Passa ai contenuti principali

Il dialetto è una lingua seria

Il napoletano sbarca al Parlamento europeo. Al dialet, a lè na lingua seria.

Commenti

Silvia ha detto…
Che vergogna...
Andrew ha detto…
senza parole
and ha detto…
senza parole davvero! e io vengo dal nord dove sta roba del dialetto ha un bel po' di sostenitori anche se poi ne conosco veramente pochi che lo parlano.
ci attende un futuro molto buio.
Bruno ha detto…
io sono piemontese e adoro parlare il dialetto .... ovviamente nelle sedi giuste :-)
il Russo ha detto…
O madona signur, ma cullì da 'nduca 'lriva? Che figuri ad merda, povra italia...
luce ha detto…
Carissimo, oltre all'inappropriato uso del dialetto in Parlamento Europeo, la cosa che mi ha fatto veramente rabbrividire è il contorno: vociare, saluti, sorrisi, disattenzione disordine e tanta poca serietà.
Non so bene quale delle due cose è da disapprovare di più.
Un abbraccio
calendula ha detto…
quoto, Luce, ho gia visto questo video in un altro blog, di una giovane ragazzo napoletano, e il mio commento è stato proprio quello sulla disattenzione dilagante, sulla poca importanza data alle parole di un rappresentante italiano, che non dimentichiamolo il suo discorso l'ha fatto prima in italiano, e poi ha solo tradotto nel suo dialetto, mi sono chiesta la soglia d'attenzione era così bassa perchè parlava un italiano, o e per tutti gli interventi così? e dove si arriva con questa disattenzione? che decisioni si prendono? e non dimentichiamoci che quei rappresentanti sono pagati da tutti noi europei con le tasse, e sono pagati profumatamente...
Per quanto contraria a queste sceneggiate in piena regola,quello che non s'è capito è che il parlamentare in questione l'ha fatto per "irridere" i leghisti,e non con fini meramente campani!!
Informations please!!!!!!

sai marco mentre questi cazzeggiano purtroppo la strage continua e tutti noi siamo complici!!!
Gap ha detto…
Simmo e Napule paisà.
Pizza e mandolino.
A da passà a nuttata.
Bastian Cuntrari ha detto…
@Gabrybabelle, brava!
Da pura mezzo sangue italica - più nordica che ... sudicia - se fossi stata lì, mi sarei spellata le mani per applaudire chi ha avuto il coraggio di replicare per le rime alla Lega e irridere - con vero humor - alle sue proposte.
È vero, in quella sede può essere stato poco adeguato, ma se lo avesse fatto in un'intervista a Radio Posillipo, chi l'avrebbe rilevato???
emanuela ha detto…
Non ci sono parole, neanche in dialetto!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…