Passa ai contenuti principali

IL GUFARE

La paura della crisi è frutto della propaganda di sinistra, che gufa contro il bene del paese. L' Ocse, tradizionale organo di propaganda della sinistra anticapitalista, oggi lancia questo monito:

In Italia "il peggio deve arrivare"

Se in alcuni Paesi si è già registrato un forte aumento della disoccupazione a causa della crisi, "per altri paesi come Italia, Germania e Francia la crescita della disoccupazione deve ancora arrivare". I salari italiani sono cresciuti tra il 2006 e il 2007 dello 0,1%, meno rispetto allo 0,9% della media Ocse, dello 0,8 della Ue-15 e dello 0,9% della Ue-19, sostiene l'Ocse.

Consiglio di leggere l'erticolo su Rainews24, a questo link: In Italia "il peggio deve arrivare"

La domanda che mi sorge spontanea è: " come possiamo essere fuori dalla crisi, se la gente perderà il posto di lavoro?" Forse distribuiranno a tutti noi la licenza per poter stampare soldi.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
ANSA) - ROMA, 16 SET - Oro ai massimi da 18 mesi sui mercati europei. Il metallo giallo viene scambiato a Londra a 1.020,90 dollari l'oncia.

Qualcuno tiene d'occhio questo segnale, perchè considerato bene di rifugio e quindi investimento sicuro.
Non sarà che si predica una cosa, ma le aspettative sono altre?
Bruno ha detto…
ti dico soltanto una cosa, da una mia esperienza. Non ho letto nessun giornale o sentito cazzate in tv. 10 giorni fa un cliente con circa 60 dipendenti, dall'oggi al domani ha CHIUSO. Tutti a casa. E' un netto segno di ripresa e sano ottimismo nel paese.
calendula ha detto…
ne ho sentito parlare della quotazione dell'oro in rialzo, e di come moltissimi stati si stiano affrettando a rimpinguare le riserve il peggio arriverà a Gennaio,mamma mia...
Daniela ha detto…
In effetti la sensazione è davvero che il peggio non solo non sia passato, ma non ha ancora finito di risalire la china... io spero che non duri tanto. Invece di sorridere a trentadue denti rifatti e spandere ottimismo, prego che il governo ci lasci sopravvivere senza lanciarci salvagenti che pesano come pietra.
Gap ha detto…
Sol infatti noi abbiamo comperato 'na quintalata d'oro, non si sa mai il futoro cosa ci riserva.
Crocco1830 ha detto…
E' vero, purtroppo. Sta terminando la cassa integrazione e poi? Nuovi disoccupati. Accenni di ripresa si vedono da indicatori macroeconomici, da qualche segno + in borsa o roba del genere, ma gli effetti sulla vita reale si vedranno alla lunga. Quei dati questi vengono propagandati come dati inconfutabili di ripartenza dell'economia, e questo fa capire come alla ripresa tutto sarà come quando c'è stata la caduta.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gap, se questo sistema "equo e solidale", non mi obbligasse ad investire un quarto di secolo per avere ciò che è un mio diritto: la casa, comprerei qualche ettaro di terreno sicuramente. Con la terra, è sicuro che mangi sempre.
Rouge ha detto…
Scorrendo tutti i giorni gli annunci di lavoro ti posso confermare che di riprese ci sono solo quelle per il culo ai nostri danni, ripetutamente.
marianna ha detto…
TI DEVO RIMPROVERARE NON HAI PRESO IL REGALO HO VISTO ORA ...E NON SI FA A ME ò!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Qual è la la punizione Marianna?
Cento frustate in pubblica adunanza?
Scusami, ma per quelle cose proprio non riesco più a trovare il tempo.
Grazie, comunque è sempre un piacere.
Zion ha detto…
siamo alle solte, la crisi non esiste, e cmq è già passata. Come? la ericcson butta fuori centinaia di persone? come? i contratti dei precari non vengono rinnovati? come? a milano decine di migliaia di cassintegrati? ma no, è solo demagogia della sinistra! Si sa che i comunisti mangiano i bambini.
il Russo ha detto…
Il massimo del minimo l'ha raggiunto il Giornale on line di oggi che pur di non parlare del flo del padrone metteva a tutta pagine l'allarme dell'ocse: alla faccia del loro proberbiale ottimismo che nega la realtà, un bel cortocircuito orwelliano!
riri ha detto…
..e penso anche ai settori, dove prima si investiva già pochissimo...
ciao Marco.
stella ha detto…
Ma come si può mentire di fronte ad una cruda realtà?
Ci credono proprio senza "testa"...

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…