Passa ai contenuti principali

PAESE DI M...

Guardando il video sopra, devo dire che un po' condivido l' opinione che Ascanio Celestini ha del nostro paese. La condivido anche per ciò che accade a Casale Monferrato, la solita strage silenziosa conseguenza di un progresso sempre più pazzesco. Sul blog il russo potete trovare approfondimenti sulla: Giornata mondiale vittime dell'amianto. Dopo le elezioni, ho sinceramente pensato che il nostro popolo non fosse all'altezza della sua storia e di quelle persone che, come Beccaria, Dante, Galilei e tante altre hanno contribuito a fare grande l' Italia. Il paese che detiene 2/3 del patrimonio culturale mondiale caduto nell' oblio con la complicità del popolo. Si perchè, al contrario di Grillo, che continua a deresponsabilizzare le persone, per me, la colpa è nostra. Ad esempio, lui dice che i parlamentari non li avete votati voi, e quindi i relativi pregiudicati, perchè non eravate informati. Io rispondo: " tutti sapevano della storia di Cuffaro eppure diventerà senatore." e questo è solo un esempio. Credo, che non si possa continuare solo a denigrare la classe dirigente quando, la maggior parte degli italiani, vota per chi promette l' illusione di abbassare le tasse senza pensare, a quanto siano importanti per le fasce sociali più deboli. O altrimenti, ho sentito discorsi del tipo: " Se fossi al suo posto ruberei anch' io!" E allora cosa ci lamentiamo! La verità, è che la classe al "potere", non è tanto peggio di chi rappresenta. Tutto il sistema, è chiuso nel cieco individualismo senza una prospettiva di bene comune. Poi, ci lamentiamo che l' informazione in Italia non è libera. Per carità è vero, ma quando vedi programmi come il Grande Fratello che fanno più del 30 % di share, oppure, quando la maggior parte della gente va in edicola a comprare la gazzetta dello sport o giornali che espongono automobili, ti rendi conto del perchè l' informazione non è libera. Se provi a nominare giornali un pò seri come il Manifesto ti dicono che sei di parte e poi comprano roba che rabbrividisce. Il problema sono gli italiani. Sanno tutto dei calciatori e poi non conoscono chi è il presidente della repubblica. Una volta, mi è capitato addirittura che un precario non sapesse cosa fosse il precariato. Altrimenti, gente convinta che la Bossi-Fini fosse stata fatta dalla sinistra. Incredibile!!! Questi sono i problemi. Fino a quando, preferiremo vivere in una realtà parallela, possiamo scendere in piazza tutte le volte che vogliamo ma alla fine non cambierà nulla! Dobbiamo iniziare, ad assumerci le nostre responsabilità in quanto cittadini aventi diritti ( sempre meno ) e doveri. Solo così, inizieremo a cambiare le cose.

Commenti

Imagine ha detto…
complimenti per il blog! davvero interessante.
ti va uno scamnio di link?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie per i complimenti. Si cerca di fare qualcosa che possa aiutare le persone a svegliarsi.Per il link non c' è problema.
il Russo ha detto…
Concordo, un problema nell'informazione c'è eccome.
Non voglio abbassare il livello dell'argomento, però aprendo il telegiornale (in una giornata nella quale il silenzio sulle vittime dell'amianto é stato assordante) scopro che il neo sindaco della capitale deve ringraziare i mass media che ogni giorno tiravano fuori uno strupro diverso, é triste ma doveroso constatare che l'informazione, quella vera, quella che raggiunge il maggior numero di persone con buona pace di Grillo, é completamente indirizzata (pilotata?) solo su certi argomenti funzionali alle esigenze di qualcuno rispetto a quelle di qualcun'altro...
Grazie comunque, per me sto blog vale 1.000.000.000 di Studio Aperto, audience o meno!
il ricciolo ha detto…
grazie 1.000 e a presto a casale per una bevuta di buon barbera
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
E' vero purtroppo, anche se sull' argomento stupri c'è un' indagine in corso che rende la vicenda alquanto sospetta. Altronde è sempre con la paura che cercano di pilotare le persone. Per la notizia sulla giornata di oggi, non è necessario ringraziare visto che è un dovere morale pubblicarla.
il ricciolo ha detto…
dimenticavo...
domenica a casale c'è l'annuale festa dei popoli con suoni, danze, ma soprattutto cibi da tutto il mondo. se non sai cosa fare di meglio e non ti spaventano i km sei il benvenuto
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie mille Ricciolo. Non ti garantisco niente ma grazie dell' invito. Sei gentile. Ciao a presto

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…