Passa ai contenuti principali

DAL BASSO

Le rivoluzioni nascono dal basso, vero. Però, al di fuori di facili proclami populisti, non ci può essere nessun cambiamento senza cultura, e conseguente comprensione e presa di coscienza della realtà. Tutto il resto, porta a chiusure campaniliste, che non risolvono il problema, diventando esse stesse braccio operante del potere costituito. Tutto il resto... porta a movimenti come direbbe Calvino, dai furori anonimi che non cambiano la Storia, perchè fondati sugli stessi valori che quest'ultima hanno corrotto.
Questo video, racchiude tutta l'involuzione culturale. Il paradosso, è avere ministri della Repubblica dati da un partito, che non si riconoscese nemmeno nell' unità nazionale.

Commenti

Gap ha detto…
Sto pensando seriamente di rivalutare le teorie di Cesare Lombroso.
Condivido il tuo pensiero. Perdona se questa volta mi sono astenuto dal guardare il Video. Era oltre le mie povere forze vedere Borghezio. Ti prego perdona e comprendi :-))) LOL!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Caro Daniele,hai la mia solidarietà. L'ho trovato per caso e mi sembrava emblematico come dimostrazione, ma ho fatto fatica anch'io a terminarlo.
il Russo ha detto…
La nazione non la riconoscono, ma i soldi che gli dà son molto ma molto ben accetti...
Vincenzo Cucinotta ha detto…
Io, da non marxista, credo tuttavia come Lenin che bisogna partire da un'avanguardia, che sia in grado di esercitare un'egemonia nella società: non credo davvero che le rivoluzioni partano dal basso. Il popolo è coinvolto piuttosto da minoranze organizzate e consapevoli.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Vincenzo: un'avanguardia formata dal basso, perchè l'èlite intellettuale odierna, fa sperare ben poco.
Crocco1830 ha detto…
Mi trovi assolutamente d'accordo. E' un concetto che se non recepito, non potrà esserci speranza di cambiamento.
tommi ha detto…
che ti devo dire. questa è l'italia, prendere o lasciare. io forse lascerò.
Anonimo ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Punzy ha detto…
carissimo, come non concordare con quanto scrivi?

ahem, anch'io mi risparmio Borghezio..
luce ha detto…
Carissimo, Borghezio no, mi spiace , non sono riuscita a vederlo, non ce la faccio...
Certo , dal basso le rivoluzioni possono essere guidate, nel senso che arrivati alla consapevolezza del disagio e ascquisita la necessaria forza e volontàdi cambiare, come dive Vincenzo, ci deve essere un gruppo elitario che orienti il da farsi.
Io, rispetto a te sono più ottimista: ci sono delle menti umane e sensibili, oltre che brillanti e razionali che potrebbero fare qualcosama secondo me manca solo un solo elemento: l'altruismo, perchè le rivoluzioni si fanno per migliorare gli altri e non noi stessi singolarmente.
Io tengo all Italia e proverò a cambiarla e ad insegnare ai miei bambini che c'è di meglio da fare e si può fare.
Un abbraccio affettuoso consueto

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…