è anche vero il contrario... è fantasticamente presente.
Forse sono proprio queste grossolane ed inconciliabili contraddizzioni che hanno fatto di Faber un grande. Una mente libera, un pensiero senza tempo.
Anonimo ha detto…
Bravo Marco,che anche tu ricordi Fab.
poeta della musica.
Ciao,
aria
natale ha detto…
é unico!!! Non c'è che dire... é un grande!!! Fabrizio Sarai sempre nei nostri Cuori!!!
Uno dei pochissimi.

Ciao Marco
Daniele
Danx ha detto…
Son proprio contento di tutti gli "speciali" che stanno dando alla Rai!
Ogni tanto si è felici di pagare il canone:)
Alessandro Tauro ha detto…
Un poeta che avrebbe molto da dire in un periodo come questo. Dobbiamo accontentarci di straordinari ricordi...
Elsa ha detto…
ho bisgno anche di Te,
per un Oltre... i bambini di Gaza.
ps sono invitati anche i tuoi amici blggers!!! ajò
Elsa
natalibera ha detto…
Credo che avrebbe potuto ancora dare molto e in questo senso mi manca,ma,come ha già detto qualcun'altro è ancora molto presente grazie alle sue poesie in musica e al suo impegno straordinario a rendere visibili tutti gli invisibili di questo brutto mondo.....
desaparecida ha detto…
Mi permetto di segnalarti un blog di un ragazzo di gaza che cerca quando può di descrivere
L’inferno in cui vive.
Me ne ha parlato un mio amico che ha tradotto un suo agghiacciante post

www.ilmondodifabio.blogspot.com

Il blog di Samed è :

www.gazatoday.blogspot.com

Diamogli almeno un segnale.
Ciao marco,grazie
pansy ha detto…
De Andrè è splendido!
Luce ha detto…
Anche a me De andrè piace da morire! per il resto la prima parte del titolo del tuo blog è azzeccatissimo per descrivere quello che siamo diventati molti di noi giovani in quest'epoca. Io faccio la stagista da una vita e ancora non ho trovato nemmeno lo straccio di un contratto...pensa che la disperazione mi ha spinto addirittura ad aprire un blog!:-(
mi farebbe piacere anzi se ci scambiassi i link dei nostri blog! Se ti va mandami una mail a vitadastragista@gmail.com!
ciao e a presto!
Gap ha detto…
Condivido.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…