Passa ai contenuti principali

LA RUOTA DELLA VITA

E' la vita, ci si ripete: questo lasso di tempo che ci è concesso, dove nulla e prevedibile tranne la sua inevitabile fine. E' una ruota: si nasce, si cresce, si perdono persone care, si cerca di colmare vuoti che via via coloro che ci abbandonano lasciano. Difronte ad un feretro, ti chiedi che senso abbia vivere, soffrire, rincorrere disperatamente il profitto, odiare, fare del male a un'altra persona o tutta questa invidia che aleggia nella società. Tutto si ridimensiona, almeno per chi è ancora in grado di ragionare mettendo a frutto la propria sensibilità. Ciò che sembrava un problema insormontabile diventa una sciocchezza, così come lo è quel denaro utile solo ad alienare l'essere umano sviluppando le qualità peggiori. Molte volte si ha paura di vivere, di soffrire, di fare scelte sbagliate rinchiudendosi in stupide fobie, dimenticandosi che la vita è una sola e deve essere vissuta per il meglio. Purtroppo o per fortuna morire si deve morire, tanto vale almeno provare a spiccare il volo quando si ha ancora la possibilità di farlo.Per non deluderla, per rispetto, per provare a migliorare la situazione del nostro vicino. Che fa la differenza non è solo come si muore ma soprattutto come si vive.

Commenti

progvolution ha detto…
Questo post è veramente stupendo.
Voglio solo aggiungere un verso dei Pearl jam:"I know I was born and I know that I'll die. The in between is mine"
Sussurri obliqui
Franca ha detto…
Un passo di Sepulveda dice che "vola solo chi osa farlo".
Forse è così che bisognerebbe prendere la vita...
Anonimo ha detto…
Concordo pienamente con la frase di chiusura ....
riri ha detto…
Caro Marco, sono daccordo con te..volare sempre più in alto, per poter comprendere, per esserci..
Ti abbraccio
Paola ha detto…
Ciao transitavo da frufrupina e mi sono chiesta perchè non sbirciare tra i suoi visitatori????
Ed eccomi qui a curiosare nel tuo...sono rimasta basita da questo post "parole sante" condivido in pieno il tuo pensiero...bisogna assaporare tutto ciò che avviene nel nostro cammino spiccando il volo.... si...sentirsi liberi come il volteggiare di un'aquila...
Mi aggiungo alla tua box blogger mi piacerebbe seguirti (se ti fa piacere) e se gradisci puoi farmi visita e aggiungerti alla mia...
Ti lascio una buona giornata un abbraccio...ciao ciao Paola
il monticiano ha detto…
Ecco, oggi mi sento più tranquillo perchè ho letto nel tuo post "LA RUOTA DELLA VITA" tutte quelle parole, quelle frasi, quei concetti che mi sono spesso girati nella mente ma che non sono stato mai capace di dimostrare sia verbalmente che per iscritto. Ed è una cosa che tu sai fare molto bene come pure gli altri amici blogger.
Straordinario post!bello veramente....condivido ciò che ha etto la mia cara e mitica furbetta di Paola...ovviamente scherzo...condivido ciò che ha deto lei...bacioni.
Gianna ha detto…
Marco quanta ragione hai...
Silvia ha detto…
Caro, hai ragione, lo so, lo sai, che hai ragione...

Ma quanto coraggio ci vuole per volare, per vivere, per tentare di essere felici...

;-)
Gap ha detto…
Nulla da aggiungere, solo cose da condividere.
Sabatino ha detto…
mi hai fatto venire in mente il gabbiano Jonathan Livingston.
L'unica cosa certa della vita è la morte. Se ne fossimo sempre cosciente io penso saremmo migliori.
Viviamo, agiamo, amiamo.
Bellissimo post
Anonimo ha detto…
Mi piace questo post, mi hai lasciato senza parole. Hai una sensibilità che trascende tutto il resto. Complimenti.
Anna ha detto…
La vita va affrontata per come ci si presenta e con coraggio.....
il monticiano ha detto…
Posso dirti una cosa? I tuoi commenti mi esaltano mentre quelli che cerco di fare a te sono del tutto meritevoli per quello che scrivi e per come lo scrivi.
Pupottina ha detto…
hai ragione. bisogna provare a spiccare il volo.... oppure semplicemente concentrarci sulle cose che riteniamo importanti e vivere unicamente dell'amore che abbiamo per determinate persone che vogliamo caratterizzino la nostra totale esistenza... non so se ho reso l'idea.... però dopo la morte di mio padre.... ho capito che potevo accontentarmi di tante cose poiché il mio posto è dove sono nata con le persone che mi amano e non ad inseguire ambizioni e sogni che mi porterebbero a trascurarle...
buon pomeriggio domenicale
;-)

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…