Passa ai contenuti principali

PAESE DI M...

Guardando il video sopra, devo dire che un po' condivido l' opinione che Ascanio Celestini ha del nostro paese. La condivido anche per ciò che accade a Casale Monferrato, la solita strage silenziosa conseguenza di un progresso sempre più pazzesco. Sul blog il russo potete trovare approfondimenti sulla: Giornata mondiale vittime dell'amianto. Dopo le elezioni, ho sinceramente pensato che il nostro popolo non fosse all'altezza della sua storia e di quelle persone che, come Beccaria, Dante, Galilei e tante altre hanno contribuito a fare grande l' Italia. Il paese che detiene 2/3 del patrimonio culturale mondiale caduto nell' oblio con la complicità del popolo. Si perchè, al contrario di Grillo, che continua a deresponsabilizzare le persone, per me, la colpa è nostra. Ad esempio, lui dice che i parlamentari non li avete votati voi, e quindi i relativi pregiudicati, perchè non eravate informati. Io rispondo: " tutti sapevano della storia di Cuffaro eppure diventerà senatore." e questo è solo un esempio. Credo, che non si possa continuare solo a denigrare la classe dirigente quando, la maggior parte degli italiani, vota per chi promette l' illusione di abbassare le tasse senza pensare, a quanto siano importanti per le fasce sociali più deboli. O altrimenti, ho sentito discorsi del tipo: " Se fossi al suo posto ruberei anch' io!" E allora cosa ci lamentiamo! La verità, è che la classe al "potere", non è tanto peggio di chi rappresenta. Tutto il sistema, è chiuso nel cieco individualismo senza una prospettiva di bene comune. Poi, ci lamentiamo che l' informazione in Italia non è libera. Per carità è vero, ma quando vedi programmi come il Grande Fratello che fanno più del 30 % di share, oppure, quando la maggior parte della gente va in edicola a comprare la gazzetta dello sport o giornali che espongono automobili, ti rendi conto del perchè l' informazione non è libera. Se provi a nominare giornali un pò seri come il Manifesto ti dicono che sei di parte e poi comprano roba che rabbrividisce. Il problema sono gli italiani. Sanno tutto dei calciatori e poi non conoscono chi è il presidente della repubblica. Una volta, mi è capitato addirittura che un precario non sapesse cosa fosse il precariato. Altrimenti, gente convinta che la Bossi-Fini fosse stata fatta dalla sinistra. Incredibile!!! Questi sono i problemi. Fino a quando, preferiremo vivere in una realtà parallela, possiamo scendere in piazza tutte le volte che vogliamo ma alla fine non cambierà nulla! Dobbiamo iniziare, ad assumerci le nostre responsabilità in quanto cittadini aventi diritti ( sempre meno ) e doveri. Solo così, inizieremo a cambiare le cose.

Commenti

Imagine ha detto…
complimenti per il blog! davvero interessante.
ti va uno scamnio di link?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie per i complimenti. Si cerca di fare qualcosa che possa aiutare le persone a svegliarsi.Per il link non c' è problema.
il Russo ha detto…
Concordo, un problema nell'informazione c'è eccome.
Non voglio abbassare il livello dell'argomento, però aprendo il telegiornale (in una giornata nella quale il silenzio sulle vittime dell'amianto é stato assordante) scopro che il neo sindaco della capitale deve ringraziare i mass media che ogni giorno tiravano fuori uno strupro diverso, é triste ma doveroso constatare che l'informazione, quella vera, quella che raggiunge il maggior numero di persone con buona pace di Grillo, é completamente indirizzata (pilotata?) solo su certi argomenti funzionali alle esigenze di qualcuno rispetto a quelle di qualcun'altro...
Grazie comunque, per me sto blog vale 1.000.000.000 di Studio Aperto, audience o meno!
il ricciolo ha detto…
grazie 1.000 e a presto a casale per una bevuta di buon barbera
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
E' vero purtroppo, anche se sull' argomento stupri c'è un' indagine in corso che rende la vicenda alquanto sospetta. Altronde è sempre con la paura che cercano di pilotare le persone. Per la notizia sulla giornata di oggi, non è necessario ringraziare visto che è un dovere morale pubblicarla.
il ricciolo ha detto…
dimenticavo...
domenica a casale c'è l'annuale festa dei popoli con suoni, danze, ma soprattutto cibi da tutto il mondo. se non sai cosa fare di meglio e non ti spaventano i km sei il benvenuto
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie mille Ricciolo. Non ti garantisco niente ma grazie dell' invito. Sei gentile. Ciao a presto

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…