Passa ai contenuti principali

LA RUOTA DELLA VITA

E' la vita, ci si ripete: questo lasso di tempo che ci è concesso, dove nulla e prevedibile tranne la sua inevitabile fine. E' una ruota: si nasce, si cresce, si perdono persone care, si cerca di colmare vuoti che via via coloro che ci abbandonano lasciano. Difronte ad un feretro, ti chiedi che senso abbia vivere, soffrire, rincorrere disperatamente il profitto, odiare, fare del male a un'altra persona o tutta questa invidia che aleggia nella società. Tutto si ridimensiona, almeno per chi è ancora in grado di ragionare mettendo a frutto la propria sensibilità. Ciò che sembrava un problema insormontabile diventa una sciocchezza, così come lo è quel denaro utile solo ad alienare l'essere umano sviluppando le qualità peggiori. Molte volte si ha paura di vivere, di soffrire, di fare scelte sbagliate rinchiudendosi in stupide fobie, dimenticandosi che la vita è una sola e deve essere vissuta per il meglio. Purtroppo o per fortuna morire si deve morire, tanto vale almeno provare a spiccare il volo quando si ha ancora la possibilità di farlo.Per non deluderla, per rispetto, per provare a migliorare la situazione del nostro vicino. Che fa la differenza non è solo come si muore ma soprattutto come si vive.

Commenti

progvolution ha detto…
Questo post è veramente stupendo.
Voglio solo aggiungere un verso dei Pearl jam:"I know I was born and I know that I'll die. The in between is mine"
Sussurri obliqui
Franca ha detto…
Un passo di Sepulveda dice che "vola solo chi osa farlo".
Forse è così che bisognerebbe prendere la vita...
XPX ha detto…
Concordo pienamente con la frase di chiusura ....
riri ha detto…
Caro Marco, sono daccordo con te..volare sempre più in alto, per poter comprendere, per esserci..
Ti abbraccio
Paola ha detto…
Ciao transitavo da frufrupina e mi sono chiesta perchè non sbirciare tra i suoi visitatori????
Ed eccomi qui a curiosare nel tuo...sono rimasta basita da questo post "parole sante" condivido in pieno il tuo pensiero...bisogna assaporare tutto ciò che avviene nel nostro cammino spiccando il volo.... si...sentirsi liberi come il volteggiare di un'aquila...
Mi aggiungo alla tua box blogger mi piacerebbe seguirti (se ti fa piacere) e se gradisci puoi farmi visita e aggiungerti alla mia...
Ti lascio una buona giornata un abbraccio...ciao ciao Paola
il monticiano ha detto…
Ecco, oggi mi sento più tranquillo perchè ho letto nel tuo post "LA RUOTA DELLA VITA" tutte quelle parole, quelle frasi, quei concetti che mi sono spesso girati nella mente ma che non sono stato mai capace di dimostrare sia verbalmente che per iscritto. Ed è una cosa che tu sai fare molto bene come pure gli altri amici blogger.
frufrupina ha detto…
Straordinario post!bello veramente....condivido ciò che ha etto la mia cara e mitica furbetta di Paola...ovviamente scherzo...condivido ciò che ha deto lei...bacioni.
stella ha detto…
Marco quanta ragione hai...
Silvia ha detto…
Caro, hai ragione, lo so, lo sai, che hai ragione...

Ma quanto coraggio ci vuole per volare, per vivere, per tentare di essere felici...

;-)
Gap ha detto…
Nulla da aggiungere, solo cose da condividere.
Sabatino Di Giuliano ha detto…
mi hai fatto venire in mente il gabbiano Jonathan Livingston.
L'unica cosa certa della vita è la morte. Se ne fossimo sempre cosciente io penso saremmo migliori.
Viviamo, agiamo, amiamo.
Bellissimo post
Le Favà ha detto…
Mi piace questo post, mi hai lasciato senza parole. Hai una sensibilità che trascende tutto il resto. Complimenti.
Anna ha detto…
La vita va affrontata per come ci si presenta e con coraggio.....
il monticiano ha detto…
Posso dirti una cosa? I tuoi commenti mi esaltano mentre quelli che cerco di fare a te sono del tutto meritevoli per quello che scrivi e per come lo scrivi.
Pupottina ha detto…
hai ragione. bisogna provare a spiccare il volo.... oppure semplicemente concentrarci sulle cose che riteniamo importanti e vivere unicamente dell'amore che abbiamo per determinate persone che vogliamo caratterizzino la nostra totale esistenza... non so se ho reso l'idea.... però dopo la morte di mio padre.... ho capito che potevo accontentarmi di tante cose poiché il mio posto è dove sono nata con le persone che mi amano e non ad inseguire ambizioni e sogni che mi porterebbero a trascurarle...
buon pomeriggio domenicale
;-)

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…