Passa ai contenuti principali

Non sarà colpa nostra?

Il video sopra, descrive uno scenario allarmante. Se accadrà, sarà certo colpa di un mercato sempre più lontano dai bisogni umani! La dimostrazione sta anche, nelle dichiarazioni del presidente della BCE che ammonisce, di non indicizzare i salari perchè ciò provocherebbe una spirale inflazionistica. Come dire: non arrivate a fine mese? Peccato, l'importante è che l'economia giri e il dogma mercato vada avanti. A tal proposito vi consiglio di leggere questo articolo: 7 Anni di Silenzio. Non siete obbligati a crederci ma non è il primo articolo, che leggo, di questo genere. Parla dello strapotere delle multinazionali, dell' azione coercitiva che riescono a realizzare sulle nostre menti. In effetti guardando la realtà riscontro un po di verità. Ad esempio è vero che siamo sempre più dipendenti dal dover acquistare tutto anche i generi di prima necessità. Come è reale il fatto, che il sistema ci vorrebbe indebitati per qualsiasi cosa, persino per un toast pane. Condivido anche la disamina sul valore del denaro, il quale ormai, ha annebbiato la mente di tutti noi. Tutti noi viviamo per il denaro, scordandoci che non si mangia. Distruggiamo ambiente, cementifichiamo, deforestiamo per soldi. Ma fino a quando potremo andare avanti? L'ambiente più che mai ora ci impone di riflettere! Siamo arrivati al punto di utilizzare aree fertili per coltivare bio- combustibili. Questa è una delle cause dell'aumento dei prezzi alimentari, che si calcola possa affamare 100 milioni di persone nei prossimi anni. Stiamo delirando! Invece di mangiare preferiamo riempire il serbatoio di una macchina. Incredibile! Se non cambiamo direzione rischiamo veramente l'estinzione!

Commenti

padmani ha detto…
Come condivido il tuo post!
li hai sentiti, ieri sera?
Montezemolo, tutto gongolante: bisogna crescere di più e riavviare i consumi...
Siamo dei consumatori di cose inutili, perchè in questo modo l'industria lucra, la confindustria arricchisce ese la fabbrica va male un calcio in culo agli operai, senza toccare le responsabilità del padrone.
Schiavi o liberi? Sta anoi crescere con una nuova consapevolezza.
Subcomandante1928 ha detto…
Sono d'accordo su tutto.

Per giunta questo sistema economico ha avuto pesantissime ripercussioni sulla nostra psiche.
Le emozioni, i sentimenti, il pensiero, sono stati pressochè annichiliti a favore di un 'volemoce tutti bene' che favorisce il mercato.

Heidegger disse: " Non mi spaventa l'età della tecnica, mi spaventa il fatto che l'umanità non sia pronta". Marx parlava di alienazione, prodotta dal denaro che si trasforma da mezzo a fine.

Credo che sia ora di spolverare queste filosofie, di pensarci su e di trovare il modo per combattare questo stile di pensiero.

Io credo che qualcosa di importante si potrebbe fare valorizzando la cultura, il pensiero, la creatività, le emozioni, l'arte..

..dici che il prossimo governo lo farà? La proposta di Mara Carfagna è sicuramente un atto di creatività. No, di idiozia.

p.s: arrivo qui da un tuo commento su Guerrilla Radio, mi sono permesso di dare un'occhiata e di lasciare un commento.


Saluti
Sub
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Innanzitutto ringrazio entrambi per il commento. Il confronto è sempre necessario soprattutto in una società dove comunicare è sempre più difficile. Certo padmani ho sentito tutto e provo un pò di rabbia nei confronti di tanta ipocrisia. Non sopporto chi considera bene comune uno sviluppo che svuota le persone della propria umanità e devasta l'ambiente. Sub io per tirarmi su di morale sto leggendo il Capitale. Certo, può essere considerata un' analisi un pò arcaica ma penso che nei contenuti sia sempre attuale. Soprattutto adesso che stiamo palesemente regredendo.La cultura è fondamentale. Più sei ignorante, e più hai peura e sei controllabile.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…